Addiune addiune cum’e nanonne

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco delle Chiese

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

 

‘Na vecchjarèlle cambave sóle, nen tenév’a nnessciune.

Allóre facéve mód’e mmanire p’avè nu póche de cumbagnìje.

Facéve pròpreje cum’e i crijature: mò’ chiagnéve, mò’ decéve ca tenéve i delure ngurpe, mò’ decéve ca ére cadute da sóp’a sègge.

‘A veretà, tutt’i vecìne de case currèven’a ajùtarle, assestèvene cum’u prèvete a vutàre.

Seccóme, po’’, spisse sckamave ca stév’addejune, quille u sapèvene ca ne nn’ére luuére ma facèven’a vvedè va ngapèvene ninde, – sùbbete i purtàvene chècchèccóse: nu póche de past’a bbróde, trùcchjele, chècchè ppizze fritte, nu póche de carne d’agnille….

E, angóre mò’, quanne vune face a vvedè ca stace a ddejune, quanne pigghje vace vune e u lucculéje appirze rerènne:

“Sì, sì, addejune addejune cum’e nanonne….”

 

A DIGIUNO COME MIA NONNA

Una vecchietta viveva da sola, non aveva parenti. Allora faceva di tutto per avere un po’ di compagnia. Si comportava proprio come i bambini: ora piangeva, ora diceva che aveva i dolori di pancia, ora raccontava di essere caduta dalla sedia….

Siccome, poi, spesso si lagnava che stava digiuna, – quelli lo sapevano che non era vero, ma facevano finta di non capire – subito le portavano qualcosa: un po’ di pasta in brodo, troccoli, qualche frittella, un po’ di carne di agnello….

E, ancora adesso, quando uno finge di non aver mangiato, ecco che un altro gli grida dietro ridendo: “Sì, sì, stai digiuno digiuno come mia nonna.