CANZONI D’AMORE LIETE E TRISTI

LE TRADIZIONI POPOLARI DI LUCERA: CANZONI D’AMORE LIETE E TRISTI

Tratto dal libro “LE TRADIZIONI POPOLARI DI LUCERA” di Giuseppina Bellucci 

Cliccare su questo pulsante per tornare all’indice

TRADIZIONI POPOLARI 

 

  

‘A canzone de Feluméne accise da Tummasine, u figghje de Caronte

Che succisse a Lucére!

‘Na povera fegghjole

ca per ggelusije d’amore

l’ànne volute ammazzà.

    Ca pe ggelusije d’amore

   l’ànne vulute ammazzà.

U tucche ànne menate

e a Caruntille c’è tuccate,

nu sole colpe t’à menate

e subbete ndèrre si cadute. 

   Nu sole colpe t’à menate

   e subbete ndèrre si cadute. 

Mò se ne véne a Crocia Vèrde

e portene ‘a bbarrèlle.

Ànne scupirte ‘a capannèlle

Feluména bbèlle vann’a pegghjà. 

   Ànne scupirte ‘a capannèlle

   Feluméne bbèlle vann’a pegghjà. 

Cume chiagne ‘a suja madre

e i fratèlle addulurate.

Pe nu nfame sscellerate

isse ngalére addà murì. 

   Pe nu ‘nfame scellerate

   isse ‘ngalere addà murì. 

S’affacce ‘a munacèlle:

“Nen chiagnènne donna bbèlle,

nen chiagnènne donna bbèlle,

quist’è u destine c’avéva passà. 

   Nen chiagnènne donna bbèlle,

   quist’è u destine c’avéva passà. 

Tutt’u popele ca parlave

quella ére desunurate;

Menzegnore l’à predecate

Vergin’e pure l’ànne ammazzate. 

   Menzegnore l’à predecate

   Vergin’e pure l’ànne ammazzate.

 

Infatti così Filomena canta dal cielo:

Ije so’ morte vergin’e pure

stènghe danne cund’a Dije

stènghe anzim’a sora mije.

‘A mamma mije préghe pe me.

   Stènghe anzim’a sora mije.

   ‘A mamma mije préghe pe me.

 

La canzone di Filomena uccisa da Tommasino, il figlio di Caronte

Che è successo a Lucera! / una povera figliola / ma per gelosia d’amore l’hanno voluta ammazzare / ma per gelosia d’amore / l’hanno voluta ammazzare / il tocco banno tirato / ed a Carontino è toccato/ un solo colpo ti ha tirato. / e subito in terra sei cascata, / ora arriva la Croce Verde / e portano la barrella / hanno scoperto la capannella / Filomena bella vanno a pigliare. Hanno scoperto la capannella / Filomena bella vanno a pigliare. / Come piange la madre / e i fratelli addolorati / per un’infame scellerato. / Lui in galera deve morire. / Per un infame scellerato / lui in galera deve morire.

Si affaccia la monacella / “Non piangere donna bella. / Non piangere donna bella / questo è il destino che doveva passare. / Non piangere donna bella. / Questo è il destino che doveva passare”.

Tutto il popolo che parlava: / quella era disonorata; / Monsignore l’ha predicato: / vergine eppure l’hanno ammazzata. / Monsignore l’ha predicato: / vergine eppure l’hanno ammazzata

 

Infatti così Filomena canta dal cielo:

lo sono morta vergine e pura / sto dando conto a Dio / sto insieme alla sorella mia. / La mamma mia prega per me, / sto insieme alla sorella mia. / La mamma mia prega per me.

 

Questo delitto suscitò molto scalpore a Lucera ed ancora adesso non si riesce a sapere bene come siano andati i fatti. La maggior parte della popolazione parteggiò per lei, altri per lui e gli fecero questa bella canzone.

‘A canzone de Tummasine

Mò, leggite stu prucisse,

sta caveze è nu poche strepetose.

Si me cundannene a vind’anni,

‘a vite Tummasine è ggià fernute.

   Uagliune sendite, stiteteme a ssende

   nge jate maje apprisse a fèmmene

   ch’è perdute ‘a lebertà

   ch’è perdute ‘a lebertà. 

