A CAVEZÈTTE ‘I MÚRTE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Ascanio Iliceto per tornare all’indice

ASCANIO ILICETO

Per ascoltare la poesia cliccare con il pulsante sinistro del mouse su del player. 

 

A CAVEZÈTTE ‘I MÚRTE

Madò! E quanne arrive craje?

Sta jurnate de tutt’i Sande

eje longhe assaje: nu turminde.

Nen passse maje.

 

Tutta sta frègula ngule

éve pecché doppe sta jurnate

arrevavene i Múrte

e quiste ce purtavene u rrijale.

 

‘A sére, atturne o pédevrascìre,

ci’accundavene che nd’a nuttate

i múrte ascèvene da i tavúte

e mbrecessióne jévene ngire

 

Ggeravene pe tutta Lucére

pe salutà parínde, amice e cumbare.

E trasèvene nde case lore

e jenghévene i cavezètte e crejature.

 

Mamme, doppe nzerrate i porte,

affelarave quatte cavezètte,

‘na zupperèlle ch’i ciccecutte

e nu mizze cerogge appecciate.

 

Nuje stavame nde litte

c’a cape sotte i cuuerte

e ogne tande ‘na smerciate

ma ‘a paúre ce facéve cacà sòtte.

 

‘A matetíne, mamme a citta a citte,

jengheve i cavezètte, de purtuualle,

granate, chetúgne, vajenèlle

e metteve i nnúme sópe i bbegljtte.

 

A stèss’ore, mamme, ce sscetave

e núje a corre pe vedè i cavezètte.

Èravame cundende, ére ‘na fèste.

Éve l’uneche rrijale ca ce tuccave.

 

Doppe lavate e vestúte, tutt’i uagliúne

ascèvene da i porte di suttane,

e tra lore facévene i paragúne.

Furmate ‘a croscke, lucculavene:

 

“’A cavezètte de l’àneme ’i múrte,

addefrisscke a tutt’i múrte”.

 

LA CALZA DEI MORTI

Madonna! E quando arriva domani?

Questa giornata di tutti i Santi

è lunghissima: un tormento.

Non passa mai.

 

Tutta questa fretta addosso

era perché dopo questa giornata

arrivavano il giorno dei Morti

e questi ci portavano il regalo.

 

La sera, intorno al porta braciere,

ci raccontavano che nella notte

i morti uscivano dalle bare

e in processione andavano in giro

 

Giravano per tutta Lucera

per salutare parenti, amici e compari.

Ed entravano nelle loro case

e riempivano le calze ai bambini.

 

Mamma, dopo aver chiuso le porte,

allineava quattro calze,

una ciotola con il grano cotto

e una mezza candela accesa.

 

Noi stavamo nel letto

Con la testa sotto le coperte

e ogni tanto una sbirciata

ma la paura ce la faceva fare addosso.

 

Alla mattina presto, mamma in silenzio,

riempiva le calze, di arance,

melograni, mele cotogne, carrube

e metteva i nomi sopra i biglietti.

 

Alla stessa ora, mamma, ci svegliava

e noi a correre per vedere le calze.

Eravamo contenti, era una festa.

Era l’unico regalo che ci toccava.

 

Dopo lavati e vestiti, tutti i ragazzi

uscivano dalle porte dei terranei,

e tra loro facevano i paragoni.

Formata la combriccola, gridavano:

 

“La calza dell’anima dei morti,

sollievo a tutti i morti”.