‘A VETAMOBBELE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice 

 

 

 

COSTANTINO CATAPANO

‘A vetamobbele

Èje na dejavelarije,

decève mammanonne:

tène duje ucchje de fuche

e face tanta remore quanne camine,

ca sckantene cavalle e pulecine:

pare a fine du munne ca s’avvecine.

Quanne ascirene, èrene accussì poche,

mò so’ cchiù lore ca i crestejane,

si apprime facèvene sole pavure,

mò accidene ummene e crijature.

Azzoppene e se sfascene lore e lore

e morene chi i porte e chi i trove.

E’ luvère ca vaje da nu pajèse

a n’avete allappellà;

ma spisse capete, a rrase sije,

ca ce lasse u cùreje pa vije.

 

L’automobile

E’ una diavoleria,

diceva mia nonna:

ha due occhi di fuoco

e fa tanto rumore quando circola,

che si spaventano cavalli e pulcini:

sembra l’avvicinarsi della fine del mondo.

Quando uscirono, erano così poche,

ora sono diventate più loro che le persone,

se prima faceva solo paura,

ora ammazzano uomini e bambini.

Si scontrano e si sfasciano tra di loro

e muore chi li guida e chi l’incontra.

E’ vero che vai da un paese

ad un altro velocemente;

ma spesso succede, lontano sia,

che per la strada ci lasci la pelle.