ALLA LÚNE

Cliccare su questo pulsante Giochi di strada per tornare all’elenco dei Giochi di strada

 

 

ALLA LÚNE

Se facéve u circhje e se menave u túcche, luteme che ére cundate se mettéve chi rine chjegate e chi mane sópe i denúcchje.

L’ati júcature sscègljèvene u prime (u Rrè) che avéve zumbà e doppe se mettévene affelarate vune arréte a n’ate.

U rrè, prime de zumbà, lucculave u nnumere e ‘a strufètte e facéve quille ca dicéve rèvele, doppe tutte l’ati júcature avévene repéte e fa quille che avéve fatte u rrè.

U jucatóre che sbagliave jéve sòtte.

I NNUMERE, I STRUFÈTTE E I RÈVELE:

  • VÚNE, ALLA LÚNE: se zumbave e bbaste;
  • DÚJE, DOJE BOTTE: se zumbave appujanne i púneje chiúse sópe i ríne;
  • TRÈ, ‘A FÍGGHIJE U RRÈ, ‘A BBÒNE A MME A SCAZZOSE A TE: se zumbave e bbaste;
  • QUATTE, SPÀZZULINE CAMMENAVENE SÓPE ‘A VÍJE DE BBOLOGNE: se zumbave e dope u jucatóre avéve pulezzà pe ndèrre cúme si avésse n’u pennille;
  • CÌNGHE, SPERLICCHJE: se zumbave e se déve nu ticchete, c’u detóne e u díte de mizze, sópe ‘a ponde d’a rècchje;
  • SÈJE, CAVECE NGÚLE: se zumbave e se déve ‘na bbotte de tacche sope ‘u cule de chi stève sòtte;
  • SETTE, MANE E PPIDE NGRUCIJATE: se zumbave e dope se ngrucijavene cosse e ppíde e s’avéve rumanì accussì senza cadè;
  • OTTE, SULDATINE DE PIOMBE: se zumbave e dope s’avéve rumanì dritte;
  • NOVE, BBATTE MANE: se zumbave e se battèvene i mane;
  • DÌCE, PASTE E FFASÚLE: se zumbave e bbaste;
  • ÙNECE, I FURMÍCHE : se zumbave strengénne chi mane ‘a pèlle di ríne;
  • DÙDECE, FUJA-FUJE: se zumbave u cchjù lundane e dope fuja-fuje pe nen èsse pegghjate da u rrè.

Seccome i rèvele venévene tramandate  a voce, spisse èsse venévene cagnate a seconde d’u rióne e u nnummere di júcature.

 

ALLA LUNA

Ci si metteva in cerchio e si faceva la conta, l’ultimo contato si metteva con la schiena piegata e con le mani sulle ginocchia.

Gli altri giocatori sceglievano il primo (il Re) che doveva saltare e gli altri si mettevano in fila uno dietro l’altro.

Il Re prima di saltare il giocatore piegato, gridava il numero e la strofetta e faceva ciò che prevedeva la regola, dopo tutti gli altri giocatori ripetevano ciò che aveva fatto il Re.

Il giocatore che sbagliava andava sotto.

I NUMERI, LE STROFETTE E LE REGOLE:

  • UNO, ALLA LUNA: si saltava solamente;
  • DUE, DUE COLPI: si saltava appoggiando i pugni chiusi sopra le reni;
  • TRE, LA FIGLIA DEL RE, QUELLA ATTRAENTE A ME, LA CISPOSA A TE: si saltava solamente;
  • QUATTRO, GLI SPAZZOLINI CAMMINAVANO SOPRA LA VIA DI BOLOGNA: si saltava e dopo il giocatore doveva pulire per terra come se avesse un pennello;
  • CINQUE, SPERLICCHIE: si saltava e si dava un colpetto con il pollice e il dito medio, sopra la punta dell’orecchio;
  • SEI, CALCIO SUL SEDEREsi saltava e si dava un colpo di tacco sopra il sedere di chi stava sotto;
  • SETTE, MANI E PIEDI INCROCIATI: si saltava e dopo s’incrociavano gambe e piedi e si doveva rimanere così senza cadere;
  • OTTO, SOLDATINI DI PIOMBO: si saltava e dopo si doveva rimanere diritti e fermi come soldatini di piombo;
  • NOVE, BATTIMANO: si saltava e si battevano le mani;
  • DIECI, PASTA E FAGIOLI: si saltava solamente;
  • UNDICI, LE FORMICHE : si saltava stringendo con le mani la pelle della schiena;
  • DODICI, FUGGI-FUGGI: si saltava il più lontano e dopo scappare velocemente per non essere preso dal RE.

Siccome le regole venivano tramandate oralmente, spesso esse venivano cambiate a secondo del rione e del numero dei giovatori.