Ajetane

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco delle Chiese

 

 

Ajetane camèríre luceríne, nu júrne sendìje u Marchése che lucculave cùm’e nu matte condre ‘a mugghjére che l’avéve misse i corne:

 “DONNA FEDRIGRAFA E CONCUBINA TI CREDEVO CORNELIA MADRE DEI GRACCHI, MA NON SEI ALTRO CHE UNA MESSALINA, ALTRE PAROLE DIRTI NON POSSO PERCHÉ IN GOLA MI SI STROZZANO”.

Ajetane restaje ngandate da sti parole accussì struuíte d’u Marchése e cercaje de mbarà a mamoreje tutt’i parole.

Mo! Doppe poche júrne scupríje che pure ‘a mugghjére l’avéve misse i corne.

Cercanne de recurdà i parole d’u Marchése, si revulgije lucculanne a mugghjére:

“FÈMMENE C’A FECHEDÌNJE E C’U CUPPINE, TE CREDÉVE CARMÉLE A MAMME DE QUILLE CHE VENNE I TRICCHE-TRACCHE MA NEN SI CHE ‘NA MÈZZA LATRÍNE, ATI PAROLE NEN TE DICHE, I TENGHE NGANNE. AH!, SI’ ‘NA STRONZE!”

 

GAETANO

Gaetano, cameriere lucerino, un giorno sentì il Marchese che gridava come un matto contro la moglie che l’aveva tradito.

“DONNA FEDRIGRAFA E CONCUBINA TI CREDEVO CORNELIA MADRE DEI GRACCHI, MA NON SEI ALTRO CHE UNA MESSALINA, ALTRE PAROLE DIRTI NON POSSO PERCHÉ IN GOLA MI SI STROZZANO”.

Gaetano rimase incantato da questo linguaggio così istruito del Marchese e cercò di imparare a memoria tutte le parole.

Ora! Dopo pochi giorni scoprì che anche la moglie l’aveva tradito.

Cercando di ricordare le parole del Marchese, si rivolse gridando alla moglie:

“DONNA CON IL FICO D’INDIA E CON IL COPPINO, TI CREDEVO CARMELA LA MAMMA DI QUELLO CHE VENDE I PETARDI MA NON SEI CHE UNA MEZZA LATRINA, ALTRE PAROLE NO TI DICO, LE TENGO NELLA GOLA. AH! SEI UNA STRONZA!”