‘A CUCCUUAJE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice

 

 

 COSTANTINO CATAPANO

‘A cuccuuaje

‘A cuccuuaje, stace accucculate sop’u titte,

probete faccefront’a ttè,

e se vede ca spije dritte-dritte,

cume cuccuajasse a ttè.

Pare ca già duje s’ha carrejate,

adda accucchià trè a quella strade:

a sere chi a sènte cuccuuajà,

ne ne pò fà a mmene de se grattà!

 

La civetta

La civetta, sta appollaiata sopra il tetto,

proprio dirimpetto a te,

e si vede che spia proprio di fronte,

come se facesse il verso a te.

Sembra che già due li ha mandati al cimitero,

deve mandare tre per quella via:

la sera chi la sente fare il verso,

non può fare a meno di grattarsi!

 

Premiata al 3° Concorso naz. di Poesia dialettale «U. Bozzini» – Giugno ’75.