DEDECÁTE A ‘NA BBÈLLA QUARANDÈNNE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Raffaele Montanaro per tornare all’indice

RAFFAELE MONTANARO

DEDECÁTE A ‘NA BBÈLLA QUARANDÈNNE

Cèrte vóte u tímbe ‘a bbellèzze n’appènne,

bbèlla e doce segnóre quarandènne,

pecchè cchjù te guárde e cchjù sì bbèlle,

cúm’e quanne te canussciúje segnurenèlle.

 

Quille nighe appezzecáte mbácce,

da mámma túje quánne t’à fátte,

éje cúm’e ‘nu surríse che da vocche s’affacce,

e povere córe míje che nn’a fenessce de sbátte.

 

Quill’úcchje che tánde agghje mmeráte,

sò dúje bbrellánde delecáte,

e chissà qualu pettóre mammete à ngiaramáte,

per fárle accussì bbèlle da rumanì ndumacáte..

 

Tu tíne tutte i sètte bbellèzze,

quánne ríre mìtte sckitte allegrèzze,

e si te véde  che t’affacce sóp’u bballatúre,

u córe míje trème de prejèzze e  pauúre.

 

DEDICATA A UNA BELLA QUARANTENNE.

Non sempre il tempo la beltà cancella,

bella e dolce signora quarantenne,

perché più ti guardo e più sei bella,

come quando ti conobbi signorinella.

 

Quel neo stampato sul viso,

dalla tua mamma quando sei nata,

è come un sorriso che dalla bocca si affaccia,

e povero il mio cuore che non smettere di battere.

 

Quegli occhi che tanto ho ammirato,

sono due brillanti delicati,

e chissà quale pittore tua madre ha corrotto,

per farli così belli da rimanere senza parole.

 

Hai tutte le sette bellezze,

quando ridi metti solo allegria,

e si ti vedo affacciata sul ballatoio,

il mio cuore trema di gioia e paura.