‘A ZANNUTÈLLE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Raffaele Montanaro per tornare all’indice

RAFFAELE MONTANARO

‘A ZANNUTÈLLE

D’ì sartíne de Nucére ère ‘a cchjù bbèlle,

e pe soprannόme à chiamavene ‘a zannutèlle.

A quattròrdece anne ère fèmmena fátte,

e u cόre míje facéve cúm’e nu mátte.

 

‘A sère quánne asscéve d’a sarturíje,

u cόre míje se mettéve in allegríje.

Cercáve d’avvecernárme e parlárle,

ma n’avéve máje u curágge de fermárle.

 

Doppe tánd’attese e spandecà.

m’accustaje e i decije: t’agghja parlà!

Nu bbèlle scacciόne m’abbusckaje,

e delusjόne cchjù grosse máje pruuvaje.

 

Sule o’ múnne, sènz’amόre e affètte,

tutt’i pène agghje suffèrte.

Po’ u timbe e ‘a lundanánze,

me facije pèrde όgne speránze.

 

E si púre s’è calmáte quill’ardόre,

‘a zannutèlle m’è rumáste dìnd’o cόre.

 

LA RAGAZZA CON I DENTI SPORGENTI

Delle sartine di Lucera era la più bella,

e come soprannome la chiamavano la “zannutèlle”.

A quattordici anni era donna fatta,

e il mio cuore batteva come un matto.

 

La sera quando usciva dalla sartoria,

il mio cuore sprizzava allegria.

Cercavo di avvicinarmi e parlarle,

ma non avevo mai il coraggio di fermarla.

 

Dopo tanta attesa e spasimare,

mi accostai e le dissi: ti devo parlare!

Un bel rifiuto ottenni,

e delusione più grossa mai provai.

 

Solo al mondo, senza amore e affetto,

tutte le pene ho sofferto.

Poi il tempo e la lontananza,

mi fecero perdere ogni speranza.

 

E anche se si è placato quell’ardore,

la “zannutèlle” mi è rimasta nel cuore.