‘A SGALLÈRE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice

 

 

 

COSTANTINO CATAPANO

‘A sgallère

Eje na sgallère votapentòne;

se cumbìne cum’e nu guagliòne;

pa strade sfummechejèje segarètte;

scàppe, a precepìzeje, sop’a bececlètte.

Se n’aèsce da matìne a sère,

fà crède ca và a majèstre a tagghie e cose,

pò chi và a sapè si è luvère,

o, a mmecciùne, vàce facènne cchè ata còse!

U munne de ogge, accussì ‘mbrugghiàte,

èje nu ‘mbruscìgghie de stumurate;

nesciune pò sapè cchè vànne truvànne;

na cos’è cèrte: a fatìghe a vònne ‘nganne.

 

La vagabonda

E’ una ragazza vagabonda;

si veste come un ragazzo;

per la strada fuma sigarette;

gira velocemente con la bicicletta.

Sta fuori casa dalla mattina alla sera,

fa credere che va dalla sarta a tagliare e cucire,

poi chi sa se è vero,

oppure, di nascosto va facendo altre cose!

Il mondo di oggi, così difficile,

è un miscuglio di persone senza timore;

nessuno può sapere che cosa vanno trovando;

una cosa è certa: non hanno voglia di lavorare.