‘A lèpre e ‘a cestùneje

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Nu jurne ‘a lèpre se facéve ‘na cammenate pe ddind’u vòsche e à ttruuàte ‘a cestùneje pe nnanze chè, ngire da qua ngire da llà, se magnave nu póche d’èreva frèscke.

‘A lèpre à vviste ‘a cestuneje e i decìje: “Livete da nanze che sta bbrutta cammenature ca tine!

‘A cestuneje l’à guardate mbacce e à dditte: “Tu chè saje cammenà, nen è chè vuje fà ‘na scummèsse?”.

 ‘A lèpre à ssùbbete ditte ca sì.

“Che scummèsse vuje fa?”.

“U ui, facìme da mbacci’a cèrquele e ssóp’u pònde”.

“Quanne l’amma fa stu fatte?”.

“Craje”.

Allóre ‘a lèpre se né jjute e ‘a cestùnejeè jjut’a pparlà c’a cummare.

À dditte: “Vide chè ije ccussì e ccussì, quèlle m’à ggnurate… Dice chè ije tenéve ‘na bbrutta cammenature; allóre ije agghje fatte ‘a desfide, ije e ‘a lèpre, da mbacci’a cèrquele e ssóp’u pònde…”

“Tu mò’ u saje chè ffaje crammatine? Te àveze de nòtte, vattinne sóp’u pònde e aspitte quanne èsse arrive”.

“Cum’arrive, – pecché nuje, quanne partìme, quèlle se mètt’a ffuje e ije ruman’arréte e èsse ne mme véde, – tu mìttete sóp’u pònde, quanne èsse arrive tutta sudate, pigghj’e ddice: ‘Ijjh!, angóre mò’ arrive….. Ije ave già nu bbèlle póche ca stènghe a qqua….’ “

E ccussì facìrene.

Arrevat’o pònde, ‘a lèpre à vvvist’a cestuneje, l’à guardate mbacce e à dditte:

“È vinde ‘a scummèsse, ma nen tine ‘a facce d’u curretóre”…..

 

LA LEPRE E LA TARTARUGA

Un giorno una lepre si faceva una passeggiata nel bosco e incontra una tartaruga che, girando di qua e di là, si mangiava un po’ d’erba fresca.

La lepre vede la tartaruga e: “Lèvati di torno con quella brutta andatura che hai!”, le disse.

La tartaruga la guarda in faccia e dice: “Tu che sai camminare bene, che vuoi fare una scommessa?”. La lepre subito accetta.

“Che scommessa vuoi fare?”.

“Ecco, facciamo dalla quercia fino al ponte”.

Quando la dobbiamo fare questa cosa?”.

“Domani”.

Allora la lepre si allontana e la tartaruga va immediatamente a parlare con la comare. “Vedi che io così e così, – le dice – quella mi ha insultato e sostiene che io ho una brutta andatura; allora io l’ho sfidata a fare una corsa, io e la lepre, dalla quercia fin sopra il ponte”.

“Tu, ora, lo sai che devi fare domani mattina? Alzati ben presto, va’ sul ponte e aspetta il suo arrivo.

Appena arriva , – perché quando noi partiremo, succederà che quella si metterà a correre e io rimarrò indietro ed essa non mi vedrà – tu mettiti sul ponte, quando arriva tutta sudata, ecco che tu le dici: >Iiih!, solo ora arrivi….< Io ormai sto qui da un bel po’, di tempo….”.

E così fecero.

Arrivata al ponte, la lepre vede la tartaruga, la guarda in faccia e dice:

“Hai vinto la scommessa, ma non hai la faccia del corridore….”.