‘A cummara ndiste

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

 

Stèvene duje cumbare, marite e mmugghjere e marite e mmugghjere, ché tande se vulèvene bbène, se spartèvene u sunne, cume se dice.

Pèrò u cumbare cchjù vvècchje tenéve nu bbrutte vizzeje: se jév’a ppresendà tròppe spisse a óre de magnà a case de quill’ati cumbare,mò’ pe ‘na scuse e mmò’ pe nàvete.

Mò’ nu bbèlle jurne ‘a cummare, cchjù ffine de isse, i facìje u servizzeje

Avéve preparate ‘na bbèlle pizze, penzanne ca u cumbare quillu jurne tande fridde nz’appresendave. Ma quèll’addóre ére tande fòrte, chè mbrufumàje tutt’a stratólle.

U cumbare bbune facìje, se ngapputtàje e ssùbbete se facìje a ffacciate da i sòlete cumbare.

Ma, a sendute d’a pedate, ‘a cummare bbune facìje chè pegghjàje ‘a pizze e ss’assettàje sópe appéne sfurnate.

U cumbare, furbe, decìje: “Sèmbe t’è vezà, tande… cóce…”.

Ma ‘a cummare, tòste, nze semuvéve.

Allóre, viste ‘a mala parate, u cumbare ce renungiàje e sse ne jije decènne: “Cummà’, ne mme ne mbicce e nne mme ne cure, ma ‘a pizze t’à garze u cule….”.

Da quillu jurne u cumbare cagnàje reggistre e nge jije cchjù, ma sèmbe cumbare rumanìjene.

 

LA COMARE SCALTRA

C’erano due compari, marito e moglie e marito e moglie, che si volevano tanto bene, si dividevano il sonno come si suole dire. Però il compare più anziano aveva un brutto difetto: andava a presentarsi troppo spesso a ora di pranzo a casa degli altri compari ora con una scusa ora con un’altra.

Ora un bel giorno la comare, più astuta di lui, gli fece il servizio.

Aveva preparato una bella pizza, pensando che il compare quel giorno così freddo non si presentasse. Ma quell’odore era così forte, che profumò tutta la stradina.

Il compare pensò di indossare il cappotto e di fare una capatina dai soliti compari.

Ma, nel sentire il rumore dei passi, la comare ebbe l’idea di prendere la pizza e di sedervisi sopra, appena cacciata dal forno.

Il compare, furbo, disse: “Dovrai pure alzarti una buona volta, tanto scotta…”.

Ma la comare resistette.

Allora, accortosi che le cose si mettevano male, il compare ci rinunciò e se ne andò dicendo: Comare, non mi impiccio e non mi curo dei fatti tuoi, però la pizza ti ha scottato il sedere!….”.

Da quel giorno il compare cambiò modo di agire e non ci andò più, ma restarono sempre compari.