Proverbi – A

Cliccare sulla lettera dell’alfabeto per aprire il capitolo con i proverbi che hanno il vocabolo base che inizia con quella lettera

A B
C D
E F
G I
J L
M N
O P
Q R
S T
U V
Z  

 

PROVERBIO LUCERINO

(TRADUZIONE LETTERALE)

(SENSO FIGURATO)

 

Àcene a àcene se jenghe ‘a macene

(A chicco a chicco si riempie la macina)

(A piano a piano si realizzano le cose importanti)

Cane che abbaje, nne mmozzeche

(Il cane che abbaia, non morde)

(La persona che grida e minaccia, poi non nuoce)

Stipe ‘a nzogne pe qquanne abbesogne

(Conserva la sugna per quanto ti servirà)

(Conserva il di più per quando ne avrai bisogno)

L’àbbete nen face u moneche

(L’abito non fa il monaco)

(L’abito non cambia la persona)

Abete nen fà mmoneche e cchijreche nen fà pprévete

(L’abito non fa il monaco e la chierica no fa il prete)

(Non si deve giudicare una persona dall’apparenza)

Cume i (a)bbituue, i truve

(Come li abitui, li trovi)

(Come li educhi così li trovi)

Abbrile cacce u fiore e mmagge ave l’onore

(Aprile caccia il fiore e maggio ha l’onore)

(Chi gode del frutto degli altri)

Quanne u diavele t’accarèzze, vole l’àneme

(Quando il diavolo ti accarezza, vuole l’anima)

(Quando qualcuno ti lusinga, ti vuole fregare)

‘A ccasione face l’ome marijule

(L’occasione fa l’uomo ladro)

(Quando si presenta l’occasione, l’uomo diventa ladro)

Pegghjà acce pe pputrusine

(Scambiare il sedano per il prezzemolo)

(Intendere una cosa per un’altra)

Chi nn’accètte (apprèzze), nne mmèrete

(Chi non accetta (apprezza) non merita)

(È buona educazione accettare (apprezzare) ciò che viene offerto)

Accide cchjù ‘a lénghe che u curtille

(Uccide più la lingua che il coltello)

(Fanno più male le maldicenze che le ferite da coltello)

I fèsse vanne a ccocchje

(Gli stupidi vanno a coppia)

(Gli stupidi vanno a due a due)

Zuppe e ccecate vanne sèmbe a ccocchje

(Gli zoppi e i ciechi vanno sempre a coppia)

(Compensarsi a vicenda)

Ddije i face e u diavele l’accocchje (i ccocchje)

(Dio li crea e il diavolo li unisce)

(Riferito a uomini cattivi)

S’acchemmogghje ‘a cape e se schemmogghje u cule

(Si copre la testa, ma si scopre il sedere)

(Quando qualcuno usa inutili espedienti pur di salvare l’onore) 

Chi a cconde cotte, chi a cconde crude

(Chi la racconta cotta e chi la racconta cruda)

(Ogni persona dà la sua versione di un fatto)

Chi è vive, l’acconde

(Solo chi sopravvive può raccontare il fatto)

Chi se (ac)cundènda, gode

(Chi vivrà, lo racconterà)

(Si è felici solo se non si è invidiosi)

Pe n’àcene de sale se guaste ‘a menéstre

(Per un acino di sale si guasta la minestra)

(Spesso basta un niente per rompere certe relazioni)

U diavele se ficche nd’a crone de l’ache

(Il diavolo s’infila nella cruna dell’ago)

(La persona subdola entra dove meno te lo aspetti e capovolge in malora le situazioni)

‘A cite se face sputà, u méle se face alleccà

(L’aceto lo sputi, il miele lo lecchi)

(Le cose brutte si evitano mentre le cose belle si desiderano)

Addummanne a l’acquajule se l’acque è ffresscke

(Chiedi all’acquaiolo se l’acqua è fresca)

(Quando si fa una domanda inutile perché la risposta sarà senz’altro positiva)

L’acque vace o mare

(L’acqua va al mare)

(Come il fiume affluisce dove ce n’è già tanta (il mare) così le cose vantaggiose toccano sempre a chi ne ha già in abbondanza)

L’acque che nen cade, ngile stà

(L’acqua che non cade, in cielo sta)

(Quello che si temeva non è accaduto, però può succere da un momento all’altro)

