CANTI DI FANCIULLI

LE TRADIZIONI POPOLARI DI LUCERA: CANTI DI FANCIULLI

Tratto dal libro “LE TRADIZIONI POPOLARI DI LUCERA” di Giuseppina Bellucci 

Cliccare su questo pulsante per tornare all’indice

TRADIZIONI POPOLARI 

Più spesso i ragazzi per le strade si divertono a cantare e a prendere in giro ai passanti:

I)

Zì Necò, zì Necò,

stace ‘na fèmmene ca te vo’,

na sunate e ‘na bballate

e zì Necole nd’a pegnate.

(Zio Nicola, Zio Nicola / c’è una donna che ti vuole / una suonata e una ballata / e zio Nicola nella pignatta).

II)

Zì Necole tenève tenéve

e nen sapève che tenéve

e tenéve ‘na figghja tignose

ca nen valéve nu turnése.

(Zio Nicola teneva teneva / e non sapeva che teneva / e teneva una figlia tignosa / che non valeva un tornese).

III)

Cecerenèlle tenéve, tenéve

e nen sapève che tenéve.

Tenéve ‘na rame appése

che nen valève nu turnése.

(Cicirinella teneva teneva / e non sapeva che teneva / e teneva il rame appeso / che non valeva un tornese).

Sembrerà strano che una strofetta di fanciulli venga cantata sul motivo di un’opera lirica, ma come ho detto, il popolo lucerino ama molto la musica e accade spesso di sentir cantare da contadine e da cameriere pezzi di musica famosa.

In questa strofetta senza musica, ce l’hanno con un tipo (banditore di vino) che si faceva passare per figlio illegittimo di Ruggero Bonghi (più volte deputato di Lucera al Parlamento).

IV)

Bbonghe, Bbonghe, Bbonghe

che lu cule sunave la trombe

cu lu nase grattave lu case

èvvive Bbonghe lu vastase.

(Bonghi, Bonghi, Bonghi / con il culo. suonava la tromba / con il naso grattugiava il formaggio / evviva Bonghi il villano).

È: difficile che queste strofette siano rivolte contro i signori, il popolo prende in giro gente sua, fra la più umile come un falegname:

V)

Che ‘na scarpe e nu chianille

e mmaste Pèppe c’u rafanille

zu zu zu zu zu zu zu zu zu.

(Con una scarpa e una pianella / e mastro Peppe col ravanello / zu zu zu zu zu zu zu).

O una venditrice ambulante di ghiacciate:

VI)

Gratta Marianne,

cchjù gratte e cchjù guadagne.

(Gratta Marianna / ché più gratti e più guadagni).

Altre strofette si cantano così, senza allusioni ad alcuno:

VII)

Mamme face i pupe

e tate i vace e vvènne:

tre solde i puparèlle,

duje solde i puparille.

(Mamma fa le bambole / Papà va in giro a venderle / tre soldi
le bamboline / due soldi i bambolotti)

VIII)

Ggiuuanne Ggiuuannèlle

téne i pulece nda vunnèlle

vune ‘nghiane,

n’avete scènne

n’avete face ‘a sendenèlle.

(Giovanna, Giovannella / tiene le pulci nella gonnella / una sale, l’altra scende / un’ altra fa la sentinella).

IX)

U scarpine verneciate

a lu mercate e state accattate

cu la tinde de la tijèlle

sèmbe strussce e stace bbèlle.

(Lo scarpino verniciato / al mercato è stato comperato / con la tinta della pentola / sempre cammina ed è pulito).

 

I bambini che conoscono già le vocali dicono così:

l° bambino: A E I O U: ciuccia bbésteje ca si’ tu;

II° bambino: A E I O U: mbunne u pane nd’u ragù;

III° bambino: A E I O U: magnatille sckitte tu.

(A E I O U asino bestia che sei tu / A E I O U bagna il pane nel
ragù / A E I O U mangialo solo tu).

Quelli che sanno scrivere si disegnano una “U” sul dorso della mano e sotto, nel palmo, un pupazzetto, e poi chiedono facendo vedere solo il dorso della mano:

Domanda: Quist’è u?”

Risposta:   “Sì!“;

Si girava la mano, si mostrava il pupazzetto e si diceva:“E quist si tu”.

(Questo è u? / Sì ! / E questo sei tu).

Ai bambini capricciosi che non vogliono mangiare il semolino le mamme hanno insegnato questa canzoncina:

X)

Zucche e zucche u scarafone

e Marije nd’u pertone

e magnamece u semmelone

zucche zucche u scarafone.

