‘A CECÁLE E ‘A FURMÍCHE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Michele (Lino) Montanaro per tornare all’indice

MICHELE (LINO) MONTANARO

‘A CECÁLE E ‘A FURMÍCHE

Tánda e ttánda tímbe fà, ce stéve ‘na cecále ch’ère pe ‘na furmíche cummáre,

e abbetavene fóre tutt’a staggione cúme fossere tázze e ccucchiáre.

‘A furmíche mettève da párte tutte quille che putève pe vírne che arreváve,

‘a cecále, nvéce, stéve sóp’a n’àreve d’a matíne ‘a sére e sckitte candáve,

 

Passáte ‘a staggione arrevajene i prime fridde e quánne cumengjaie a nevecà,

‘a cecále jíje a’ cáse d’a furmíche a cercà chècchècóse da magnà:

“Nné cummáre míje fóre fáce troppe fridde e ténghe ‘na fáme che nge véde cchjù,

íje arronze a tutte vánne e váce bbùne púre tutte quille che tíne suuirchje ttù “.

 

Respunnije ‘a furmíche: “Ma tu ndímbe de staggione che facíve?”

“Íje  candáve locche-locche ‘mbácce ‘o sole sóp’a n’àreve de vulíve!”

‘A furmíche, tosta tosta, decíje: “Addefrisscke a l’àneme d’u pregatorèje,

nen me facènne perde tímbe, íje nen zonghe nné mmatte nné bbrèje.

 

‘A robba míje fatigáte a ténghe sckitte a rrequèste pe mmè,

e ndénghe mánghe ‘na ndenzióne de pegghjárme corle pe ttè.

P’accucchjà ‘stu bbène de Ddíje m’agghje fátte ngúle i cálle,

e tu che pe magnà vìne a qquà nnánze prime è candáte e mò bálle!”.

 

LA CICALA E LA FORMICA

Tanto e tanto tempo fa, c’era una cicala che era comare con una formica,

e vivevano in campagna tutta l’estate come se fossero inseparabili.

La formica metteva da parte tutto quello che poteva per l’inverno che arrivava,

la cicala invece passava il suo tempo su un albero dalla mattina a sera e cantava.

 

Passata l’estate arrivarono i primi freddi e quando cominciò a nevicare,

la cicala andò a casa della formica a cercare qualche cosa da mangiare:

“Cara comare fuori fa troppo freddo e io ho una fame che non ci vedo più,

mi arrangio come posso e mi va bene anche quello che a te avanza”.

 

Rispose la formica: “Ma tu in tempo di estate che facevi?”

“Io cantavo lentamente al sole, sopra un albero di ulivo!”

La formica con durezza disse: “Fallo per le anime del purgatorio,

non mi fare perdere tempo, io non sono né matta né spilorcia.

 

Le mie provviste le tengo solo a mia disposizione,

e non ho nessuna intenzione di interessarmi di te.

Per mettere insieme questo ben di Dio mi sono fatta i calli al culo,

e tu che mi disturbi per mangiare, prima hai cantato e adesso balli”.