‘A segnòra Metilde

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Ce stéve ‘na fèmmene, ch’ére ‘a cchjù pòvere d’u pajése e jjéve facènne tutt’i fatighe cchjù ppesande e llurde; chi ‘a chiamave a ‘na vije e cchi a n’àvete. Nu jurne ‘a chiamàje Scèppe, chè tenéve tèrre e mmassarìje, a ppulezzà ‘a stalle ngambagne.

Accussì ‘a crestijane jije ngambagne e ppulezzàje bbèlla-bbèlle ‘a stalle e, u patrune, pe ringòmbènze, ce regalàje ‘na bbèlla recòtte.

E, cume ausàvene ‘na vóte i fèmmene ca fategàvene (i furretane), se mettìje ‘a recòtta ngape e, mèndre cammenave pe tturnà a Lucére, cumenzàj’a ppenzà:

“Ije mò’, quanne vache a Lucére, pigghje ‘a recòtte e mm’a vènne.

Ch’i sòlde m’accatte ‘na bbèlla galline e ccussì che sta galline, ca face l’óve, vènne l’óve e, quanne agghje accucchjate nu bbèlle póche de sòlde che l’óve chè vènne, vènne pure ‘a galline e mm’accatte nu bbèlle agnille.

U crèssce, arrive chè face u latte, fazze i muzzarèlle, fazze u furmagge, ‘a recotte e i vènne.

Quanne agghje accucchjate nu bbèlle póche de denare, vènne pure l’agnille.

M’accatte nu bbèlle vetille, u vetille se face grusse, face u latte, fazze ‘a recotte, fazze i muzzarèlle, i vènne e mm’accògghje n’ata bbèlla cóse de solde.

A l’ùteme vènne pure u vetille e mm’accatte ‘na bbèlla casarèlle che nu bbèlle balecungine; po’, quanne fenèssce da fategà, me mètte sóp’o balecungine e ‘a gènde chè passe m’adda dì:

RIVERISCO SEGNÓRA METILDA’ ”.

E, mèndre dice accussì, avassce ‘a cape pe ffà ‘a rivèrènze, e ‘a recòtte se squacce ndèrre.

 

LA SIGNORA MATILDE

C’era una donna che era la più povera del paese e andava facendo tutti i servizi più pesanti e sporchi; chi la chiamava da una parte e chi dall’altra.

Un giorno la chiamò Giuseppe, che possedeva masseria e terre, per pulire la stalla in campagna.

E così la donna andò in campagna e pulì ben bene la stalla e, il padrone, per ricompensa, le regalò una bella ricotta. E, come usavano una volta le donne che lavoravano in campagna (le braccianti), si mise la ricotta sulla testa e, mentre camminava per tornare a Lucera, cominciò a pensare: “Io ora, quando vado a Lucera, prendo la ricotta e me la vendo.

Con i soldi mi compro una bella gallina e così con questa gallina, che le uova, vendo le uova e, quando avrò messo insieme un bel po’ di soldi con le uova che vendo, vendo pure la gallina e mi compro un bell’agnello.

lo allevo, arriva il momento che mi fa il latte, faccio le mozzarelle, faccio il formaggio, la ricotta, e li vendo; quando avrò messo insieme un bel po’ di denari, vendo pure l’agnello, mi compro un bel vitello; il vitello si fa grande, fa il latte, faccio la ricotta, faccio le mozzarelle, le vendo e metto insieme un altro bel gruzzolo.

infine vendo pure il vitello e mi compro una bella casetta con un bel balconcino, poi, quando finisco di lavorare, mi metto sul balconcino e la gente che passa mi deve dire:

Riverisco, signora Matilde’ “.

E, mentre dice così, abbassa la testa per fare la riverenza, e la ricotta cade a terra e si spiaccica