DIALOGHI IN DIALETTO LUCERINO

 

Dialoghi ironici in dialetto lucerino pubblicati su il giornale “Il Frizzo” tra il 1909 e il 1914 e raccolti da Giuseppe Trincucci nel libro “DONNA CUNGETTÈLLA E DONNA RUSARIA”. 

Giuseppe Trincucci dice nella prefazione: “…….. SOTTO LE NAVATE, DISCORSI CHE CORRONO, DONNA CUNGETTÈLLA E DONNA RUSARIA sono i titoli delle rubriche, fin dai primi numeri del giornale.

Leggendole affiorano le scene più comuni di una società in fermento civile e morale; è una società in cui emergono sempre più marcate le differenze di classe, in cui le vicende politiche, comunali e nazionali, divengono momento di fervida discussione.

Le stesse vicende famigliari, i fatti spiccioli di tutti i giorni con le piccole tragedie per sbarcare il lunario, i matrimoni contrastati, le tasse che si assommano a nuovi balzelli, alcune questioni economiche minute che riguardano il mercato granario e il prezzo del pane, la stessa ansia di cultura e di istruzione di cui si avverte il valore e la necessità e che porterà agli studi universitari e alla laurea i figli delle misere popolane, divengono momenti di attenta riflessione e di sentita partecipazione.

 

I DIALOGHI DI DONNA CUNGETTÈLLA E DONNA RUSARIA

 

DISCORSI CHE CORRONO