‘A PIZZE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Na fèmmene éve fatte ‘a pizze ch’i pemmedóre e, seccóme addóre ére arrevate fin’e mmizz’a strate, ‘a vecine de case, ch’ére nu póche mbecciajóle, sùbbete tuzzulàje e ttrasìje dinde.

“Cummà’, bòngiorne, cume staje?”

“Chióve e mmale timbe fà, ‘a case de l’àvete è mmale stà”, respunnìje quèlle.

‘A vecine de case rumaìje ndassate e sse nzuspettìje, màsseme quanne vedìje ch’a cummare nze semuvéve e sse sturcéve sóp’a sègge, ndò stéve assettate, pecché se cucéve (‘a pizze se l’ére ammucciate sòtt’u cule e ére pure vullènde!).

Allóre se vutàje quèlle e: “Ne mme ne mbicce e nne mme ne cure, pèrò ‘a pizze t’à ggarze u cule!…”, decìje tutta ngacchjate.

 

LA PIZZA

Una donna aveva fatto la pizza col pomodoro e, poiché l’odore si era sparso nella strada, la vicina di casa, che era piuttosto indiscreta, subito bussò ed entrò in casa.

“Comare, buongiorno, come stai?”.

“Piove ed è cattivo tempo, non è cosa buona stare a casa degli altri”.

La vicina di casa rimase interdetta e si insospettì, specialmente quando si accorse che la comare non si muoveva e si agitava sulla sedia dove stava seduta, perché si scottava (la pizza l’aveva nascosta sotto il sedere e, per di più, era bollente!).

Ed ecco allora quella: “Non m’intrometto e non me ne faccio un problema, però la pizza ti ha bruciato il sedere!”, sbotto irritata.