‘A PARTETÈLLE DE PALLÓNE

Cliccare su questo pulsante Giochi di strada per tornare all’elenco dei Giochi di strada

 

 

‘A PARTETÈLLE DE PALLÓNE

‘A partetèlle de pallóne se facéve quatte contr’a quatte, cìnghe contr’a cìnghe e quacche vóte pure trè contr’a trè jucatúre.

Se preparave u cambe (‘na strade, u spiazzale da ville, nu curtigghje), se mettévene i túfe o i matúne o i ggiacchètte pe ffà i porte, se decidéve ‘a larghèzze d’u cambe e se mettèvene i segnale pe ndèrre.

Se facévene i squadre cercanne de capà i mègghje jucatúre e se decéve chi avéve jucà annanze o arréte e i cchjù scarse facévene i purtíre (quille che purtave u pallóne putéve jucà ndo decéve isse).

Tutt’i vóte che u pallóne jéve fóre o che quacche jucatóre cadéve o pe nu gol fatte che nu tire àvete, ère sembe nu ssciarrijamínde.

Si quacche jucatóre se ne jéve, se cundunuuave a jucà pure spare però u purtíre puteve pure asscì da porte e ffà gol (quanne i jucatúre érene pare, a rèvele ére che u purtíre nen putéve asscì da porte).

‘A partetèlle durave da i doje e trè óre o fin’a cchè se facéve scúrde o fin’a quanne u padróne d’u pallóne se ne jéve.

Quanne se turnave a case, sudate, nzunzijate, scurtucate e spisse c’u cavezóne o c’a magljette strazzate, i mamme nostre ce ne dévene nu sacche e ‘na sporte, c’a prumèsse che quanne turnavene i padre nústre ce abbusckavame u riste.

 

LA PARTITA DI PALLONE

La partita di pallone si faceva quattro contro quattro ragazzi, cinque contro cinque e qualche volta anche  tre contro tre giocatori.

Si preparava il campo (una strada, il piazzale della villa, un cortile), si mettevano i tufi o i mattoni o le giacchette per fare i pali delle porte, si decideva la larghezza del campo e si mettevano i segnali per terra.

Si facevano le squadre cercando di scegliere i migliori giocatori e si diceva chi doveva giocare in attacco o in difesa e i più scarsi facevano i portieri (quello che portava il pallone poteva scegliere di giocare dove voleva).

Tutte le volte che il pallone usciva fuori del campo stabilito o che qualche giocatore cadeva o per un gol fatto con un tiro alto, era sempre motivo di litigio.

Se qualche giocatore se ne andava, si continuava a giocare anche con un numero dispari di giocatori però il portiere poteva pure uscire dalla porta e fare gol (quando i giocatori erano pari, la regola era che il portiere non poteva uscire dalla porta).

La partita durava due o tre ore o fini a quando si faceva buio o fino a quando il padrone del pallone se ne andava.

Quando si turnava a casa, sudati, sporchi, feriti e spesso con il pantalone o con la maglietta strappati, le nostre mamme ci davano tante bastonate, con la promessa che quando tornava nostro padre ci prendevamo il resto.