Simme jute a lu castille,

u tucche àmme terate,

È ssciute a Caruntille

l’agghi’avute propreje ammazzà. 

È ssciute a Caruntille

l’agghi’avute propreje ammazzà.

   Uagliune sendite, stiteteme a ssende

   nge jate maje apprisse a fèmmene

   ch’è perdute ‘a lebertà

   ch’è perdute ‘a lebertà. 

Segnor presedènde, segnure ggiurate

Vuje a mmè m’avite propete cundannate,

Si a mme m’ànne nzenuuate

So’ povere uaglione che avéva fà?

   Uagliune sendite, stiteteme a ssende

   nge jate maje apprisse a fèmmene

   ch’è perdute ‘a lebertà

   ch’è perdute ‘a lebertà. 

 

Ora leggete questo processo. / Questa causa è un poco strepitoso, / se ti me mi condannano a vent’anni, / La vita di Tornrnasino è lò finita

Ragazzi sentite, statemi a sentire / non andate dietro alle donn ‘ / perché è perduta la libertà, / perché è perduta la libertà. /

Siamo andati al castello / il tocco abbiamo tirato / è uscito a Carontino / l’ho dovuta proprio ammazzare; / è uscito a Carontino / l’ho dovuta proprio ammazzare,

Ragazzi sentite, statemi a sentire; / non andate dietro alle donne / perché è perduta la libertà / perché è perduta la libertà.

Signor presidente, signori giurati / voi a me m’avete proprio condannato / Se, mi hanno insinuato. /Sono un povero ragazzo, che dovevo fare.

 

Alcune frasi di questa canzone hanno bisogno di una spiegazione. Quando al principio della prima canzone si parla del tocco, si allude ad un fatto veramente avvenuto, poiché essendo molti giovani innamorati di bella e prosperosa fanciulla lucerina, e non potendola sposare tutti, decisero di ammazzarla e fecero appunto il tocco. Per questo negli ultimi versi della canzone Tommasino dice “Che colpa ne ho io se mi hanno spinto, persuaso, sono un povero ragazzo innamorato, che dovevo fare?”. Ad un certo punto si parla pure di una Predica del vescovo che forse dovette fare in Cattedrale per calmare il popolo che voleva ad ogni costo sapere se la fanciulla fosse morta vergine e pura o disonorata, come volevano insinuare quelli che parteggiavano per Tommasino.

 

I delitti passionali hanno sempre colpito la fantasia ed il sentimento dei lucerini. Così ci sono molte canzoni del genere. lo sono riuscita a sapere solo alcune strofe sparse.

 

Così canta una fanciulla disonorata che ha deciso di ammazzare l’innamorato infedele:

Carogne, carogne

Tu m’aje nfamate

Nen agghja murì

Vendètte agghja fà

 

Carogna, carogna / tu mi hai infamato / non debbo morire / vendetta debbo fare”

 

Ed ecco come canta la giovane moglie che ha trovato il passaporto del marito che pensa di lasciarla:

Arapije arapije u stepone

Scupettaje ‘a ggiacchètte

U passapurte ije truuaje.

a Amèreche se n’aveva jì.

 

Aprii aprii lo stipone / spazzolai la giacca / trovai il passaporto. / In America se ne voleva andare.

 

Allora lei lo ammazza. La mamma di lui accorre piangendo ed il giovane che aveva deciso di andar via perché innamorato di un’altra che per capriccio aveva piantato, così canta:

Statte citte mamma mije

ca pe stu fatte ce colpe ije,

si a Cungettine me spusave

quell’a mè nen m’ammazzave.

 

Non piangere mamma mia / che per tutto ciò ne ho colpa io / se avessi sposato Concettina / l’altra non mi avrebbe ammazzato.

 

Questa volta la cosa è più complicata un giovane ricco lucerino ha perso la testa per una popolana ed il vecchio padre di lui la vuole ammazzare (non si capisce bene se con il fucile o con il coltello), ma la ferisce soltanto ed il popolo si diverte e prende in giro tutti quanti.

 

 

Canzone di Fifrina e T …

Fifrine nda lu litte

E T .. ch’i mane mbitte.

