ALCUNE NINNE NANNE

LE TRADIZIONI POPOLARI DI LUCERA: ALCUNE NINNE NANNE

Tratto dal libro “LE TRADIZIONI POPOLARI DI LUCERA” di Giuseppina Bellucci

 

Cliccare su questo pulsante per tornare all’indice

TRADIZIONI POPOLARI

 

 

 

 

I)

Ninna nanna core de mamme

fà lu sunne figghje bbèlle,

ca mò véne lu pringepe bbèlle.

(Ninna nanna cuore di mamma / dormi figlio bello / che ora viene il principe bello)

 

II)

Ninna nanne ninna nonne

à figghjate la Madonne

e a fatte nu peccerille

janghe rusce e tenerille (variante tunnulille).

Pe na vèste a palummèlle

ammeratele quande è bbèlle,

pe la faccia a cannelline,

ammeratele quand’è ffine.

Sangesèppe prepare la fasce

a Madonne u pigghje e u mbasce

e ce mètte u pannuline,

fa’ la nanne Ggesù bbambine.

Fa’ la nanne si a vujie fà

che Marije nen mbo’ cchjù candà,

se bbracute nu poche la voce

e tu e murì sop’a croce.

(Ninna ninna-ninna nonna / ha partorito la Madonna / e ha fatto il piccolino / bianco, rosso e tenero (variante rotondetto). / Con un veste a farfallina, ammiratelo quanto è bello, / con una faccia a confettino, ammiratelo quanto è fine. / San Giuseppe prepara la fascia / la Madonna lo prende e lo fascia / e ce mette il pannolino/ fai la nanna Gesù Bambino. / Fai la nanna se vuoi farla / che Maria non può più cantare, / si è abbassata un po’ la voce / e tu morirai sopra la croce)

 

Tra le altre ninne-nanne ricordiamo quella scherzosa inframezzata da parole per l’amante che aspetta fuori di casa l’uscita del marito:

III)

Isse: “S’è fatte jurne, matetine è schiarute

quanne vace fore il tuo marite?”

Èsse: “Ninna-o, ninna-o ‘a vole angore mò

se méne da ù litte angore”.

Isse: “S’è fatte jurne, matetine è schiarute

quanne vace fore il tuo marite?”

Èsse: “Ninna-o, ninna-o ‘a vole angore mò

se mette i cavezètte angore”.

Isse: “S’è fatte jurne, matetine è schiarute

quanne vace fore il tuo marite?”

Èsse: ” Ninna-o, ninna-o ‘a vole ancore mò

se ficche i mutande angore”.

Isse: “S’è fatte jurne, matetine è schiarute

quanne vace fore il tuo marite?”

Èsse: “Ninna-o, ninna-o ‘a vole angore mò

se mette ‘a cammise angore”.

Isse: “S’è fatte jurne, matetine è schiarute

quanne vace fore il tuo marite?”

Èsse: ” Ninna-o, ninna-o ‘a vole angore mò

se mètte i cavezune angore”.

Isse: “S’è fatte jurne, matetine è schiarute

quanne vace fore il tuo marite?”

Èsse: ” Ninna-o, ninna-o ‘a vole angore mò

se mette ‘a ggiacchètte angore.”

Isse: “S’è fatte jurne, matetine è schiarute

quanne vace fore il tuo marite?”

Èsse: ” Ninna-o, ninna-o ‘a vole angore mò

se tagghje ‘a fèlle de pane angore”.

Isse: “S’è fatte jurne, matetine è schiarute

quanne vace fore il tuo marite?”

Èsse: ” Ninna-o, ninna-o ‘a vole angore mò

pigghja ‘a vesazze angore.”

Isse: “S’è fatte jurne, matetine è schiarute

quanne vace fore il tuo marite?”

Èsse: ” Ninna-o, ninna-o ‘a vole angore mò

tu trase ca isse e ssciute fore”.

 

IV) Ninna nanna della pecorella

Ninna nanna ninnarell’eeeeee

u lúpe s’è mmagnate ‘a pecurèll’eeeeee.

Pecurèlla míje cúme facist’eeeeee

quanne mmocche u lúpe te vidist’eeeeee.

 

Dorme u cane, dorme u pastór’eeeeee

dorme ‘a pucurèlle a l’arrét’eeeeee

e dorme ‘a figghja míje nd’a nachèll’eeeeee.

 

Ddíje míje che m’à fatte a fertun’eeeeee

m’à date nu maríte tande vassc’eeeeee

tènghe paúre quanne vace a chiazz’eeeeee

angóre u cavalle m’u spetazz’eeeeee

tènghe paúre quanne vace a u fúrn’eeeeee

angóre a furnarèlle m’u nforn’eeeeee.