(Zucche e zucche lo scarafaggio / e Maria nel portone / e mangiamoci questo semolone / zucche zucche lo scarafaggio).

Motivi della vita di ogni giorno, come per esempio il preparare tagliolini, troviamo in questa canzoncina (nella quale pure non mancano il figlio del re, il lupo, la vecchia, tutti personaggi delle favole).

Essi sono graziosamente esposti ed accompagnati da un allegro motivetto; spesso i bambini cantano queste strofette facendo il girotondo:

XI)

Lune, luna nove

mineme quatt’ove

menamille nzine

c’agghja fà i tagliuline.

Vune a me, vune a te

n’àvete a u figghje de lu re.

Lune, luna vécchje

va a la casa di zì vecchje

stace u lupe scatenate

pigghje ‘a mazze e dalle ngape.

None none che è peccate.

(Luna, luna nuova / buttami quattro uova / buttamele in grembo / che debbo fare i tagliolini. / Uno a me, uno a te. / Un altro al figlio del re. / Luna luna vecchia / va a casa della zia vecchia / ci sta il lupo scatenato / prendi il bastone e daglielo in testa / no no che è peccato / No no che è peccato).

I monaci piacciono molto ai bambini; ecco due filastrocche per loro.

XII)

Stéve na vote nu munacille

s ‘allurdaje u cavezungille

ieie a u mare e su lavaje

jije a u sole e sasciugaje

jije a casa suje e malate cadije

jije u midiche e u midicaje

jije u prévete e u cumbussaje

jije a morte e su teraje.

(C’era una volta un monacello / si sporcò il canzoncello / andò al mare e se lo lavò / andò al sole e si asciugò / andò a casa sua e si ammalò / andò il medico e lo curò / andò il prete e lo confessò / andò la morte e se lo prese).

XIII)

Stéve ‘na vote

nu moneche devote

stéve nd’a cèlle

e se magnave i nucèlle

stéve nd’u litte

e se magnave i combitte

stève nd’a case

e se magnave lu case

stève ‘na vote

nu moneche devote.

(C’era una volta / un monaco devoto / stava nella cella / e mangiava noccioline; / stava nel letto / e si mangiava i confetti / stava in casa / e si mangiava il cacio; / c’era una volta / un monaco devoto).

Un’altra strofetta che i bambini cantano per le strade:

XIV)

Din dan don

È murte Ciampalon

È murte ca cammise

Ritte ritte mbaravise.

(Din dan don / è morto Ciampalon / è morto con la camicia / dritto dritto in paradiso).

Con questo suono din dan don, vogliono imitare quello lugubre del campanone a morto.

Ma non sempre i ragazzi lucerini stanno per le strade a giocare e a cantare; sono per loro le majéstre, delle donne che li raccolgono e li trattengono nelle loro case in cambio di un piccolo compenso.

Queste majéstre per farli stare buoni, li fanno pregare o cantare le preghiere e canzoni che le le loro mamme, a loro volta majéstre hanno loro insegnato.

Da queste strofe semplici e spontanee spesso sconclusionate, balza viva l’immagine del nostro popolo devoto che anche nei canti dei bambini si si rivolge a Dio con affetto e familiarità, come a un suo simile.

……………………………. racconto della Passione che i bambini ripetono tutti in coro e altri due frammenti di filastrocche a carattere religioso.

I)

Quanne fuje sabbete sande

a Madonne s ‘accumenzaje u mande.

Nenn’avéve chi chi parte

e sola sola nen vuléve parte.

“Si vedésse quella luna

‘me mettarije a cammenà”.

E truvaje a Sangiuuanne:

“Madre mije che vaje facénne?

“Vache truuanne u mije fegghjule

quille ca porte ‘a croce ngulle”.

Vace addréte a quella porte,

tuppe e tuppe. “Chi è a la porte?

So’ la Madre de Ggèsù”

“Madre mije nde pozze aprì

sténghe ammizze a tre giudeje;

agghje cercate ‘na vèppeta dacque

e manne date cite e féle.

Manne luuate u mande janghe

e manne misse u mande russce.

Manne luuate e crone de rose

e manne misse a crone di spine”.

‘A Madonne che chiagnéve,

u sanghe russce che scurréve,

Marija Mataléne scapellate,

ch’i capilli u recugghiéve.

