‘A CURNÁCCHJE E ‘A VOLEPE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Michele (Lino) Montanaro per tornare all’indice

MICHELE (LINO) MONTANARO

‘A CURNÁCCHJE E ‘A VOLEPE

 ‘Na curnácchje steve c’u ‘nu pizze de casecaválle mmocche,

che assemegghjáve quille de Sand’Anne u bberlocche,

Sóp’a l’àreve paréve che téneve ‘u candre sótt’u náse,

ndènne rètte a nnissciúne quáse quáse.

 

‘Na volepe marpióne che ‘na fáme che ngevédeve passáje a llà sótte,

e facíje subbète penzíre di jì a mmagnà a ccása vindótte.

“ Troppa grazzje San’Andoneje p’a fáme míje attrassáte,

dímece da fà che ogge ‘a jurnáte è fertunáte”.

 

Nd’a ‘na vutáta d’úcchje díje parlamínde a curnácchje,

sténne pronde a cumbenà nu bbèlle nguácchje.

“Bbongiorne e bbonaùreje, cummára míje,

abbejáme ‘sta jurnáte che lu sánde nnome de Ddíje”.

 

‘A curnácchje: “Nné quánne máje àmme magnáte nd’u stèsse piátte,

che mò íje bbèlle e bbùne t’avarríje ffà i trátte?”

‘A volepe: “ Stáje ndruvulijáte, che stanotte è llattáte i gattarílle,

nen sturcènne sùbbete sùbbete quillu bbèlle mussílle.

 

Quánde ssì bbèlle che quill’úcchje da malandríne,

e vída-vì che bbèlli pénne e che bbèllu bbècche fíne fíne.

Se ssì púre ‘na vucille candatóre,

si u mègghje nemále d’u múnne e purte onóre”.

 

’A curnacchje máje abbuskate avéve tutte ‘sti sorte de cumblemènde,

e n’àtu poche squaracquacchiáve sckitte nd’a nu mumènde.

Allungáje ‘u capecúlle e avezáje i sscìlle,

arrapíje u bbècche pe candà cúm’e nu ggengílle.

 

Apperò sùbbete i cadíje abbássce u cascaválle da mmocche,

nen pot’èsse, s’ère fátte fotte locche locche.

‘A volepe che stéve sótt’a l’àreve u cciaffáje,

e u cascaválle ’a curnacchje se l’ève sckitte scurdà oramáje

 

LA CORNACCHIA E LA VOLPE

Una cornacchia era con un pezzo di caciocavallo in bocca,

che sembrava quello di Sant’Anna il gioiello.

Sopra l’albero sembrava avere la puzza sotto il naso,

non dando retta a nessuno quasi quasi.

 

Una volpe furbona che dalla fame non ci vedeva più, passò li sotto,

e subito pensò di andare a mangiare a sbafo.

“ Troppa grazia Sant’Antonio per la mia fame antica,

diamoci da fare che oggi è una giornata fortunata”.

 

Immediatamente rivolse la parola alla cornacchia,

subito a pronta a combinare un guaio.

“ Buongiorno e buon augurio, comare mia,

iniziamo questa giornata nel santo nome di Dio”.

 

La cornacchia: “Quando mai abbiamo mangiato nello stesso piatto,

che così all’improvviso Ti dovrei dare confidenza?”

La volpe: “ Sei arrabbiata, che stanotte hai allattato i gattini,

non darti subito delle arie con quel bel musino.

 

Come sei bella con quegli occhi da malandrina,

e guarda che belle penne e che bel becco sottile.

Se sei pure un uccello cantatore,

sei il migliore animale del mondo e fai onore.

 

La cornacchia non aveva mai avuto tanti complimenti,

e stava per sciogliersi in solo momento.

Allungò il collo e alzò le ali,

apri il becco per cantare graziosamente.

 

Però immediatamente gli cadde giù il caciocavallo dalla bocca,

purtroppo si era fatta gabbare con fare sottile..

La volpe che era li sotto l’albero lo afferrò,

e il caciocavallo la cornacchia se lo doveva scordare ormai.