AMMIZZ’A TTANDA GALANDUMENE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

‘Na sére, tramènde ca i segnure d’u pajése parlàvene e jjucàvene nd’a casine ammizz’u làreghe, allassacrése se stutàje ‘a luce.

Passàje nu bbèlle póche de timbe e, finalmènde, ‘a luce s’appecciàje n’ata vóte.

Allóre quilli galandùme, chè stévene a llà, cundunuàrene a ddevagàrese cum’e pprime ca se stutave ‘a luce.

Mò’, vune de lóre, a nu cèrte mumènde, s’arrecurdàje de ‘na cósa mburtande ca isse éva fà a casa suje e mmettìje ‘a mane nd’u ggelè pe ppegghjà u llòrge e vvedè che óra ére.

Ma chè éje, chè ne nn’éje? U llòrge nd’u taschine nge stéve cchjù. Vide da qua, vide da llà. Ninde. Addummanne a qquiste, addummanne q qquill’àvete. Ninde. U llòrge nze truuàje cchjù!…

E qquilli crestijane èrene tutte quande galandùmene… E ppò vanne decènne ca i marijùle sònne tutte quande pezzinde e mmurte de fame!….

 

 

FRA TANTI GALANTUOMINI…

Una sera, mentre i signori del paese chiacchieravano e giocavano nel circolo di piazza Duomo, all’improvviso andò via la luce.

Passò un bel po’ di tempo e, finalmente, la luce si accese di nuovo.

Allora quei galantuomini, che stavano lì, continuarono a divertirsi comodamente come prima che si spegnesse la luce.

Ora, uno di essi, ad un certo punto, si ricordò di una cosa importante che doveva fare a casa e mise la mano nel taschino del panciotto per prendere l’orologio e vedere che ora era.

Ma che è, che non è? L’orologio nel taschino non c’era più. Si vide da ogni parte. Niente. Si domando a questo e a quello. Niente. L’orologio non si trovò più!….

E dire che quelle persone erano tutte dei galantuomini… E po dicono che i ladri sono tutti pezzenti e morti di fame!….