ALCUNI INDOVINELLI

LE TRADIZIONI POPOLARI DI LUCERA: ALCUNI INDOVINELLI

tratto dal libro “LE TRADIZIONI POPOLARI DI LUCERA” di Giuseppina Bellucci e da altre pubblicazioni

Cliccare su questo pulsante per tornare all’indice

TRADIZIONI POPOLARI

DDEVENILLE LUCERINE

  1. ‘A chetarre ca i fà nen sone, quèlle ca sone nn’i fà: I trucchjele

(La chitarra che li fa non suona, quella che suona non li fa: I troccoli)

  1. Arréte o litte ce stà nu segnurìne tutte vestute janghe e ch’i mane a i fianghe: U candre

(Dietro al letto ci sta un signorino tutto vestito bianco e con le mani a i fianchi: Il vaso da notte)

  1. Arrive lùteme ma véne prime d’u prime: Dècembre

(Arriva per ultimo ma viene prima del primo: Dicembre)

  1. ‘A trasute se pote fà e ‘a ssciute no: U cambesande

(L’entrata si può fare ma non l’uscita: Il cimitero)

  1. Chi u face u face pe vènnele, chi u ccatte nze ne sèrve e chi se ne sèrve nn’u véde: U tavute

(Chi la fà la fà per venderla, chi la compra non la usa e chi la usa non la vede: La bara)

  1. Cchjù tire e cchjù sestrude: ‘A segarètte

(Più tiri e più si consuma: La sigaretta)

  1. De jurne stace apèrte e de notte stace chiuse: ‘A porte

(Di giorno sta aperta e di notte sta chiusa: La porta)

  1. Duje lucende, duje pungende, quatte mazz’e e na scupazza: ‘A vacche

(Due lucenti, due pungenti, quattro mazze ed una scopazza: La mucca)

  1. Éje curte, o éje lunghe u marite ci’u dàce sèmbe a mugghjère: U chegnome

(Corto, o lungo il marito lo da sempre alla moglie: Il cognome)

  1. È tunne e nen éje munne, éje vèrde e nen éje èreve, éje russce e nen éje fuche, éje acque e nen se véve: U melone a acque

(È tondo e non è il mondo, è verde e non è erba, è rosso e non è fuoco, è acqua e non si beve: L’anguria)

  1. Janghe nasce, vèrde crèssce, gialle mòre: U Lemone

(Nasce bianco, cresce verde, muore giallo: Il limone)

  1. Lasse a tracce ma nen camine: U dite

(Lascia l’impronta ma non cammina: Il dito)

  1. Mandéne ‘a dèstre, mandéne ‘a senistre e attìre l’umene: U règgipètte

(Regge la desta, regge la sinistra e attira gli uomini: Il reggiseno)

  1. Mascùle e mascùle ‘a ponne fà, mascùle e fèmmene pùre, ma fèmmene e fèmmene nna ponne fa: A Cunfessione

(Maschi e maschi la possono fare, maschi e donne anche, ma donne e donne non la possono fare: La confessione)

  1. Mètte ‘i màne ndò l’ate mèttene i pide: U scarpare

(Mette le mani dove gli altri mettono i piedi: Il calzolaio)

  1. Murte te ténge e vive te coce: U caravone

(Morto ti tinge e vivo ti scotta: Il carbone)

  1. Nd’a càse ‘a vezièjene nu pòche tutte quande: L’areje

(In casa la viziano un poco tutti: L’aria)

  1. Nen ce stàce nu càne che ‘a vòle: ‘A mussarole

(Non c’è un cane che la vuole: La museruola)

  1. Nen dice màje i cóse tutte nda ‘na vóte: U cacagghje

(Non dice mai le cose tutte in una volta: Il balbuziente)

  1. Nen dicene màje màle de nissciúne: I lapede

(Non dicono mai male di nessuno: La lapide)

  1. Nen dormene màje, ma stanne sèmbe ndò litte: I lenzole

(Non dormono mai, ma stanno sempre nel letto: Le lenzuola)

