CRICCHE, CROCCHE E MMANECHE DE NGINE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Cricche, Crocche e Mmaneche de ngine érene tre marijùle che facìjene tra de lore ‘na scummèsse, pe vedè chi ére u cchjù dritte.

Vedijene sóp’a n’àreve u nìde de ‘na ciacciacole, Cricche decìje:Vulete vedé che vàche a luuà l’óve da sòtte a quella ciacciacole sènze ca ésse se n’àccorge?.

Tramènde Cricche nghianave sópe all’àreve, Cròcche i tagghjaje i sóle e i tacche da sòtt’i scarpe e si mmmucciaje nd’a sacche.

Maneche de ngine, sènze che Cròcche se n’accurgeve, c’i frecaje da dìnd’a sacche e s’i mettìje nd’u cappille.

Quanne Cricche facije vedè l’óve d’a ciacciacole, Crocche cercaje i sóle e i tacche de Cricche, ma truuaje i sacche vacande.

Maneche de ngine vèngìje ‘a scummèsse, quanne facìje vedè i sóle e i tacche, frecate a Crocche che l’avéve tagghjate da sòtt’i scarpe de Cricche.

Maneche de ngine ére u cchjù dritte ma ère pure u cchjù assennate de tutt’e ttre, isse a nu cèrte mumènde, lassaje i cumbagne, pegghjaje mugghjére e arapije n’a putéche.

Cricche e Crocche jìjéne a sbercijà nd’o negozzeje pe vedè si ce stéve chècchèccóse d’arrubbà.

Arréte o bbangóne stéve ‘a mugghjére de Maneche de ngìne, urdenajene nu poche de pane e nu pizze de casecavalle e mettìjene ucchije sópe a nu purche appìse p’asciugà.

Cricche e Cròcche se facìjene segnale ma ‘a fèmmene che ére dritte, se magnaje i maccarùne e decìje tutte cóse o marite.

Maneche de ngìne capije ch’érene quille duje fetinde e ammucciaje u purche nd’o furne.

Mò’, Cricche e Crocche trasijene de notte nd’a putéche, nen truuajene u purche e rumanijene mbambalute; dope Crocche nghianaje i scale, trasije nd’a camere da lètte, se avvecinaje o litte da vìje d’a fèmmene e ddummanaje: “Dì, nne rreèssce a truuà u purche, ndò stace?”.

‘A mugghjére di Maneche de ngìne, penzanne che ére u marìte a parlà, respunnìje: “Nen t’arrecurde ca le misse nd’o furne?”.

I duje marijùle sscennijene nd’a putéche, pegghjajene u purche e su purtajene.

Passanne nd’a l’urte, Crocche, vedeje ‘na bbèlla verdure frèsscke frèsscke, se fermaje a ffà nu poche de nzalate, mendre Cricche jéve annanze c’u purche sópe ‘a spalle.

Maneche de ngìne, sendìje i remùre, s’affacciaje a fenéstre e capìje tutt’u fatte; pegghjaje nu fassce de verdure ca tenéve nd’a case, currìje apprisse a Cricche, ca tenéve u purche, u rrevaje e c’a scuse che u vuléve ajutà a purtà u purche, ce mettìje mbrazze u fassce de verdure e isse se pegghjaje u purche.

Cricche, penzanne che ére Crocche, si lebberaje tutte cundente de quillu pìseme e pegghjaje u fassce d’a verdure.

Tramende Maneche de ngine se purtave a case u purche, Crocche arrevaje a Cricche e u truvaje che nu fassce de verdure mbrazze cume u suje.

I duje cumbare, capijene che Maneche de ngine ére sèmbe u cchjù dritte.

 

CRICCO, CROCCO E MANICO DI UNCINO

(i nomi richiamano i loro ferri del mestiere: il martinetto, il gancio del macellaio e l’uncino)

Cricco, Crocco e Manico di uncino erano tre ladri che fecero tra di loro una scommessa, per vedere chi era il più astuto .

Videro sopra un albero il nido di una gazza ladra, Cricco disse: “Volete vedere che sono capace a togliere l’uovo da sotto a quella gazza ladra senza che essa se ne aggorga?”.

Mentre Cricco saliva sopra l’albero, Crocco gli tagliava le suole e i tacchi da sotto le scarpe e le nascondeva nella sacca.

Manico di uncino, senza che Crocco se ne accorgesse, ce li rubò dalla tasca e se li mise nel cappello.

Quando Cricco fece vedere l’uovo della gazza ladra, Crocco cercò le suole e i tacchi di Cricco ma trovò le tasche vuote.

Manico di uncino vinse la scommessa, quando fece vedere le suole e i tacchi, rubati a Crocco che l’aveva tagliati da sotto le scarpe di Cricco.

Manico di uncino era il più astuto ma era anche il più giudizioso di tutti e tre, egli ad un certo momento, lasciò i compagni, prese moglie e aprì una bottega.

Cricco e Crocco andarono a spiare nel negozio per vedere se c’era qualcosa da rubare.

Dietro il bancone stava la moglie di Manico di uncino, ordinarono un po’ di pane e caciocavallo e guardarono con interesse un maiale appeso pe l’asciugatura.

Cricco e Crocco si fecero segno ma la donna che era astuta, si insospettì e raccontò tutto al marito.

Manico di uncino capì che erano quei due fetenti e nascose il maiale nel forno,

Ora, Cricco e Crocco entrarono di notte nella bottega, non trovarono il maiale e rimasero disorientati; dopo Crocco salì le scale, entrò nella camera da letto, si avvicinò al letto dalla parte della donna e chiese: “Dimmi, non riesco a trovare il maiale, dove sta?”.

La moglie di Manico di uncino, pensanno che fosse il marito a parlare, rispose: “Non ti ricordi che l’hai messo nel forno?”.

I due ladri scesero nella bottega, presero il maiale e se lo portarono.

Manico di uncino, sentì i rumori, si affacciò alla finestra e capì tutto il fatto; prese un fascio di verdura ca teneva in casa, corse dietro a Cricco, che teneva il maiale, lo arrivò e con la scusa di volerlo aiutare a portare il maiale, gli mise nelle braccia il fascio di verdura e lui si prese il maiale.

Cricco, pensando che fosse Crocco, si liberò volentieri di quel peso e prese il fascio di verdura.

Mentre Manico di uncino si riportava il maiale a casa, Crocco arrivò da Cricco e lo trovò con un fascio di verdura come il suo.

I due compari, capirono che Manico di uncino era sempre il più astuto.