(Quando fu Sabato Santo / la Madonna si incominciò il manto / non aveva con chi partire / e sola sola non voleva partire. / Se vedessi quella luna / mi metterei a camminare / e trovò San Giovanni: / “Madre mia che vai facendo?” / “Vado cercando il mio figliuolo. /Quello che porta la croce sulle spalle”. / Va dietro a quella porta / tuppe e tuppe “Chi è alla porta?” / “Son la madre di Gesù”. / “Madre mia non posso aprirti, / sto in mezzo a tre giudei. / Ho chiesto un sorso d’acqua / e mi hanno dato aceto e fiele. / Mi hanno dato il manto bianco / e m’hanno messo il manto rosso. / Mi hanno tolto la corona di rose / e mi hanno messo la corona di spine”. / La Madonna che piangeva / il sangue che scorreva / Maria Maddalena, spettinata / con i capelli lo raccoglieva).

II)

Susanne, Susanne

respunne a chi te chiame.

Me chiame la Madonne

e Criste ngroce

facimece la croce

la croce a la colonne

Ggese Criste e la Madonne”.

(Susanna Susanna / rispondi a chi vi chiama: / “Mi chiama la Madonna. / Cristo in croce, facciamoci la croce. / La croce a la colonna, / Gesù Cristo e la Madonna”.

III)

Palummelle janga janghe

ca ce purte nda sta lambe?

Ce purte l’uglje sande

ce bbattèzze u Spirete Sande.

U Spirete Sande ci’à bbattezzate

Tutt’u munne s’è allumenate.

S’è allumenate a casa mije

e decime Avemmarije

U Spirite Sande ci’à bbattezzate

Tutt’u munne à salvate,

à salvate ‘a Mataléne

Avvemarije, grazzeja plene

U Padrènostre e u Gloreje,

Crède e u Combiteoreje.

(Colombella bianca bianca / che ci porti in questa lampada? / Ci porti l’olio santo, / ci battezza lo Spirito Santo, / lo Spirito Santo ci ha battezzato / tutto il mondo si è illuminato. / Si è illuminata la casa mia / e diciamo l’Ave Maria. / Lo Spirito Santo ci ha battezzato / e tutto il mondo ha salvato / ha salvato la Maddalena. / Ave Maria, grati a piena. / Il Pater Noster, il Gloria / il Credo e il Confiteor).

Poi tutti i bambini dicono queste cinque preghiere.

E ora le canzoni, sempre di argomento sacro; infatti i personaggi sono la Madonna, Gesù, San Giuseppe ed altri, ma visti dal popolo come gente uguale a loro, la Madonna lava i panni e dà la titti al bimbo come un umile contadina. È in questa semplicità c’è tanta poesia.

I)

Marije lavave

Ggesèppe spannéve

u figghje chiagnéve

“Citte mije figghje

mo vènghe e te pigghje

ti nfassce e ti sfassce

ti dènghe ‘a tittì

e te fazz’addurmì.

(Maria lavava I Giuseppe stendeva / il figlio piangeva. / “Zitto mio figlio / ora vengo e ti piglio / ti fascio e ti sfascio / ti do la tittì / e ti faccio addormentare).

II

Ndinghe, ndinghe ‘a cambanèlle

mo se ne véne Marija bbèlle

porte rose e seggiulèlle

pe fà assettà li verginèlle.

Verginelle ngiunucchjate

pe fàa assettà l’Annunziate.

III)

Annunziate faccia tonne

face assettà la Madonne.

La Madonne c’u suje mande

Ci’accommogghje a tutte quande.

(Din, din la campanella / ora viene Maria bella / porta rose e sedioline / per far sedere le verginelle. / Le verginelle inginocchiate / per far sedere l’Annunziata. / L’Annunziata faccia tonda / fa sedere la Madonna. / La Madonna col suo manto / ci copre tutti quanti).

IV)

Ndalì, ndalì, ndalì

stéve Ggèsù nda nicchjetelle

stéve ‘na sègge chjéne de rose

assettate stéve Sanda Rose.

Sanda Rose a lu giardine

ca cugghjeve u putrusine .

È jute Ggèsù e ce l’à luate

Sanda Rose s’è ncagnate.

‘A Madonne l‘àa chiamate:

“Citte, citte Sanda Rose

ca te dénghe na bbèlla cose

te dénghe u paravise

che Ggese Criste te l’à prumisse“.

(Ndalì, ndalì, ndalì / stava Gesù nella nicchietta / stava una sedia piena di rose / stava seduta Santa Rosa. / Santa Rosa nel giardino / che coglieva il prezzemolo. / È andato Gesù e glie l’ha tolta. / Santa Rosa si è offesa. / La Madonna l’ha chiamata: / “Zitta zitta, Santa Rosa, / che ti do una bella cosa: / ti do il paradiso /che Gesù Cristo te lo ha promesso”).