 

Quant’è bbèlle ‘a cummare d’a mamm’eeeeee

face i maccarune e nen me chiam’eeeeee,

me chiame sckitte quanne face i fogghj’eeeeee,

ije fazze a ngagnate e nen i vogghj’eeeeee.

 

Ninna nanna ninnarèll’eeeeee,

‘a figghja míje è ‘a cchjù bbèll’eeeeee

Mamme ‘a vole maret’àààààà

E a chi ‘a vole d’àààààà?

U figghje d’u rrè se l’adda pegghj’àààààà.

 

Vavattinne papussce, vavattinn’eeeeee,

fà dorme u crijatúre ch’è pecceninn’eeeeee.

Súnne sunnille che da lundane vin’eeeeee

vine a cavalle e nen venènne allappid’eeeeee,

vine a cavalle a nu cavalle jangh’eeeeee

che ‘na staffe d’óre e n’avete de bbrilland’eeeeee.

 

Ninna nonna e ninna nonn’eeeeee

mamme te cande e a Madonne t’addorm’eeeeee.

Nenní nenní  che eja a nonn’eeeeee

a ninne eja d’u piccininn’eeeeee

 

A u pónde da Madonne ci stévene i ros’eeeeee

mò vace a figghja míje e s’a rrepos’eeeeee.

Vularríje sapè ndò vaje a lu júrn’eeeeee

a llà ce venarríje a fà l’amor’eeeeee.

 

Ninnì ‘a vole ninnì a vole’eeeeee

è morte la galline sop’a l’óv’eeeeee

è morte la galline cenerín’eeeeee

e che facéve l’óve sére e matín’eeeeee.

 

Vularríje èsse mugghjére de nu ggiardenír’eeeeee

che ‘na canèstre mmane a cogghje i ros’eeeeee.

E ninna nonna e ninna nonn’eeeeee

mamme ‘a cande e u piccininne dorm’eeeeee.

 

Marje Addulurate abbrazzamille sta croc’eeeeee

ndò truue u figghje míje dacce ‘na voc’eeeeee.

 

(Ninna ninna ninnarella / il lupo ha mangiato la pecorella. / Pecorella mia come facesti /quando in bocca al lupo mi vedesti. /Dorme il cane, dorme il pastore / dorme la pecorella nella rete /e dorme la figlia mia nella culletta. / Dio mio che mi ha fatto la fortuna / mi ha dato un marito tanto basso / ho paura quando va alla piazza / ancora il cavallo me lo calpesta / ho paura quando va al forno / ancora la fornarella me lo inforna. / Quanto è bella la comare di mamma / fa i maccheroni e non mi chiama / mi chiama solo quando fa le foglie / io faccio l’offesa e non ne voglio. / Ninna ninna ninnarella / mia figlia è la più bella / Mamma la vuole maritare / e a chi la vuole dare? / Il foglio del re la deve prendere. / Vai via uomo nero, vai via / fai dormire il bambino che è piccolino / Sonno, sonno che vieni da lontano / vieni a cavallo e non venire a piedi / vieni cavalcando un cavallo bianco / con una staffa d’oro ed un’altra di brillanti / Ninna nonna e ninna nonna / mamma te la canta e la Madonna ti addormenta. / Nennì nennì che cosa è a nonna / La nanna è del piccolino / Al ponte della madonna ci stavano le rose / adesso va mia figlia e si riposa. / Vorrei sapere durante il giorno / e in quel posto ci verrei a fare l’amore. / Ninnì la vuole ninnì la vuole / è morta la gallina sopra l’uovo / è morta la gallina con le penne screziate / e che faceva le uova sera e mattina. / Vorrei essere moglie di un giardiniere / con una cesta in mano a raccogliere le rose. / E ninna nonna e ninna nonna / mamme la canta e il piccolino dorme. / Maria Addolorata fammi abbracciare questa croce / dove trovi mio figlio dagli una voce).

V)

Nèlle Nèlle Nèlle

mamme ‘a téne ‘na figghja bbèlle

Niè niè niè

mamme l’accatta la massarije

curatele e fattore

‘a figghja mije è ‘na padrone

Nèlle nèlle nèlle

mamme ‘a tène ‘na figghja bbèlle

Nèlle nèlle nèlle

mamme la vole maretà

E a chi ‘a vole dà?

U figghje d’u re se l’adda pigghjà.

 

(Nella Nella Nella / mamma la tiene una figlia bella / Nia nia nia / mamma la compra la masseria / curatolo e fattore / La figlia mia è una signora / curatolo e fattore / La figlia mia è una padrona / Nella Nella Nella / mamma la tiene una figlia bella / Nella Nella Nella / mamma la vuole maritare. / E a chi la vuole dare? / Il figlio del re se la deve sposare).