   Oili ollà oili oilà

   Fifrina mije che ce pinz’a fà? 

Fifrine ngrasse u cule

Ch’i scamorze u mandenute.

   Oili ollà oili oilà

   Fifrina mije che ci pinz’a fà? 

Vide vide chi véne da sotte

Véne u patre c’u duje bbotte.

   Oili ollà oilì oilà

   Fifrina mije che ci pinz’a fà? 

Frifrina ‘a sscelate

i curtullate s’è bbusckate.

   Oili ollà oilì oilà

   Fifrina mije che ci pinz’a fà? 

Frifrina ‘a sscelate

nghiane e scenne u trebbunale

   Oili ollà oilì oilà

   Fifrina mije che ci pinz’a fà?

 

Fifrina nel letto / e T … con le mani in petto / Oili ollà oilì oilà. / Fifrina mia che ci pensi a fare / Fifrina ingrassa i fianchi / con le scamorze del mantenuto/ Oili ollà oilì oilà./ Fifrina mia che ci pensi a fare?

Guarda guarda chi viene da sotto / arriva il padre con il fucile / Oili oilà oilì oilà / Fifrina mia che ci pensi a fare? Frifrina la sciocca / s’è presa le coltellate / Oili ollà oilì oilà. / Fifrina mia che ci pensi a fare?

Frifrina la sciocca / sale e scende il tribunale / Oilì ollà oilì oilà / Fifrina mia che ci pensi a fare?

Quando non vi sono delitti per lo mezzo le canzoni sono più pungenti e fresche.

IV

Palummèlle ca zombe e vole

và nd’i vrazze d’a nènna mije.

E deccille a mamma suje

ca ije me more palummèlla mije.

Palummèlla mije pinzece tu. 

IV – Farfalletta che salti e voli / va tra le braccia della mia fanciulla / e diglielo alla mamma sua / che io muoio / farfalletta mia, farfalletta mia pensaci tu.

Ecco come canta una fanciulla costretta a prendere il velo e che vede dall’alto del campanile il vecchio innamorato:

V

Quanne nghiane u cambanare

u spose u vède da lundane.

E u vède da lundane

Sande diavele cum’agghja fà?

V – Quando salgo il vecchio campanile / lo sposo mio vedo da lontano / ma lo vedo solo da lontano. / Santo diavolo come debbo fare?

Questa è una satiretta magnifica per una falsa santerellina:

VI

Nannine verteuose

sape tagghjà e sape cose

don Vettoreje stace pe murì

e Nannine u face trasì.

VI – Nannina la virtuosa / sa tagliare e sa cucire / Don Vittorio muore (d’amore) / e Nannina lo fa entrare.

 

Questa canzone del monaco cercatore non credo rispecchi un fatto realmente avvenuto, ma è frizzante e piena di quell’ italum acetum che non viene mai meno nelle canzoni del popolo.

VII

Èsse: “Che vaje facènne pe sti luche

Né padre i Cappuccini?”

Isse: “Vache cercanne ‘a questuue

Cara cara surèlla mije”.

Èsse: “Che questuue vaje cercanne

Né, padre i Cappuccini?”

Isse:’U pane che purte mbitte

Cara cara surèlla mije”.

Èsse: “e ndò ce lu magname

Né, padre i Cappuccini?”

Isse: “Arréte a sagrestije

Cara cara surèlla mije”.

Èsse: “Si se n’addone pateme

é, padre i Cappuccini?”

Isse: “Si patete e vecchjarille

U ccundandame c’a pepparèlle”.

Èsse: “Si se n’addone mammeme

é, padre i Cappuccini?”

Isse: “Si mammete è vecchjarelle

À ccundandame c’a pupatèlle”.

Èsse: “Si se n’addone soreme

é, padre i Cappuccini? ”

Isse: “Si sorete è cchjù bbèlle

Lasse a te e me pigghja a quèlle”.

VII

Lei: “Che vai facendo da queste parte / Né, padre dei Cappuccini?”.

Lui: “Vado cercando la questua. / Cara cara sorella mia”.

Lei: “Che questua vai cercando? / Né, padre dei Cappuccini?”.

