CHI SAPE LÈGGE…

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

 Nu massarotte a ‘cchiàne a ‘cchiàne avève accucchijate nu belle malluppe de solde, chi dicève fatecanne e chi dicève pecchè avève truvate dinde i tèrre suje nu tesore seppellite da i bregande.

Isse tenève nu figghije che ère brave a scole e pensaje de farle cuntenuà a studijà. Doppe u deplome, u mannaje a Napule pe farle studià legge.

‘U gevenotte doppe quatte anne, ‘nvitaje a mamme e padre a jì a Napule pe presenzià a ‘i ‘same de laurie.

U massaròtte e ‘a mugghijere, tutte cundènde, se vestijene chi vestete nuve e jirene a Fogge pe ‘nghijanà sope ‘u prime tréne che partéve pe Napele.

‘U crestijane videje che paricchje viaggiature s’affacciavene a ‘i fenestrine p’accattà ‘u giurnale e, pure isse, che nen sapève ne lègge e ne scrive, n’accattaje vune.

Doppe che ‘u tréne partije, arapeje u giurnale e si mettije a lègge cume a l’avete, a dì a veretà, isse faceve a vedè de lègge pecché, avève fatte ammalapéne ‘a prime lèmèndare e nen canuscève manghe ‘na lèttere.

A nu certe punte, u crestijane che stève assettate o late suije, pe curiusetà, sbercejaje a isse e a’ u giurnale che teneve apirte e, vedènne che u teneve a smèrze, decije:

Cumbà, vide ca tine u giurnale capesotte!”.

‘U massaròtte subbete respunnije:

Chi sape lègge, lègge a ritte e a smèrze!.

 

CHI SA LEGGERE…

Un massaro piano piano aveva messo da parte un bel malloppo di soldi, chi diceva lavorando e chi diceva perchè aveva trovato nei suoi campi un tesoro sepolto dai briganti.

Aveva un figlio che ere bravo a scuola e pensò di farlo cuntinuare a studiare. Dopo il diploma, lo mandò a Napoli per fargli studiare legge.

Il giovanotto dopo quattro anni, invitò la mamma e il padre ad andare a Napoli per presenziare alla tesi di laurea.

Il massaro e la moglie, tutti contenti, si vestirono con i vestiti nuovi e andarono a Foggia per prendere il primo treno che partiva per Napoli.

Vide che parecchi viaggiatori si affacciavano ai finestrini per acquistare il giornale e, pure lui, che non sapeva ne leggere e ne scrivere, ne comprò uno.

Dopo che il treno partì, aprì il giornale e si mise a leggere come gli altri, a dire la verità, lui faceva finta di leggere perché, aveva fatto a mala pena la prima elementare e non conosceva neanche una lettera.

Ad un certo punto, un signore che steva seduto a fianco, per curiosità, guardò lui e il giornale che teneva aperto e, vedendo che lo teneve girato, disse:

Compare, guarda che ai il giornale sottosopra!”.

‘Il massaro subito rispose:

Chi sa leggere, legge dal verso giusto ed anche al contrario!.