…‘A RESPOSTE A LÈTTERE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

M’è rrevate ‘a resposte a lèttere che avéve scritte a mugghjéreme pe quilli cìcere che m’érene venute nd’e cerevèlle, che ésse me mettève i corne c’u cumbare.

Scrive u cumbare méj o poste de mugghjéreme che éje affabbéte:

Lustrissimo e pure bbùne cumbare, te scrive pe fatte sapè che tu staje bbùne nzalúte e accussì spére sendì de me.

Agghje lètte ‘a lèttere vostre ma mugghjérete nen m’à ditte ninde e ve vuléve dì de stà sènze manghe nu penzíre.

Pe quande reguarde ‘a tèrre v’a zappe íje e l’agghje tutta semmenate, ma quanne agghje lètte che tenete nu suspètte sópe de me, me vuléve accide ma ‘a cummare m’à calmate decénne: “Che amma fa ríre ‘a ggènde? Nen ve ngazzate quille mariteme téne ‘a cape cúm’e ‘na checozze”, facíteme sapè se è luuére….. che suspettate de me.

Sta calùnneje me face arrezzenì i carne e tutte i pile d’i vrazze s’addrizzene.

Quille che fazze per vúje m’avete rengrazià.

Si nen síte quille che dice ‘a cummare ve ggiure, c’u córe mmane, che se ve nganne m’ànne purtà ‘a nutìzzeje che síte júte sòtte nu tréne.

Mègghje a sapè che síte múrte pe sèmbe che ffa a vvúje ‘n’azzióne de quiste.

Ve salute che stu córe e che ‘na forta strétte.

Scusate si nen m’allonghe de cchjù de quiste pecché è fenúte ‘a carte e s’è addermúte a mane.

‘A cummare, abbrazzate che me, ve salute sèmbe a vúje, affeziunate.

Speram’a Ddíje che stíte bbùne pecché tutte pote capetà a chi stace lundane”.

Pasqualine Capedemagghje”.

 

……… LA RISPOSTA ALLA LETTERA

Mi è arrivata la risposta alla lettera che avevo scritto a mia moglie per quei dubbi che mi erano venuti nella mente, che lei mi metteva le corna con il compare.

Scrive il mio compare al posto di mia moglie che è analfabeta.

“Illustrissimo ed anche buono compare, ti scrivo per farti sapere che tu stai bene in salute e così spero di sentire di me.

Ho letto la vostra lettera ma tua moglie non mi ha detto niente e vi volevo dire di stare senza neanche un pensiero.

Per quanto riguarda la terra la sto zappando io lo anche tutta seminata, ma quando ho letto che avete un sospetto su di me, mi volevo uccidere ma la comare mi ha calmato dicendo: ‘Che dobbiamo fare ridere la gente? Non vi arrabbiate ha la testa come una zucca’ fatemi sapere se è vero ….. che sospettate di me.

Questa calunnia mi fa accapponare la pelle e tutti i peli delle braccia si raddrizzano.

Mi dovete ringraziare per quello che faccio per voi.

Se non siete quello che dice la comare, vi giuro, con il cuore in mano, che se vi inganno mi devono portare la notizia che siete andato sotto un treno.

Meglio sapere che siete morto per sempre che fare a voi un’azione di questo genere.

Vi saluto con questo cuore  e con una forte stretta.

Scusate se non mi dilungo di più di questo perché è finita la carta e si è addormentato la mano.

La comare, abbrazzata con me, vi saluta sempre, affezionata.

Speriamo a Dio che state bene perché tutto può succedere a chi sta lontano.

Pasqualino Capedemagghie