Acque e ffuche ntrovene luche

(Acqua e fuoco non cercano luoghi)

(Le maldicenze non trovano ostacoli)

E ffuje acque stutate u fuche

(E fu acqua che ha spento il fuoco)

(L’intervento fu così provvidenziale da risolvere il problema o la situazione)

Acqua cujéte appandane e fféte

(L’acqua ferma ristagna e puzza)

(Persona in apparenza timido e tranquillo ma di animo cattivo)

Acqua passate nen macene cchjù

(L’acqua passata non macina più)

(Le cose passate non servono più ed è inutile ritornarci su)

A prim’acqua d’aùste appundete u bbuste

(Alla prima pioggia di agosto abbottonati il busto)

(Alla prima pioggia di augusto copriti perché comincia il primo fresco autunnale)

Acque d’aùste tutt’uglje, mèle e mmuste

(Pioggia d’agosto tutto olio, miele e mosto)

(Le piogge di agosto portano abbondanza di olio, miele e mosto perché giovano agli ulivi e alle viti)

L’acque vace a ndò stace ‘a pendènze, ‘a more a ndò stace ‘a speranze

(L’acqua va dove sta la pendenza, l’amore dove c’è la speranza)

(L’acqua scorre sulla pendenza, l’amore si dirige dove c’è la speranza)

Ognune tire l’acqua a muline suje

(Ognuno tira l’acqua al suo mulino)

(Ognuno bada ai propri interessi) 

È acque che nne llève séte

(È acqua che non toglie la sete)

(È un rimedio inadatto) 

Acqua menute trapane e nn’è credute

(Acqua sottile penetra e non è creduta)

(Le allusioni, le piccole calunnie si insinuano piano piano perché in principio non vengono prese in considerazione)

L’acque nfracete i bbastemènde

(L’acqua marcisce i bastimenti)

(A lungo andare le maldicenze e le calunnie hanno il loro effetto)

Sope u cutte l’acqua vellute

(Sopra la scottatura l’acqua bollente)

(Quando un danno si aggiunge ad un altro già avvenuto)

N’acque tra abbrile e magge vale nu carre d’ore e chi lu tire

(Una pioggia tra aprile e maggio vale un carro d’oro e chi lo tira)

(Una pioggia tra aprile e maggio è una manna dal cielo per l’agricoltura e per l’agricoltore)

Pe scanzà l’acque à ttruuate u fusse

(Per evitare l’acqua della pozzanghera ha trovato il fosso)

(Per evitare un piccolo pericolo è finito in uno più grande)

L’acqua truvele ngrasse u cavalle

(L’acqua torbida ingrassa il cavallo)

(In situazioni confuse qualcuno può approfittare per conseguire il suo tornaconto personale)

Nd’a l’acqua cujéte nge jènne a ppescà, che pigghje i ruspe

(Nell’acqua stagnante non pescare, perché peschi i rospi)

(Non immischiarti in situazioni non chiare, perché potresti andare nei guai)

Acqua chiare nn’ave paure d’i trunele

(L’acqua chiara non teme i tuoni)

(La persona leale e corretta non ha paura delle critiche)

L’acque a ppoche a ppoche jénghe u sicchje

(L’acqua a poco a poco riempie il secchio)

(Tutto si realizza a piccoli passi)

L’acque è cum’e nu seconde Padratèrne

(L’acqua è come un secondo Padreterno)

(L’acqua è un bene prezioso)

Quèste è acque ca corre a tutt’i titte

(Questa è acqua che corre su tutti i tetti)

[Questa è una sorte riservata a tutti (così rispondeva un famigliare quando le venivano fatte le condoglianze)]

A prim’acque se mbonne

(Alla prima pioggia si bagna)

(Cede alla prima difficoltà)

Sonne n’acque e nu fuche

(Sono un’acqua e un fuoco)

(Sono molto uniti e condividono tutto)

Chi véve l’acque a’ matine, à vvippete u vine a’ séra prime

(Chi beve l’acqua al mattino, ha bevuto il vino la sera prima)

(Quando la mattina non si ha voglia di fare niente e perché la sera prima si è fatto baldoria)

Acqua fòrte trapane u cappotte, acqua fìne trapane i rine

(Acqua forte impregna il cappotto, l’acqua fine entra nei reni)

