‘A CIACCANÈLLE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Michele (Lino) Montanaro per tornare all’indice

 

MICHELE (LINO) MONTANARO

‘A CIACCANÈLLE

Stève juste-juste pe jirse a ffà ‘na mezzorètte

quánne sunáje u cambanille quás’a despètte.

subbète penzáje chi ère ‘stu sfaccíme de sunastóre

che venéve a sfreckà ‘a ggènde a’ condróre.

 

S’affacciáje alijánne e gastemánne o’ bbalecóne,

c’a fiseme che l’avève sderenà a quillu fracetóne,

ma doppe che se n’accurgeje ch’ère u cumbágne amáte,

u fatte avev’èsse nu bbèlle poche delecáte.

 

Se sestemarene  comede ccomede nd’o saluttíne,

cúm’a l’úse d’i cáse luceríne,

e pe ffà fèste o’ mègghje cumbáre,

a’ mugghjére dicéje cáre-cáre:

 

“Ciaccanèlle, purte  u resoreje d’u bbuscuttáre,

sènza farte raccumannà d’èsse aváre,

ciaccanèlle cácce púre i frù-frù, ‘i marètte e ‘i ssciù,

quille bbùne che sáje ffà sckitte ttù.”

 

U cumbágne téneve ‘na fácce che facéve ‘mbressióne,

pe ‘sti ttrè allessciáte da ‘stu maríte prevelóne,

e nen putè fa mméne de dummannà a ‘stu meraculáte,

pecché à chiamáve angóre ciaccanèlle doppe tand’anne ormáje nzuráte.

 

“Stúrte e mmalúrte propete auanne,

che síme spusáte fánne quáse quarand’anne,

apperò, agghje páce, u fátt’éje che de ‘sta dáme,

me ne songhe propeje scurdáte cúme cázze se chiáme.”

 

IL TESORINO

Stava proprio in quel momento andando a farsi una mezzoretta (di sonno),

quando suonò il campanello quasi per dispetto,

subito pensò a chi era questo scocciatore,

che disturbava le persone nell’ora della siesta.

 

Si affacciò sbadigliando e bestemmiando al balcone,

con l’idea di dirgliene quattro a questo mascalzone,

ma non appena si accorse che era il suo migliore amico,

pensò che la faccenda doveva essere seria.

 

Si accomodarono comodi nel salottino,

come da usanza nelle case lucerine,

e per festeggiare il suo migliore amico,

disse alla moglie dolcemente:

 

Tesorino, porta il rosolio del biscottaio,

e riempi i bicchieri senza risparmio,

tesorino tira fuori pure i wafer, gli amaretti e i bignè,

quelli buoni che sai fare solo tu.

 

L’amico era sbalordito,

di come questo marito vezzeggiava la moglie,

e non poté fare a meno di chiedere a questo miracolato,

come mai la chiamava ancora tesorino dopo tanti anni ormai sposato.

 

Alla meno peggio proprio quest’anno,

fanno quasi quarant’anni,

Però, cerca di capirmi, la questione è che di questa signora,

mi sono proprio dimenticato come diavolo si chiama.