‘A LÉTTERE D’A NNAMMURATE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

  

Mattijuccille míje (Mattijù songhe íje).

Tu, pot’èsse che nen me cride che te vogghje bbéne assaje e …. pe stu fatte …..te vogghje arapì ‘a cape … pe feccaretille dinde i cerevèlle.

Agghje parlate a pateme, quillu stubbete cúme tu saje … che isse me vole fà maretà che cuggineme Tunnille e íje ci’agghje ditte accussì: “Si m’agghje mmaretà che n’u ciucce vestíte ije me mmarete sembe che Mattjucce”.

Mattijuccille míje te vularrje appeccià de bbace … te vularrje jettà dinde a ‘na jummare de bbéne……. íje te vularrje vedè cecate pe mme.

Eh……nen pozze cchjù allungà u bbrode pecchè penzanne a te me cade ‘a pénne da mmane, m’arraccumanne d’èsse sèmbe affamulijate, cúme si sembe state.

Addíje Mattijù nfelíce e jitte u sanghe d’a i feríte túje d’amóre pecchè te vogghje bbéne.

Faje megghje che nen me respunne si nen me vùje bbéne, scuseme che agghje misse u retratte túje ndo cèsse … pe nen farle vedè a pateme……e scuseme sembe che te scrive sope a sta carta gialle che serve pe n’ata cose ma è pecchè m’à nghiúse qquà dinde pe gastíghe e qquà te penze e te tènghe sembe presènde.

Sembe tuje fin‘a morte……íje però te vogghje vedè prime e te díche e me firme, ‘a nnammurata túje.

Peppenèlla Paparella (che ce pozze fà, quiste èje ù nnome míje e tu u saje).

 

LA LETTERA DELL’INNAMORATA

Matteo mio (Matteo sono io).

Tu, può darsi che non mi credi che ti voglio molto bene e … per questo fatto …… ti vorrei aprire la testa … per infilarlo nel cervello,

Ho parlato con mio padre, quello stupido come tu sai … che lui mi vuol far sposare a mio cugino Antonio e io gli ho risposto così: “Se devo sposarmi con un asino vestito io mi sposo sempre con Matteo”.

Matteo mio ti vorrei bruciare di baci … ti vorrei buttare in fiume di bene … io vorrei vederti cieco per me.

Eh … non posso più allungare il brodo perché pensando a te mi cade la penna dalla mano, mi raccomando di essere sempre attaccato come sei sempre stato.

Addio Matteo infelice e butta il sangue dalle tue ferite d’amore perché ti voglio bene.

Fai meglio a non rispondermi se non mi vuoi bene, scusami che ho messo la tua foto nel gabinetto … per non farla vedere a mio padre … e scusami sempre che ti scrivo sopra a questa carta gialla che serva per un’altra cosa ma è perché mi ha rinchiusa qua dentro per castigo e qua ti penso e ti tengo sempre presente.

Sempre tua fino alla morte … io però voglio vederti prima e ti dico e mi firmo la tua innamorata.

Giuseppina Paparella (cosa posso farci, questo è il mio nome e tu lo sai).