(I contrasti aperti non provocano grossi danni, le maldicenze e le calunnie invece penetrano nel profondo)

Se nne scalefe, addefrèsscke

(Se non riscalda, rinfresca)

Addefrisscke de Ddije, decije u cafone quanne jije a ccasediavele

(Sia lodato Dio, disse il cafone quando andò all’inferno)

(Quando ci si trova in una condizione più confortevole rispetto ad una precedente)

U sazzeje nen crède o (a)ddejune

(Chi è sazio non crede a chi è digiuno)

(Chi è in buona salute non può comprendere le sofferenze altrui)

È mmègghje murì sazzeje che addejune

È meglio morire sazio che digiuno

È meglio una buona morte che una brutta vita. È meglio morire senza rimpianti

Addummanne o candenire si u vine è bbùne

(Domanda all’oste se il vino è buono)

(Quando si fa una domanda inutile perché la risposta sarà senz’altro positiva)

Chi vole addummanne e chi nen vole manne

(Chi vuole chiede e chi non vuole manda)

(Chi ha veramente bisogno, si reca personalmente a chiedere)

Chi addummanne nen face èrrore

(Chi chiede non commette errori)

(Non bisogna essere presuntuosi)

Chi nen sape addummanne, e chi addummanne mbare

(Chi non sa chiede, e chi chiede impara)

(C’è sempre da imparare)

‘A vite è n’affacciate de fenéstre

(La vita è un’affacciata di finestra)

(La vita è così breve quanto un’affacciata dalla finestra)

I mègghje affare so’ quille che nze fanne

(I migliori affari sono quelli che non si fanno)

(I migliori affari sono quelli che non si fanno)

Uglje e vvine sèmbe affine

(L’olio e il vino si affinano sempre) 

(L’olio e il vino si affinano sempre)

Chi camine dritte, camb’afflitte

(Chi riga dritto, vive nell’afflizione)

(L’onestà non procura vantaggi) 

Mo’ che te si’ ggiustate, ascinne che si’ rrevate

(Ora che ti sei ben sistemato, scendi, perché sei arrivato)

(L’uomo, quando crede di aver raggiunto ciò che desiderava, non riesce a goderne i frutti perché sopraggiunge la morte)

L’aglje accide i virme

(L’aglio uccide i vermi)

(L’aglio uccide i vermi intestinali)

Capissce sèmbe aglje pe cepolle

(Capisce sempre agli per cipolle)

(Si dice quando qualcuno intende una cosa per un’altra)

‘A morte stace cchjù pe l’àjene che p’a pecure

(La morte è più frequente per l’agnello che per la pecora)

(Ai pericoli sono più esposti i bambini e i giovani)

Ajutete, che Ddije t’ajute

(Aiutati, che Dio ti aiuta)

(Datti da fare, che poi Dio ti aiuterà)

Mare a chi cade e ccèrche ajute

(Guai a chi cade e cerca aiuto)

(Chi si trova in grosse difficoltà difficilmente trova chi lo aiuta)

Vaje p’ajute e ttruve sderrupe

(Vai cercando aiuto, ma trovi ostacoli)

(Chi crede di trovare aiuto in qualcuno, che invece, gli peggiora la situazione)

Allattarese a ddoje mennuzze

(Allattarsi a due mammelle)

(Avere contemporaneamente due fonti di guadagno)

Ogne’allegrèzze d’o core te véne

(Ogni gioia nasce dal cuore)

(Ogni buona azione è accompagnata da affetto)

Cchjù l’allissce, cchjù l’attizze

(Più lo lisci, più lo distendi)

(Più lo lisci, più lo fai rizzare)

Da nanze t’allisce, da réte te strissce

(In tua presenza ti loda, in tua assenza ti disprezza)

(Detto dell’ipocrita che ti esalta in presenza ma ti critica alle spalle)

Chi ne téne cìnde l’alloche, chi ne téne vune l’affoche

(Chi ne ha cento le marita, chi ne ha una l’affoga)

(Chi ha più figlie riesce a sistemarle, mentre chi ha una sola figlia non riesce a sistemarla per le troppe pretese) 

Chi tarde arrive, male allogge

(Chi tarda arriva, male alloggia)

(Chi arriva in ritardo non trova posto e deve arrangiarsi)

Ame a chi t’ame e respunne a chi te chiame

(Ama a chi ti ama e rispondi a chi ti chiama)