Lui: “Il pane che porti in petto. / Cara cara sorella mia”.

Lei: “E dove ce lo mangiamo? / Né, padre dei Cappuccini?”.

Lui: “Dietro la sagrestia! Cara cara sorella mia”.

Lei: “Se se ne accorge mio padre! é padre dei Cappuccini?”

Lui: “Se tuo padre è vecchierello lo accontentiamo con la piparella” ;

Lei: “Se se ne accorge mia mamma / Né, padre dei Cappuccini?”,

Lui: “Se tua madre è vecchierella / l’accontentiamo con il ciuccetto”.

Lei: “Se se n’accorge mia sorella / Né, padre dei Cappuccini?”

Lui: “Se tua sorella è più bella. / Lascio a te e mi prendo a quella”.

 

 

 

Ed ora una serenata, che però non ho raccolto dalla viva voce del popolo l’ho trovata pubblicata su di una rivista; un numero unico per il Centenario del Convitto lucerino nel maggio del 1907. Questa serenata è stata raccolta da Vincenzo Brengola e dedicata all’amico A. D’Alessandro, che dice di averla ascoltata una notte accompagnata da due musicisti uno con la chitarra battente e l’altro con la chitarra francese. Egli la pubblica sotto il titolo di Amore pastorale. 

Amore pastorale

IX

Cetrule d’amore russce e saprite

ca staje ngambagne bbèlle e prufumate.

ije te vularrije magnà, tande si pulite,

faje rumanè ‘a vocche nzuccarate.

 

Ije nzacce ca me sènde, chiaggnarrije,

a i pide t’agghje jettate ‘a vita mije

a jire, quanne jive a pigghjà l’acque

c’a conghe ca pesave e i vrazze da fore

 

T’agghje viste e l’ucchje tuje m’ànne ngandate.

Parive ‘na reggine ngherlannate

ma tu nne maje guardate, ammore mije,

ije stéve sule ammizz’a quella vije!!!

 

Fiore de checozze

tutte lu core mije eje lu tuje.

Me faje sunnà n’angéle che me vase,

facce de rose e ucchje de bbrellande.

 

Nde scurdà de me bbèlla guaglione

ca ije te tènghe sèmbe dind’o core.

Ije nzacce cum’’è che nen me vu’ bbéne,

ije nen pozz’arrevà a sapè che t’agghje fatte

 

Tu nen saje bbèlla mije quanda péne

daje a quistu core ca pe te sbatte.

Ma ije sènze de te che facciarije

sop’a sta tèrre ammore mije?

 

Fiore de pera 

Candene i rènne matine e sére,

e signe ca ggià stime a premavére.

Ma ije a premavére mi murarrije

si tu mi disse nu vase amore mije.

 

IX – Cetriolo d’amore rosso e saporito /che stai nella campagna bella e profumata / io ti vorrei mangiare tanto sei pulito, / fai rimanere la bocca zuccherata. / lo non so che debbo fare, piangerei / ai piedi tuoi ho buttato la mia vita / Ieri quando andavi a prendere l’acqua / con la conca che pesava e le braccia nude / ti ho visto e gli occhi tuoi mi hanno incantato. / Sembravi una regina inghirlandata / ma tu non mi hai guardato, amore mio / lo stavo da solo in mezzo a quella via / Fiore di zucca / tutto il cuore mio e il tuo / mi fai sognare un angelo che mi bacia, / faccia di rose e occhi di brillanti / non ti scordar di me , bella ragazza, / che ti tengo dentro il cuore/ come è che non mi vuoi bene / io non arrivare a sapere il perché / Tu non sai, bella mia, quanta pene / quanta pena dai a questo cuore che per te sbatte / fiorin di pera / cantano le rondini mattina e sera / è segno che già stiamo a primavera, / ma io a primavera morirò / se tu mi dai un bacio o amore mio.

 

Quest’altra è pubblicata nella rivista Le cento città d’Italia nel numero che riguarda Lucera (25 ottobre 1895)

Vine nennèlle

Vine ammizze u mare

ammizze u mare chiare,

a llà vogghje murì

x – Vieni fanciulla mia, / vieni in mezzo al mare, / in mezzo al mare chiaro / là voglio morire.