‘A savezicchje d’u moneche d’a pietà

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Racconto tratto dal libro “Ce stève ‘na vóte….. a’kkussì s’akkundav’a Llucere” di Pasquale Zolla e da me modificato

Tand’e ttanda timbe fà, nd’u cummènde d’a Pietà ce stéve nu mòneche, ciutte ciutte cùm’a ‘na saróle, ch’éve tirchje assaje.

Nu jurne jìje o’ pendóne d’a Pórte Tróje e chiamaje duje cafune, che stèven’a llà p’aspettà ‘a fatighe e uadagnà quacche llire pe mmagnà.

U moneche i chiamaje e ddecìje: “Agghje bbesugne de duje fategatùre pe llùuà nu póche d’èreve nd’a l’urtucille e zzappà nu póche de tèrre p’appreparà u jazze p’i pemmedóre!”.

I duje cafune sùbbete decìjene ca sì.

O mezzejurne u moneche i chiamaje pe ffarle mètte nd’u stòmmeche nu muzzeche de pane e, pe ccumbanagge, teraje fóre nu cape de savezicchje e ‘na bbèlla cepólle rósscia róssce.

U chjappe de mbìse d’u moneche, che nen vuléve che i duje se maggnassere ‘a savezicchje, accumenzaje a ddì: “Cùm’éje saprite e bbóne sta cepólle!…. Èje ‘na delizzeje cadute d’o cile!”

Vune d’i duje, ch’ére nu mizze cremóne, ngapìje ‘a malizzeje d’u moneche, e sse mettìje a maggnà pane e ccepólle.

Quill’avete, ch’ére nu fìgghje de ndrocchje, dìje ‘na bbèlla scoppele o cumbagne, decenne: “Nen’ésse screjanzate!…. Nn’è capite che ‘a cepólle piace assaje a zzì moneche?!…. Nuje ca sime duje póvere cafune, ci’amm’accundandà d’a savezicchje!”.

E nda qquatte qquatt’otte se fenìjene tutt’a savezicchje e, rumanìjene a zzì moneche c’a cepólle….. mmane.

 

LA SALSICCIA DEL MONACO DELLA PIETÀ

Tanto e tanto tempo fa, nel convento della Pietà ci stava un monaco, molto grasso come una giara e molto avaro.

Un giorno andò all’angolo di Porta Troia e chiamò due contadini, che stavano aspettando che qualcuno li facesse lavorare per guadagnare qualche soldo per poter mangiare.

Il monaco li chiamò e disse: “Ho bisogno di due lavoratori per togliere un poco d’erba nell’orticello e zappare un poco di terreno per preparare il giaciglio per i pomodori!”.

I due contadini dissero di si.

A mezzogiorno il monaco li chiamò per dargli un poco di pane e companatico, tirò fuori un pezzo di salsiccia e una bella cipolla rossa.

Il monaco furbacchione, che non voleva che i due si mangiassero la salsiccia, incominciò a dire: “Come è saporita questa cipolla!…. È una delizia caduta dal cielo!”.

Uno dei due, che era un mezzo scemo, non capì la malizia del monaco e cominciò a mangiare pane e cipolla.

Quell’altro, che era uno scaltro, diede un scappellotto al compagno, dicendo: “Non essere screanzato!…. Non hai capito che la cipolla piace molto a zio monaco?!…. Noi che siamo due poveri contadini, ci accontentiamo della salsiccia!”.

E in quattro e quattr’otto si finirono tutta la salsiccia e, rimasero lo zio monaco con la cipolla… in mano.