‘A vècchje e ‘a mòrte

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

‘Na vècchje stéve nd’u litte malate e nfacéve àvete chè ddì d’a matine a sére: “Morta, mòrte, quanne me vine a ppegghjà chè me so stangate?!….”

Nu bbèlle jurne, u figgje s’aggrave. Allóre u mìdeche ce decìje a vècchje: “Quiste è ggrave!”. Allóre ‘a vècchje nd’u litte decéve: “Madònna mije, pigghjete a mmè e nnò a quiste che éja giòvene”.

A nòtte s’appresendàje’a mòrte annanz’u litte d’a vècchje. Decìje: “Bbèllafè’, jammencinne”.

“E ttu chi sì?”. “Ije sònghe ‘a morte. Tu l’è ditte, tu m’àje chiamate….”.

E allóre decìje ‘a vècchje: “Mò’, dimme ‘na cóse, a cchi attòcche?”.

“Tuccave a ffigghjete, ma tu te sì mmetate…”.

“Mé’, u sa’ chè fa? Vatte pigghje a cchi ttòcche, a mmè làsseme stà. Quann’arrive u ggire mije, tanne se pènze…”.

 

LA VECCHIA E LA MORTE

Una vecchia stava nel letto malata e non faceva altro che dire: “Morte, morte, quando mi vieni a prendere, che sono stanca?!…”.

Un bel giorno il figlio si ammala gravemente. Allora il medico disse alla vecchia: “Questo è grave!”. Allora la vecchia nel letto diceva: “madonna mia, prendi me e non questo che è giovane”.

Durante la notte la morte si presentò davanti al letto della vecchia. Disse: “Buona donna, andiamocene”.

“E tu chi sei?”. “io sono la morte. Tu l’hai detto, tu mi hai chiamato…”.

E allora disse la vecchia: “Ora dimmi una cosa, a chi tocca?”. “Tocca a tuo figlio, ma tu ti sei invitata…”.

“Va bene, lo sai che devi fare? Vai a prenderti quello a cui tocca, lascia stare me. Quando arriverà il mio turno, allora si vedrà…”.