  1. Nen pote maje scèglje quille ca pigghje: U pescatore

(Non può mai scegliere quello che prende: Il pescatore)

  1. Nen repète màje i paròle ca sènde: U ndérprete

(Non ripete mai le parole che sente: L’interprete)

  1. Nen téne u prudite ma se gratte: U frummagge

(Non ha il prurito ma si gratta: Il formaggio)

  1. Nen tènghe cape ma tènghe vocche e culle, nen tènghe cosse ma tènghe trippe e cule: ‘A bbuttiglje

(Non ho testa ma ho bocca e collo, non ho gambe ma ho pancia e culo: La bottiglia)

  1. Ngrocene ‘i làme ma nen ze sfidene a duèlle: I frobbece

(Incrociano le lame ma non si sfidano a duello: Le forbici)

  1. Nisciùne ‘a chiùde quanne éje vacande: ‘A bbuste

(Nessuno la chiude quando è vuota: La busta)

  1. Nzonghe rrè e porte ‘a corone, nzonghe cavalire e porte u speróne, nzonghe llorge e sègne l’óre: U galle

(Non sono re e porto la corona, non sono cavaliere e porto lo sperone, non sono orologio e segno le ore: Il gallo)

  1. O éje careche o éje scareche tène sèmbe u stèsse piseme: U llorge

(Carico o scarico ha sempre lo stesso peso: L’orologio)

  1. Parle sènza vocche, te palijéje e nen te tocche, fùje sènza pide, passe e nu vide: U vinde

(Parla senza bocca, ti picchia e non ti tocca, scappa senza piedi, passa e non lo vedi: Il vento)

  1. Pése sckitte quanne é matùre assàje: ‘A dejetà

(Pesa solo quando è molto matura: L’età)

  1. Pònne fà affugà pùre vune ca sàpe natà bbùne: I dibbete

(Possono far affogare anche uno che sa nuotare bene: I debiti)

  1. Prime trase e doppe arape: ‘A chiave

(Prima entra e poi apre: La chiave)

  1. Qual’è u nnemale ca camìne tenènne i pide ngape: U pedocchje

(Qual’è l’animale che cammina tenendo i piedi sulla testa: Il pidocchio)

  1. Qualu nemale a matine strissce pe ndèrre, a mezzejurne camine che duje pide e a sére che trè: L’ome

(Quale animale la mattina striscia per terra, a mezzogiorno cammina con due piedi e di sera con tre: L’uomo)

  1. Quann’i cugghje so’ virde, quanne s’arapene so’ rossce, quanne t’i magne so’ doce: I fiche

(Quando li raccogli sono verdi, quando si aprono sono rossi, quando li mangi sono dolci: I fichi)

  1. Se pigghje sèmbe ndò litte: U sunne

(Si prende sempre nel letto: Il sonno)

  1. Sope ‘a cassce damme e dind’u litte famme, ije me credéve ca mi facive male, ogne bbotte m’addecrijave: ‘A paste

(Sopra la cassa dammi e dentro il letto fammi, io credevo che mi facevi male ad ogni colpo mi ricreavo: La pasta, quando si fa il pane, che si impasta sulla cassa, si mette a crescere fra un materasso e l’altro).

  1. Tate u ngricche e mamme l’ammossce: U sacche de farine

(Papà lo raddrizza e mamma lo ammosscia: Il sacco della farina)

  1. Tènghe n’ucchje sule – e nu cudine fine; – passe e repasse pe ‘na strade, – e ogne vvote s’accorce- u mije cudine: L’ache

(Ho un solo occhio – e un codino sottile; – passo e ripasso per una strada, – e ogni volta si riduce – il mio codino: L’ago)

  1. Tènghe ‘na cose, che addore de rose, rose nenn’è, addevine che è: ‘A bbuccètte d’u profume

(Ho una cosa, che profuma di rosa, rosa non è, indovina cosa è: La boccetta di profumo)

  1. Trolla trolla va p’a casa, quatt’ucchje a duje nase‘A fèmmena gravede

(Grassa e tonda va per la casa ha quattro occhi e due nasi: La donna incinta).