‘A BBANDÍRE

Cliccare su questo pulsante Giochi di strada per tornare all’elenco dei Giochi di strada

 

 

‘A BBANDÍRE

U cambe pe jucà putéve èsse ammizze ‘a strade o nda nu curtigghje larghe.

I jucature avévene èsse alméne ùnece (11) però se putéve jucà pure a cinghe, a sètte e a nóve.

Se menave u túcche pe vedè chi tenéve ‘a bbandíre (nu maccatúre) e dope se facévene i squadre (nda stu case doje squadre de cínghe).

Quille che tenéve ‘a bbandíre se mettéve all’inìzzeje d’u cambe a metà tra i doje squadre (a metà se desegnave che ‘na ríghe pe ndérre).

I squadre se mettévene affelarate, faccefronde, a ‘na quinecíne de passe d’a ríghe cendrale d’u cambe.

Ógne jucatore tenéve nu nnumere a seconde de  cúme stéve affelarate: i prime jucature di doje squadre èrene i nnumere 1, i seconde èrene i nnumere 2 e accussi víja-víje.

Quille che tenéve ‘a bbandíre (u maccatúre) c’u vrazze ndesecate, chiamave nu nnumere a case: DUJE! I numere 2 di doje squadre currévene veloce p’arrevà vecíne ‘a bandire, senza superà ‘a righe de mizze d’u cambe sennò se perdéve u punde.

Avíve sta attinde a nen tuccà u jucatore de l’ata squadre prime che quiste tuccave o pegghjave u maccature, sennò se perdéve u punde.

U punde venève assegnate a squadre de chi se pigghjave ‘a bbandíre turnanne o posto súje sènza farse ngappà.

Si u jucatore venéve ngappate prime d’arrevà a file súje, u punde venéve assegnate all’ata squadre.

A stu punde i jucature turnavene ndréte o poste lore dinde i file e u “portabbandíre ” chiamave n’ata cocchje de jucature.

Vengéve ‘a squadre che faceve pe prime alméne 11 o 15 punde.

 

LA BANDIERA

Il campo per giocare poteva essere in mezzo alla strada oppure in un cortile largo.

I giocatori dovevano essere almeno 11 però si poteva giocare pure a 5, a 7 e a 9.

Si faceva la conta per vedere chi doveva tenere la bandiera (un fazzoletto) e dopo si facevano le squadre (in questo caso due squadre di 5).

Quello che teneva la bandiera si metteva all’inizio del campo a metà tra le due squadre (la metà si disegnava con una riga per terra).

I componenti delle squadre si mettevano in fila, uno di fronte all’altro, ad una quindicina di passi dalla riga centrale del campo.

Ogni giocatore aveva un numero assegnato in base a come era posizionato nella fila: i primi giocatori delle due squadre erano i numeri 1, i secondi i numeri 2 e così di seguito.

Quello che teneva la bandiera (il fazzoletto) con il braccio teso, chiamava un numero a caso: DUE! I numeri 2 delle due squadre correvano veloci per arrivare vicino alla bandiera, senza superare la riga centrale altrimenti si perdeva il punto).

Bisognava stare attenti a non toccare l’avversario prima che questi toccava o prendeva il fazzoletto, altrimenti si perdeva il punto.

Il punto veniva assegnato alla squadra di chi si prendeva la bandiera tornando al suo posto senza farsi acchiappare.

Se il giocatore veniva acchiappato prima di arrivare alla sua fila, il punto veniva assegnato all’altra squadra.

A questo punto i giocatori tornavano indietro al loro posto nella fila e il portabandiera chiamava un’altra coppia di giocatori.

Vinceva la squadra che faceva per prima almeno 11 o 15 punti.