DON GGIACCHÍNE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Raffaele Montanaro per tornare all’indice

RAFFAELE MONTANARO

DON GGIACCHÍNE

Chi nen canossce a Don Ggiacchíne,

u mideche condotte d’u pupulíne,

a caválle d’a doje rote pe tánd’anne,

ggeráve Lucére pe guarì péne e malánne.

 

I remèdeje de Don Ggiacchíne,

nn’èrene sèmbe pinele e medecíne,

pecché tánda vóte jéve che l’úse andíche,

pe guarì ógne mále e fatíghe.

 

Quánne i tímbe sò cagnáte,

púre Don Ggiacchíne s’è aggiurnáte,

à lassáte pe sèmbe ‘a bbececlètte,

e se ccattátte ‘na bbèlla motoceclètte.

 

A Nucére ère arreváte,

pe ne stà tánda tímb’assaje,

ma c’a sembatíje che s’ère crijáte,

de jeresinne nze recurdáte máje.

 

Pe pazzeje ‘na zènne d’asságge

à vulúte ffà cúm’e quille mberatóre de passágge,

de rucúle e cecatílle c’u ragù,

e da Nucére nze nn’è júte cchjù.

 

DON GIOACCHINO

Chi non conosce Don Gioacchino,

il medico condotto del popolino,

in sella alla due ruote per tanti anni,

girava Lucera per guarire pene e malanni.

 

I rimedi di Don Gioacchino,

non erano sempre pillole e medicine,

perché tante volte usava i metodi antichi,

per guarire ogni male e fatica.

 

Quando i tempi sono cambiati,

anche Don Gioacchino si è aggiornato,

ha lasciato per sempre la bicicletta,

e si è comprato una motocicletta.

 

A Lucera era venuto,

per non stare tanto tempo,

ma per la simpatia che si era creata,

di andarsene si era scordato.

 

Per scherzo un piccolo assaggio,

ha voluto fare come quell’Imperatore di passaggio,

di rucola e le orecchiette con il ragù,

e da Lucera non se ne andato più.