(Ama a chi ti ama e rispondi a chi ti chiama)

Amà e nn’èsse amate è ttimbe perdute

(Amare e non essere amato è tempo perso)

(Amare e non essere amato è tempo perso) 

Quann’è doce se zuche, quann’è amare se spute

(Quando è dolce si succhia, quando è amaro si sputa)

(Accettare le gioie della vita e cercare di evitare o attenuare le disgrazie)

Chi vole fategà, Amèrec‘a qquà, Amèrec‘a llà

(Chi ha voglia di lavorare, l’America è qua e là)

(Chi ha voglia di lavorare, la fortuna la trova dovunque)

Amiche bbenefeciate, nemiche dechiarate

(Amico beneficiato, è nemico dichiarato)

(L’amico a cui hai fatto del bene non sempre è riconoscente) 

Amìce e pparinde nne mbrestanne ninde

(Ad amici e parenti non prestare niente)

(Ad amici e parenti non prestare niente)

Quanne n’amiche te vène a ttruuà, chècchècose l’aja dà

(Quando un amico ti viene a trovare, qualcosa gliela devi dare)

(Quando un amico ti fa visita, qualcosa vuole da te)

Amice e cumbare se parlene chiare

(Amici e compari si parlano chiaramente)

(Amici e compari si dicono le cose in faccia senza finzioni)

Amiche de tutte e ffedéle de nissciune

(Amico di tutti e fedele di nessuno)

(Amico di tutti e intimo di nessuno)

I mègghje amiche, i megghje petrate

(I migliori amici, le migliori pietre)

(Dai migliori amici ti puoi aspettare le peggiori offese)

Passe l’àngele e ddice ammén!

(Passa l’angelo e dice amen!)

  • (Quando non si è saputa cogliere l’occasione;)
  • (Un ammonimento a non scherzare con malignità sulle sfortune degli altri;)
  • (Non dire un qualcosa che si teme perché potrebbe avverarsi)

A more è cciche

(L’amore è cieco)

(L’amore non guarda l’estetica della persona amata o i suoi comportamenti)

More e bbene, fina véne

(Amore e bene, viene la fine)

(Anche l’amore e il bene finiscono)

Tande d’amore, tande de sdégne

(Tanto di amore, tanto di sdegno)

(Chi , mostrandosi sincero, non sopporta la falsità)

U prim’amore nze scorda maje

(Il primo amore non si scorda mai)

(Il primo amore non si scorda mai)

Tutte passe, sole ‘a more de Ddije nen passa maje

(Tutto passa, solo l’amore di Dio non passa mai)

(Tutto passa, solo l’amore di Dio non passa mai)

Amore de spiagge, amore de passagge

(Amore di spiaggia, amore di passaggio)

(Gli amori estivi sono passeggeri)

Anema triste munduuate è vviste

(Anima triste nominata è vista)

(La persona di cui si sta parlando compare all’improvviso)

L’ànema triste nn’a vole manghe Criste

(L’anima triste non la vuole neanche Cristo)

(I cattivi sono longevi perché non sono desiderati neanche all’altro mondo)

Anema tènde, nissciune a vole

(Anima sporca, nessuno la vuole)

(L’uomo cattivo non e ricercato da nessuno)

Anema si’, ànema cride

(Anima sei, anima credi)

(Anima sei e credi all’anima altrui)

Anema tènde e cussciènza lése

(Anima sporca e coscienza lesa)

(I cattivi hanno la coscienza inquieta)

L’ànem‘a Ddije e ‘a rrobba a ci tocche

(L’anima a Dio e la roba a chi spetta)

(L’anima si rende a Dio e la roba a chi spetta)

Ogne ànema nate Ddije l’ajute

(Ogni anima nata Dio l’aiuta)

(Dio aiuta ogni creatura)

Anema mija pinde, chi stéve fore, se truuaje dìnde

(Anima mia dipinta, chi stava fuori, si trovò dentro)

(Anima mia sporca, chi stava fuori, si trovò dentro)

So’ ccadute i nille, ma i dite so’ rrumaste

(Sono caduti gli anelli, ma le dita sono rimaste)

(Persona che occupava un posto importante ma che continua ad esercitare prestigio anche dopo averlo lasciato)

Vijate quèll’annate che da favugne è gguvernate

(Beato quell’anno che è governato dal favonio)

