‘A LÈTTERE D’A MAMME

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Figghje míje (songhe mammete) te scrive sti poche parole alméne saje che t’agghje scritte.

Si recive sta lèttere, vole dì che è rrevate.

Si non l’avisse recéve fammille sapè, accussí t’a mannne n’ata vóte.

Stènghe screvénne chiane chiane pecché sacce che tu nen saje lègge de fureje.

Quacche timbe fà, patete ha sendúte che quase tutte i desgrazzeje succèdene a nu chelometre d’e case, accussì amme scasate nu poche cchjù lundane.

‘A casa nove è bbèlle: ndo cèsse, pe ndèrre, stace ‘na specie de tazze e pènze che è nu lavatúre, ma nen songhe secure che fenzione pecché proprete a jíre ci’agghje misse dinde i panne da lavà, agghje terate l’acque e i panne sonne state ggnettúte.

U timbe a qquà non è troppe bbrutte, ‘a settemana passate à chjúppete doje vóte: ‘a prima vóte per trè jurne, ‘a seconde pe quatte jurne.

Te vogghje nfurmà che patete téne ‘na fatíghe nove: mò téne nu sacche de ggènde sott’a isse: tagghje l’éreve ndo cambesande.

Zianete Mengucce m’à ditte che spedì ‘a ggiacchètte, che m’avíve addummannate, chi bbettúne custave assaje (i bbettúne sonne pesande), allore íje l’agghje schesúte e l’agghje misse tutte dinde ‘a sacca mariole.

Fratete Tunnille à fatte ‘na grossa strunzate c’a vetamobbele: è sscennúte e chiúdenne de fureje u spurtille à lassate i chiave dinde.

A stu punde è trasúte nda case, a pegghjate u martille e à spaccate u vètre e accussí síme putíte sscènne d’a vetamobbile pure núje.

Salute da parte míje a Ngettenèlle si a víde, si nen ‘a víde nen ce decènne ninde.

Mò te salute pecché agghja corre o spedale, sorete stace pe sgravà, ma nen sapíme angóre si accatte nu masculille o ‘na femmenucce, pe quiste nen te sacce dì si saraje nu zijáne o ‘na zijáne.

Mammete t’abbrazze assaje assaje e tu u saje che te vogghje vedé sembe víve e alèrte.

Ah ….Vuléve mètte nu poche de mommabbíje ma avéve giá fenúte de scrive ‘a lèttere.

Mammete, Ngurnatèlle ca te chiaggne cum’a Madomma Addulurate

 

LA LETTERA ‘A LÈTTERE D’A MAMMEDELLA MAMMA

Figlio mio (sono tua madre) ti scrivo queste poche parole almeno sai che ti ho scritto.

Se ricevi questa lettera, vuol dire che è arrivata.

Se no dovessi riceverla fammelo sapere, così te la invio un’altra volta.

Sto scrivendo piano piano perché so che tu non sei capace a leggere di fretta.

Qualche tempo fa, tuo padre ha sentito che quasi tutte le disgrazie succedono ad un chilometro dalle case, così abbiamo traslocato un po’ più lontano.

La nuova casa è bella: nel gabinetto per terra si trova una specie di tazza e penso che sia un lavatoio, ma non sono sicura che funzioni perché proprio ieri ho messo dentro i panni sporchi da lavare, ho tirato l’acqua e i panni sono stati risucchiati.

Il tempo qui non è troppo brutto, la settimana scorsa è piovuto due volte: la prima volta per tre giorni, la seconda per quattro giorni.

Ti voglio informare che tuo padre ha un nuovo lavoro: ora ha un sacco di persone sotto di lui: taglia l’erba nel cimitero.

Tuo zio Domenico mi ha detto che spedire la giacca, che mi avevi chiesto, con i bottoni costava molto (i bottoni sono pesanti), allora io li ho scuciti e li ho messi tutti nella tasca interna.

Tuo fratello Antonio ha fatto una grossa stupidata con l’automobile: è sceso e chiudendo frettolosamente lo sportello ha lasciato dentro le chiavi.

A questo punto è entrato in casa, ha preso il martello e ha rotto il vetro e così siamo potuti scendere anche noi dall’automobile.

Saluta da parte mia a Concettina se la vedi, se non la vedi no le dire niente.

Ora ti saluto perché devo correre all’ospedale, tua sorella sta per partorire, ma non sappiamo ancora se partorirà un maschietto o una femminuccia, per questo no ti so dire se diventerai uno zio o una zia.

Tua mamma ti abbraccia molto e tu lo sai che ti voglio vedere sempre vivo e in piedi.

Ah …. Volevo mettere un po’ di soldi ma avevo già finito di scrivere la lettera.

Tua madre, Incoronata che ti piange come la Madonna Addolorata.