AMMIZZ’U LAREGHE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Raffaele Montanaro per tornare all’indice

RAFFAELE MONTANARO

AMMIZZ’U LAREGHE

O tímbe che Nucére ère Nucére,

u ggiuvedì e dumènech’e sère,

ammizz’u Lareghe tutte llumenáte,

sunáve ‘a bbánne p’a ggènde appassiunáte.

 

I signúre nnánz’a Casíne assettáte,

se gustavéne de De Chiáre ‘a cassáte,

e u cafóne strútte e stracque de lavore,

u córe s’addecrijáve che Lucia e u Trovatore.

 

‘A ggevendù nvèce a cuppejette  cammenavéne,

sòtt’e ssópe e máje se stangavéne.

a ffà u strussce de núje nuceríne,

tramènde ‘a bbánne sunáve c’u Majéstre Mangíne.

 

Mò ammizz’u Lareghe è sckitte restáte,

de guderse u frisscke nda státe,

e a guardà u sole tramundáte e i rennenóne,

che ggeránne ggeránne vánne atturne o’ cambanóne.

 

 

Púre Cárle u Zúppe s’è lagnáte,

de truuvà ammizz’u Lareghe cagnáte,

atturne atturne ‘na file de lambiúne,

e se sò jettáte ‘na frècke de meliúne.

 

IN PIAZZA DUOMO

Ai tempi in cui Lucera era Lucera,

il giovedì e la domenica sera,

in Piazza Duomo tutta illuminata,

teneva concerti la banda per le persone appassionate.

 

I signori davanti al Circolo Unione seduti,

si gustavano di De Chiara la cassata,

e il cafone stanco e distrutto dal lavoro,

il cuore si allietava con Lucia ed il Trovatore.

 

I giovani invece passeggiavano a coppiette,

su e giù senza stancarsi mai,

a fare lo struscio lucerino,

mentre la banda suonava con il Maestro Mancini.

 

Adesso a Piazza Duomo è solo rimasto,

di godersi la frescura in estate,

e guardare il sole tramontato e i rondinoni,

che girano, girano intorno al campanone.

 

Anche Carlo II d’Angiò, detto lo Zoppo si è lamentato,

di aver trovato Piazza Duomo cambiata,

intorno, intorno una fila di lampioni,

e sono stati buttati moltissimi milioni.