A’ MÁMMA MÍJE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Michele (Lino) Montanaro per tornare all’indice

MICHELE (LINO) MONTANARO

A’ MÁMMA MÍJE

Quánne m’arrecorde de mámma míje,

m’ànna accide se díche ‘na bbusscíje,

u delóre che íje sèmbe sènde è troppe forte,

pecché nge stáce mánghe nu chenforte.

 

A véde angóre sóp’u bbalucόne ch’i capille jánghe,

tramènde  salute che l’úcchje triste e stánghe,

stu figghje che pe abbusckà u páne,

se ne velúte jì tánda tánda lundáne.

 

U sapive che nen nzarrije máje turnáte,

e i lagreme t’asscevene a ciambáte,

ma me dítte de penzà e’ ccóse bbèlle,

e a llà fà u crestijáne e nnò u rebbèlle.

 

A àse a àse mò fázze ‘na preghíre a Te Ggese Criste,

che si púre ngile nu cambecílle esiste,

fá pe mmè nu bbèllu mázze de fiúre,

i cchjù bbèlle e chjíne de chelúre.

 

E ci dáje ambréssa ambrésse a’ mamma míje,

e deccille che songhe íje ch’agghje avúte sta fantasíje,

po’ pigghjatille  strétta-strétta cúm’e nu nennille,

e dálle pe mmè nu váse a ppezzichille.

 

A MIA MADRE

Quando mi ricordo di mia madre,

mi devono uccidere se dico una bugia,

il dolore che sento è troppo forte,

perché non esiste nessun conforto.

 

La vedo ancora sul balcone con i capelli bianchi,

mentre saluta con gli occhi tristi e stanchi,

questo figlio che per guadagnare il pane,

è dovuto andare così lontano.

 

Lo sapevi che non sarei più tornato,

e le lacrime ti scendevano a fiotti,

ma mi ha detto pensare alle cose belle,

e lì fare la persona onesta e non il ribelle.

 

Piano piano adesso faccio una preghiera a te Signore,

che se pure in paradiso un prato esiste,

fai per me un bel mazzo di fiori,

i più belli e pieni di colori.

 

E li dai immediatamente a mamma mia,

e dille che sono io che ho avuto questa fantasia,

poi prendila stretta stretta come un bambino,

e dalle da parte mia un bacio con il pizzicotto.