‘A MOSCA CICHE

Cliccare su questo pulsante Giochi di strada per tornare all’elenco dei Giochi di strada

 

‘A MOSCA CICHE

Se jucave ammizze a strade o dind’a nu stanzóne.

Pe jucà ce vulévene da i cìnghe a i vinde uagliúne o uagliungèlle ma érene mègghje ammesckate.

Se menave u túcche e a quille che asscève, venéve misse ‘na bbénde o nu maccatúre sop’a l’úcchje e devendave ’a mosca ciche.

‘A mosche ciche avéve cercà de ngappà vúne di jucatúre che se muuevene atturne atturne.

I júcature cercavene de mbabalì ‘a mosca ciche, rerènne, parlanne, tuccanne, dènne quacche sckaffetille o quacche carèzze.

‘A mosche ciche quanne ngappave quacche jucatóre, avév’addevenà chi ére, senza luuarese ‘a bbénde.

Quille che venéve canessciúte jéve sòtte (c’a bbénde sop’a l’úcchje).

 ‘A mosche ciche ére nu júche andíche e ggià jucavene i Rumane.

Ére nu júche che facévene assaje i signúre de ‘na vóte e ére ‘na scuse pe ffà canusscènze tra ggiuvenotte e fegghjulètte.

 

LA MOSCA CIECA

Si giocava in mezzo alla strada o in una grossa stanza o salone.

Per giocare occorrevano dai cinque ai venti ragazzi o ragazzine ma erano meglio mischiati.

Si faceva la conta e quello che usciva, veniva bendato con un fazzoletto sugli occhi e diventava la mosca cieca.

LA mosca cieca doveva cercare di afferrare uno dei giocatori che se muovevano intorno.

I giocatori cercavano di distrarre la mosca cieca, ridendo, parlando, toccando, dando qualche piccolo schiaffo o qualche carezza.

LA mosca cieca quando afferrava qualche giocatore, doveva indovinare chi era, senza togliersi la benda.

Il giocatore che era stato riconosciuto andava sotto (con la benda sopra gli occhi).

LA mosca cieca era un gioco antico e già ci giocavano i Romani.

Era un gioco che veniva fatto molto nelle famiglie nobili e benestanti ed era una scusa per fare conoscenza tra giovanotti e sugnorine.