‘A code de pagghje

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Na vòlepe, dòppe ca jij’a ffenèssce c’a códe dind’a ‘na tagghjóle, facìje mód’e mmanìre pe ffujiresinne; e ci’arrejesscìje, ma avìja lassà a llà ‘na bbèlla parzione d’a códe ca ére lònghe e ggròsse.

Quanne l’ati nnemale sapìjene u fatte, se mettìjen’a ccumbassióne; pò’ se mettìjene d’accòrde e ttutte quand’anzìme i facìjene nu rrejale a vòlepe; i rrejalàrene ‘na bbella códe de pagghje, fatt’a mmane, accussì, a la bbéne de Ddije, cume mègghje putìjene fà.

Mò’, u fatte chè ne nn’éva sapè nessciune, quillu bbabbe d’u galle u jije decènne a ttutte quande, e ccussì pure i patrune d’i gallenare sapìjene ch’a vòlepe tenéve ‘a códe de pagghje.

E qquille chè facìjene? Appecciàrene u fuche annanz’e cangióle e, u sa’, ‘a vòlepe, chè sapéve bbune u defètte suje, furbe, nze manghe accustàje, p’a pavure ca se gardéve ‘a códe.

E da qua è nnate quillu ditte ca dice: “Chi téne ‘a códe de pagghje s’a mbóche”.

 

LA CODA DI PAGLIA

Una volpe, dopo essere andate a finire con la coda in una tagliola, fece di tutto per scappare; e ci riuscì, ma dovette lasciare là buona parte della coda, che era lunga e grossa.

Quando gli altri animali seppero il fatto, ebbero compassione; poi si misero d’accordo e tutti insieme fecero un regalo alla volpe: le regalarono una coda di paglia, fatta a mano, così alla buona, come meglio poterono.

Ora, il fatto che non si doveva rivelare a nessuno, quello stupido del galletto lo riferì a tutti, e così vennero a saperlo anche i padroni dei pollai che la volpe aveva la coda di paglia.

E quelli che fecero? Accesero il fuoco davanti alle stie e, come puoi immaginare, la volpe, che conosceva il suo difetto, furbamente, non si avvicinò nemmeno, per paura che si bruciasse la coda.

E da qui è nato il detto che dice: “Chi ha la coda di paglia se la brucia”.