CITTE TU E CITTE IJE!

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Na sére, na mugghiére e nu marite, straccque doppe na jurnate de fateche, magnate nu mizze piatte de paste e cicere senza luvà a tavele, accise se ijerene appagghiarà.

Se èrene appène ficcate sotte i lènzole, quanne, stutate ‘u lume, da luce da lune che se ndravedève da sfelatore, capijene che se n’èrene scurdate de serrà ‘a porte.

“Va’ a serrà ‘a porte!deceje ‘a mugghijere a ‘u marite – ije stènghe troppe stracche!

Va’ tu! – respunneje ‘u crestijaneIje agghije zappate tutta ‘a jurnate e stènghe propreje accise!”.

Tu pe me e ije pe te, nessciune di duje se vuleje avezà e, seccome èrene troppe stracche pe letegà, s’accurdajene che se sarreje avezate pe serrà ‘a porte chi avèsse parlate pe prime.

Accussì, ca cape sotte i cuperte, citte tu e citte ije, passajene ‘na nuttate scetate.

Vèrse l’albe, marite e mugghière, ancore scetate, sentijene remure suspette dinte a stanze, nessciune di duje, citte tu e citte ije, cacciarene ‘a cape da sotte i cuperte.

Doppe si senteje rasckà ‘u cucchiare contre nu piatte, cume se quacchèvune stèsse arrezzerijanne quille che ère rumaste dind’i piatte, ma né marite e né mugghière, citte tu e citte ije, arapejene a vocche.

A l’uteme ‘u crestijane se senteje tucca i baffe e subbete doppe senteje che quacchevune faceve ‘u gire du litte pe ij da ‘u late da mugghijere.

‘A nuttate ère fenute e pa strade s’accumenciavene a sènte i voce di crestiajane che jèvene a fategà.

U marijule, sèntenne i voce, s’alluntanaje da u litte e se n’asciuje da porte cu nu sacche sope i spalle.

‘A mugghière deceje:

“Manu male èje fenute quésta bbèlla nuttate!”.

‘U marite respunneje:

“Ah, aje parlate frèchete, e mo agàvezete e và a chiude ‘a porte!”.

Quanne se avezajene da ‘u litte, truvajene ‘a case arrubbate.

 

ZITTA TU E ZITTO IO!

Una sera, una moglie e un marito, stanchi dopo una giornata di lavoro, dopo aver mangiato un mezzo piatto di pasta e ceci senza sparecchiare, distrutti andarono a dormire

Si erano appena infilati sotto le lenzuola, quando, spento il lume, dalla luce della luna che s’intravedeva dallo spiraglio, capirono che si erano dimanticati di chiudere la porta.

“Vai a chiudere la porta!disse la moglie al marito – io sono troppo stanco!

Vai tu! – rispose l’uomoIo ho zappato tutta la giornata e sono proprio distrutto!.

Tu per me e io per te, nessuno dei due si volle alzare e, siccome erano troppo stanchi per litigare, si accordarono che si sarebbe alzato per chiudere la porta chi avesse parlato per prima.

Così, con la testa sotto le coperte, zitto tu e zitto io, passarono una nottata senza dormire.

Verso l’alba, marito e moglie, ancora svegli, sentrono rumori sospetti nella stanza, nessuno dei due, zitto tu e zitto io, misero la testa sotto le coperte.

Dopo si sentì raschiare il cucchiaro contro un piatto, come se qualcune stesse finendo quello che era rumasto nei piatti, ma né il marito e né la moglie, zitto tu e zitto io, aprirono la bocca.

All’ultimo l’uomo si sentì toccare i baffi e subito dopo sentì che qualcuno faceva il giro del letto per andare dal lato della moglie.

La nottata era finita e per la strada s’incominciavano a sentire le voci delle persone che andavano a lavorare.

Il ladro, ascoltando le voci, si allontanò dal letto e se ne uscì dalla porta con un sacco sopra le spalle.

La mogliee disse:

“Menomale è finita questa bella nottata!”.

Il marito rispose:

“Ah, hai parlato, frecati, ed ora alzati e vai a chiudere la porta!”.

Quando si alzarono dal letto, trovarono la casa svaligiata.