(Propizia quell’annata che è dominata dal favonio perché sarà feconda)

Annate de vinde, annate di ninde

(Annata di vento, annata di niente)

(Un’annata ventosa non porterà un buon raccolto)

Annate de nùzzele, annate de sellùzze

(Annata di frutta con noccioli, annata di singhiozzi)

(Annata di frutta con noccioli, annata di singhiozzi)

U prim’anne a ccore a ccore, u seconde a ccul’a ccule, u tèrze a ccavece ngule

(Il primo anno a cuore a cuore, il secondo a culo a culo, il terzo anno a calci nel culo)

(Il primo anno di matrimonio si sta a cuore a cuore, il secondo anno ci si siede di spalle, il terzo ci si prende a pedate nel sedere)

L’anne passene e ‘a morte s’avvecine

(Gli anni passano e la morte si avvicina)

(Gli anni passano e la morte si avvicina)

L’anne crèsscene e i fòrze ammanghene

(Gli anni crescono e le forze mancano)

(Gli anni passano e la morte si avvicina)

Nzacce se so’ ffèsse ìje o è ffèsse l’ape che cigghje e mmore

(Non so se sono scemo io o è fessa l’ape che punge e muore)

(Ci sono di quelli che per danneggiare gli altri, fanno male a se stessi)

L’apparènza nganne

(L’apparenza inganna)

(L’apparenza non sempre è uguale alla realtà o alla verità)

U mègghje cumbanagge è l’appetite

(Il miglior companatico è l’appetito)

(Chi ha fame non ha bisogno di companatico)

Magnanne, véne ‘a ppetite

(Mangiando viene l’appetito)

(Le cose si apprezzano piano piano)

Chi nn’apprèzze, nne mmèrete

Chi non apprezza non merita

Chi non apprezza non merita

Chi vole arà, are pure c’u pezzuche

(Chi vuole arare, ara anche col bastone)

(Chi ha voglia di lavorare fa qualunque mestiere)

Va are che faje majése

(Vai ad arare che fai maggese)

(Solo il lavoro porta benefici)

Se Ddije vole s’arapene i porte

(Se Dio vuole si aprono le porte)

(Se è destino non si trovano ostacoli)

L’àreje è mmizze pane

(L’aria è mezzo pane)

(L’aria è indispensabile come il pane)

Areje de fessure porte a nzebbleture

(L’aria di fessura porta alla sepoltura)

(L’aria che entra da uno spiraglio nuoce alla salute)

Areje de felatore porte o cemetére

(L’aria dello spiffero porta al cimitero)

(L’aria che entra da uno spiraglio nuoce alla salute)

L’àreve pécche e u rame sècche

(L’albero pecca e il ramo secca)

(I genitori commettono gli errori e i figli li pagano)

L’àreve che nen porte frutte, s’addà tagghjà

(L’albero che non dà frutti dev’essere tagliato)

(Bisogna allontanare le persone non sono costruttivi)

Cum’éje l’àreve, éje u rapulle

(Com’è l’albero così e il ramo che germoglia)

(I figli prendono dai genitori)

L’àreve cadute, accètt’accètte

(Sull’albero caduto tutti fanno legna con l’accetta)

(Spesso gli uomini si accaniscono contro chi è caduto in disgrazia)

L’àreve se face vécchje e i rapulle crèsscene

(Gli alberi invecchiano e i virgulti crescono)

(Gli uomini invecchiano e i ragazzi crescono)

L’àreve ammizz’a vije magne tu e mmagne ije

(Dall’albero in mezzo alla via cogli frutti tu e colgo frutti io)

(Del bene non protetto approfittano tutti)

Stace cum’a vucille sop’a l’àreve

(Sta come l’uccello sopra l’albero)

(Sta come il passero sul ramo pronto a volare via)

Armamece e jjatece

(Armiamoci e andateci)

(Spingere gli altri ad agire senza partecipare)

Chi arrobbe face ‘a rrobbe e chi fatighe face ‘a gobbe

(Chi ruba fa la roba e chi lavora fa la gobba)

(Chi ruba acquista le proprietà e chi lavora diventa gobbo)

Chi arrobbe fasce nu sole penzire e chi è rrubbate face cìnde penzire

(Chi ruba fa un solo pensiero e chi è derubato fa cento pensieri)

