‘A còccia tòste

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

 H:\VOCABOLARIO E DETTI LUCERINI\LUCERA - RACCONTI\DISEGNI\04_riposo_in_osteria.jpg Nu coccetuste se truàje a pparlà che nu cumbagne e ttutte sapéve isse. E u trascurze capetàje sóp’i fìrre d’a meteture.

Mò’ ére tande ggnurande che nn’u sapéve manghe chè s’ausave ‘a fàvece.

Év’a fa ciucce e ppresendùse. Isse decéve ca se metéve c’a fròbbece e quille decéve: “Vide ca se méte c’a fàvece”. E quille: “C’a fròbbece”.

Chiamaje a cchjù de nu crestijane, e quille ce decèvene: “C’a fàvece”.

E quille: “No, c’a fròbbece”. Mò’ se tande ngazzàrene che decìrene: “Mò’, o dice cume decìme nuje o te facìme a fòsse”.

Da fessarìje, jìrene avèramende ngambagne, e ddecìrene: “Mé’, cume se méte?”. E quille: “C’a fròbbece”.

Cumenzàje a scavà ‘a fòsse. E quille decéve sèmbe ca se metéve c’a fròbbece.

E quille cumenzaje avèramende a ccumegghjarle. E, mmane mane ca u cumegghjàvene, u ddummannàvene: “Cume se méte?”. E qquille sèmbe: “C’a fròbbece”.

U cumegghjàrene pure i duje dite ca facèvene sèmbe u gèste d’a fròbbece.

E qquuille decìrene: “Mè’, va mure!”.

LA TESTA DURA

Un testardo si trovò a parlare con un compagno e ogni cosa sapeva lui. E il discorso cadde sugli strumenti della mietitura. Ora quello era tanto ignorante che non sapeva che si usava la falce. Doveva fare l’asino e il presuntuoso. Egli diceva che si mieteva con le forbici e quello diceva: “Vedi che si miete con la falce”. E quello: “Con le forbici.

Chiamò parecchi e quelli gli dicevano: “Con la falce”. E lui: “No, con le forbici”. Ora si arrabbiarono tanto che dissero: “Senti, ora o dici come diciamo noi o ti facciamo la fossa”.

Dallo scherzo passarono ai fatti e andarono veramente in campagna, e dissero: “Di’ su, come si miete?”. E lui: “Con le forbici. Uno cominciò a scavare la fossa. E quello diceva sempre che si mieteva con le forbici. E gli chiedevano: “Come si miete?”. E lui sempre: “Con le forbici”. Gli coprirono anche le due dita che facevano sempre il gesto delle forbici.

E quelli sentenziarono: “Va bene, va’ a morire!”.