‘A vèdeve

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Ére murte u marìte a ‘na vèdeve e a casa suje jije u Capìtele: canùnece, prìvete e mmùnece. Arrevàje, longhe d’agnùne!, che s’èvena purtà u tavùte.

Appruffettanne da mbambelazzejóne, i canùnece jèvene nd’u curtigghje, s’angappàvene chi nu vicce, chi ‘na galline, e ss’a mmucciàvene sòtt’a mandelline.

‘A pòvera vèdeve stéve a ucchj’a ucchje, pecché u sapéve chè so mmumènde ca tutte apprufìttene. Vedij’a vune, e quiste se sendìje l’ucchje ngulle e nn’arrejesscìje a ccumegghjà bune e, tramènde candàvene a Libbre, decéve vune: “Ammucciàte bune, patre, ca se vèdene li zamba-a-a-a…”.

Se vutàje ‘a crestijane e, chiagnènne cchjù ffòrte: “Ah, mòrta cane, cume te li strascìne a vun’a vune!…”.

LA VEDOVA

Era morto il marito ad una vedova e andò a casa sua il Capitolo: canonici, preti e monaci. Arrivò, lontano, lontano da ognuno di noi!, il momento che dovevano portare via la bara.

Approfittando della confusione, i canonici andavano nel cortile, afferravano chi un tacchino, chi una gallina, e la nascondevano sotto il mantello.

La povera vedova stava attenta attenta, perché lo sapeva che questi sono momenti in cui tutti approfittano. Ne sorprese uno, e questo si sentì gli occhi addosso e non riuscì a nascondere bene la preda e, mentre cantavano il “Libera me, Domine”, diceva uno: “Nascondete bene, padre, perché si vedono le zampe-e-e-e…”.

Si girò la povera donna e, piangendo più forte: “Ah, morte traditrice, – diceva – come te li trascini via uno alla volta!…”.