(Chi ruba fa un solo pensiero e chi è derubato fa cento pensieri perché dubita di molti)

Mègghje ‘na vote a vverdechi, che cìnde a rrusscechi

(Meglio arrabbiarsi una volta, che arrossire cento volte)

(Vale più litigare e risolvere una questione che rodersi a lungo dentro per la rabbia)

Mbare l’arte e mittele da parte

(Impara l’arte e tienila in serbo)

(Impara il mestiere e tienilo in serbo per esercitarlo al momento opportuno)

Arte pe arte e i pècure o lupe

(Arte per arte e le pecore al lupo)

(Fai quello che hai imparato e sai fare e lascia che gli altri facciano lo stesso)

Sape fà tutt’arte e ffora mestire

(Sa fare tutto, ma non ha un mestiere)

(Chi vuol far vedere che sa fare tutto, ma non ha voglia di lavorare)

L’arta suje a vole vènne a l’àvete

(Il suo mestiere vuole venderlo agli altri)

(I suoi difetti li vuole attribuire ali altri)

Arte sòtt’u titte, arte beneditte

(Chi lavora sotto un tetto, fa un lavoro benedetto)

(Chi lavora nella propria bottega, per proprio conto e più fortunato di chi lavora nei campi)

Quanne a ‘na vanne nz’i mmetate, cum’e n’àsene s’i trattate

(Quando in un posto non sei invitato, come un asino sei trattato)

(Quando non sei un invitato, nessuno ti prende in considerazione)

Quille che nd’aspitte, succède

(Quello che non ti aspetti succede)

(Ciò che non ti aspetti spesso succede)

Chi tande ne face, vune n’aspètte

(Chi ne fa tante, una ne aspetti)

(Chi compie tante malefatte, se ne deve aspettare una contro)

Chi s’assemègghje, se pigghje

(Chi si rassomiglia, si piglia)

(Si va d’accordo con chi ha le stesse vedute)

Stènghe a stuffe cum’a carna grasse

(Sono sazio come se avessi mangiato la carne grassa)

(Sono stufo di dire e di fare sempre le stesse cose)

Attacche bbùne che assciugghje mègghje

(Lega bene che sciogli meglio)

(Se fai le cose per bene, puoi gestire meglio le situazioni)

Auste, appundete u bbuste

(In agosto copriti il busto)

(In agosto comincia ad indossare qualcosa di più pesante perché cominciano i primi temporali)

Chi avanze, aspètte

(Chi deve avere, aspetti)

(Non c’è fretta a pagare i debiti)

Vache p’avè e rrumane da dà

(Cerco di avere e va a finire che devo dare)

(Credo di aver ragione, e mi danno torto)

Chi à ‘vute à vute e chi à ddate à ddate

(Chi ha avuto ha avuto, chi ha dato ha dato)

(Siamo pari e non pensiamoci più)

Avènne, putènne, facènne

(Avendo, potendo, facendo)

(Chi può e fa)

I vassce per mmarite, i àvete pe ccogghje i fiche

(Gli uomini uomini bassi sono buoni per mariti, quelli alti per raccogliere i fichi)

Chi prime se àveze, prime se càveze

(Chi si alza per primo, per primo si calza)

(Chi si sveglia per primo meglio si sistema)

Chi s’àveze de matine se guadagne carrine, chi s’àveze a jjurne se guadagne nu curne

(Chi si alza di buon mattino guadagna un carlino, chi si alza tardi guadagna un corno)

(Chi si alza al mattino presto lavora e guadagna, chi invece si alza tardi non guadagna niente)

Chi s’àveze prèste a matine, face fèsse lu vecine

(Chi si alza presto la mattina, anticipa il vicino)

(Chi si alza presto la mattina ha maggiori possibilità di lavorare)

Vùje fà fèsse a lu vecine, t’è avezà prèste a la matine

(Se vuoi gabbare il vicino, devi alzarti presto al mattino)

(Se vuoi primeggiare devi essere il primo)

Chi avvise, stravise

(Chi avvisa, stravisa)

(Chi porta la notizia tende ad alterarla)

Chi a zzécche, a ndevine

(Chi l’azzecca, l’indovina)

(Chi la dice giusta, l’ha indovinata)

Chi azzètte, è mbise

(Chi dichiara, è impiccato)

(Chi confessa un reato è condannato)