DON RUGGIRE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Ascanio Iliceto per tornare all’indice

ASCANIO ILICETO

Per ascoltare la poesia cliccare con il pulsante sinistro del mouse su del player.

 

DON RUGGIRE

Avezateve, mò sone mezzejúrne,

‘a jurnate è nu muzzeche,

Madò, che ce vonne i zóche?

Ndrunave mamme ndo suttane.

 

Nfile asscemme da réte u tramizze

e javame a lavarece nd’o vacíle.

Ma’, ndò stà a magljètte e u cavezungille

e mamme s’armave de sanda paciènze.

 

Doppe ‘a zùppe d’u latte

de carrére ammizze ‘a strade

e che Auréleje, Ferdenande e Fernande

abbijavame a jucà sópe i chianghètte

 

Don Ruggíre venéve da Sandumíneche,

assemegghjave a nu ggiagante

che l’àreje sèmbe ngazzate

e c’a mane nd’a sacche.

 

S’avvecenave e sèrije decéve

Che tènghe nd’a sacca mariole?”,

e nuje: “’A sfèrre”, “’A pestole!”,

mméce ève u mazze i chiave.

 

Quand’óve ànne fatte ogge i gallíne?

e núje: “quatte, no cinghe, séje”,

avésseme addevenate ‘na vóte: maje!

Che supplìzzeje ogne matine!

 

Chi è u rrè d’a casa míje?” e nuje:

“Don Lèlle”! Che ève u figghije,

‘a luce de l’úcchje súje.

Stíteve attinde, sennò so’ uàje”.

 

Doppe se ne jéve locche locche

e nuje, che ’na resatelle sóp’i vocche,

abbijavame n’ata vote a ffà i juche

e ‘a mmujíne p’a strade Mosche.

 

DON RUGGIRE

Alzatevi, fra poco suona mezzogiorno,

la giornata è un attimo,

Madonna, ci vogliono le corde?

tuonava mamma nel terraneo.

 

In fila uscivamo da dietro il tramezzo

e andavamo a lavarci nel bacile.

Mamma, dove sta la maglietta e il pantaloncino

e mamma si armava di santa pazienza.

 

Dopo la zuppa di latte

correvamo in mezzo alla strada

e con Aurelio, Ferdinando e Fernando

cominciavamo a giocare sopra il basolato

 

Don Ruggiero veniva da San Domenico,

sembrava un gigante

con l’aria sempre arrabbiata

e con la mano nella tasca.

 

Si avvicinava e serio diceva

Cosa ho nella tasca nascosta?”,

e noi: “il coltello”, “la pistola!”,

invece era il mazzo delle chiavi.

 

Quante uova hanno fatto oggi le galline?

e noi: “quattro, no cinque, sei”,

avessimo indovinato una volta: mai!

Che supplizio ogni mattina!

 

Chi è il Re di casa mia?” e noi:

“Don Lello”! Che era il figlio,

la luce dei suoi occhi.

State attenti, altrimenti sono guai”.

 

Dopo se ne andava lento-lento

e noi, con una risatina sulle labbra,

incominciavamo un’altra volta a fare i giochi

e la confusione per la strada di Mosca.