‘A TALAVESIONE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Ascanio Iliceto per tornare all’indice

ASCANIO ILICETO

Per ascoltare la poesia cliccare con il pulsante sinistro del mouse su del player.

 

‘A TALAVESIONE

Sott’acque e sotta a vinde, ‘a ggende

stéve annanze a vetrine de don Peppine

a guardà ogne sére ‘a talavesione

fine a quanne nen scennéve ‘a serrande.

 

U prime éve papanonne che abbetave a ccuste.

‘A sére, doppe ca luteme clijende d’u salone,

éve assciute, se chiazzave annanze ‘a vetrine

pe sénde i nutizzeje d’a jurnate.

 

Papanonne è sèmbe state n’amande

de sta diavelarije moderne e quanne

zianeme, spusate c’u merecane,

s’accattaje, se facije ‘na cape de chiande.

 

Tutt’i sére, doppe céne, vèrse i otte,

pe vedè ‘a talavesione, l’avèmme purtà,

pure c’a nève, c’a paure de sciuvulà

da Carpendire a strade Reggina Marghérite.

 

Papanonne tutt’i sére s’addecrijave:

Tèlegiurnale, Musechire, Carosèlle,

e quanne sendéve ‘a museche fenale,

cume Ggese Criste sope ‘a croce, decéve:

 

“Consummatum est”

 

LA TELEVISIONE

Con la pioggia e con il vento, la gente

stava davanti alla vetrina di don Peppino

a guardare ogni sera la televisione

fino a quando non scendeva la serranda.

 

Il primo era mio nonno che abitava a fianco.

La sera, dopo che l’ultimo cliente del salone,

era uscito, si piazzava davanti la vetrina

per ascoltare le notizie della giornata.

 

Il nonno è sempre stato un amante

di questa diavoleria moderna e quando

mia zia, sposata con l’americano,

se la comprò, pianse a dirotto.

 

Tutte le sere, dopo cena, verso le otto,

per vedere la televisione, lo dovevamo portare,

anche con la neve, con la paura di scivolare

da via Carpentieri a via Regina Margherita.

 

Il nonno tutte le sere si godeva:

Telegiornale, Musichiere, Carosello,

e quando sentiva la sigla finale,

come Gesù Cristo sopra la croce, diceva:

 

“Consummatum est”