ARAMAJE CCHJÙ

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice

 

 

 

COSTANTINO CATAPANO

Aramaje cchjù

Quilli bèlle tavelijate;

se magnave e s’arrusciave:

nen te diche, pò, a i scampagnate,

s’ajazzave pe ‘ndèrre e s’abbuffave.

Mò, sule duj zetune scavèdate

‘ndà nu mizze savezarille;

na squicce de vine sdellavate,

e de pane, si e nnò, nu stuzzarille.

E’ rumaste u recurde de quilli sciasciate:

a ggevendù a cchiane-a cchiane ci’à lassate,

ce stà danne ‘ngulle a vecchiaje:

megghie accussì e nnò ati guaje.

 

Non c’è più speranza

Quei bei banchetti;

si mangiava e si diventava rossi:

non ti dico, poi, le scampagnate,

ci si sedeva per terra e ci si abbuffava.

Ora, solo due zitoni sconditi

in un piccolo piattino;

una goccia di vino annacquato,

e di pane, si e no, un pezzetto.

E’ rimasto il ricordo di quelle abbuffate:

la gioventù piano-piano ci ha lasciato,

ci è addosso la vecchiaia:

meglio così e non altri guai.