DON ARRÍCHE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Raffaele Montanaro per tornare all’indice

RAFFAELE MONTANARO

DON ARRÍCHE 

I vére galandúmene sò fenúte

sópe a ‘stu múnne sperdúte.

Apperò quacchèvúne angóre c’è stà

cámbe e scrive in umeltà

 

Nu galandóme de stámbe ndeche

che pe tutt’éje Don Arríche.

U pujète d’a parláta nostre

che tánde puusíje à mìsse in mostre.

 

Pe arrecurdà a ggiúvene e vícchje u passáte

de sta Nucére nostre scurdáte.

Che tand’anne arréte e storeje bbèlle

de Bonghe, Favecjúle e Ciacianelle.

 

Putév’èsse nu gránne persunágge

ma nn’avète u curágge

de lassà Nucére e Sanda Maríje

e truuvà nóre e gloreje p’ata víje.

 

A DON ENRICO 

I veri galantuomini sono finiti

in questo mondo smarrito.

Però qualcuno ancora c’è

vive e scrive in umiltà.

 

Un galantuomo di stampo antico

che per tutti è Don Enrico.

Il poeta della nostra parlata

che tante poesie ha pubblicato.

 

Per ricordare a giovani e vecchi il passato

di questa Lucera nostra dimenticato.

Di tanti anni passati e di storie belle

di Bonghi, Favecjúle e Ciacianèlle.

 

Poteva diventare un grande personaggio

ma non ha avuto il coraggio

di lasciare Lucera e Santa Maria

e cercare onore e gloria per altra via.