DUJE CÌCERE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Ce stève na vote ‘na vèdeve che tenève ‘na figghije che se chiamave Rusunèlle e nu jurne nu guaglione de nome Mengucce addummannaje a mamme da guaglione si se putève spusà.

Tu te vuje pigghià a Rusunèlle, – ruspunneje a crestijane – ma fìgghieme nen èje tanta juste de cape e tène pure nu poche i mane stòrte!”.

‘U guaglione respunneje che ci’avarreje penzate isse a ‘ddrezzà i mane e se spusaje a Rusunèlle.

‘U jurne doppe du spusalizije, Rusunèlle aveva cucenà, ‘u marite, prime de jì fore, decije: “Pe stasére prepare duje cicere!.

Quanne arrevaje l’ore de cucinà, Rusunèlle pegghiaje ‘na pignate e ce metteje a coce duje cicere, propeje duje, e, doppe ‘nu poche, assaggiaje prime ‘na metà e doppe l’ata metà pe vedè si se èrene cutte.

Quanne ‘a sère Mengucce returnaje da fore se vedeje purtà nu piatte che nu sole cicere che natave nda l’acque. Rumaste mbambalute, che ‘na santa pacienze, cenaje cu pane mbusse e se jeje a ghiazzà citte citte.

‘A matine doppe, prime de jì fore, diceje a mugghijere de fà i tagliulene, ma no duje ma assaje tante da jenghe ‘a case.

Rusunèlle respunneje che avève capite e doppe che u marete se n’ère jute, apreje ‘u sacche da farine non ancor misse mane, ‘u svagandije tutte quante e preparaje nu ‘mbaste grusse grusse e doppe accummengiaje a fà ‘i tagliuline e a stennele sop‘i ceste, doppe sop’i segge, sop‘u chemò e pure sop‘u litte.

Quanne ‘u marite turnaje da campagne, truvaje ‘a case chjéne de tagliuline.

Mengucce, ngazzate apreje a porte e diceje a Rusunèlle: “Torne sole se trove tre fémmene cchiù scéme de te!”.

Doppe che aveve cammenate pe tutta ‘a jurnate, Mengucce arrevaje a nu pajese lundane.

A mizze a chiazze, videje nu curteje chi spuse annanze a ‘na chjise ndo ‘a spose lucculave desperate pecché, esse che ère cchiù avete da porta, non riuscève a trasì.

Mengucce ce diceje de calà ‘a cape e accussì ‘a spose traseje nda chijise e se puteje spusà.

‘U giovene vedije ‘na mamme che chiagneve pecché, ‘a figghije teneve ‘a mane ngastrate dinde a na pignate, steve aspettanne ‘u dettore per falle tagghià a mane. Mengucce allore s’avasciaje, pegghiaje na préte e rumpeje ‘a pignate e accussì ‘a crejature se truvaje n’ata vote ca mane libbere.

Mengucce repegghiaje a cammenà e nguntraje na vedove che diceje:

lle gio’, da ndò vine?”. ‘U giovene respunneje: “Vènghe da l’atu munne!.

Penzanne che ère nu papone, ‘a vedove ce deje nu presùtte da purtà a bon’anime du marite doppe che ce diceje ‘u nome e ‘u chegnome du murte.

Mengucce, seccome avéve ‘ncundrate tre fèmmene cchjù stùbbete da mugghiere, turnaje a casa suje c’u presutte che su magnajene tramende Rusenèlle se ‘mbarave i révele pe cucenà.

 

DUE CECI

C’era una volta una vedova che aveva una figlia che si chiamava Rosina e un giorno un giovane di nome Domenico chiese la mano della ragazza alla mamma.

Ti vuoi sposare a Rosina, – rispose la donna – guarda che mia figlia non è molto sveglia ed ha anche le mani leggermente storte!”.

Il giovanotto rispose che ci avrebbe pensato lui a raddrizzarle le mani e si sposò Rosina.

Il giorno dopo del matrimonio, Rosina doveva cucinare e il marito, prima di andare in campagna, disse: “Per stasera prepara due ceci!

Quando arrivò l’ora per cucinare, Rosina prese una pentola e mise a cuocere due ceci, esattamente due ceci, e, dopo un po’ assaggiò prima una metà e dopo l’altra metà dei un cece per vedere se erano cotti.

Quando la sera Domenico ritornò dalla campagna si vide portare un piatto con un solo cece che nuotava nell’acqua. Rimase interdetto, con una santa pazienza, cenò con pane bagnato e se ne andò in silenzio a letto.

La mattina dopo, prima di andare in campagna, disse alla moglie de fare i tagliolini, ma non due ma tanti da “riempire la casa”.

Rosina rispose che aveva capito e dopo che il marito era andato via, aprì il sacco pieno della farina, lo svuotò completamente e preparò un gosso impasto e dopo cominciò a fare i tagliolini e a stenderli sulle ceste, sulle sedie, sul comò ed anche sul letto.

Quando il marito tornò dalla campagna, trovò la casa piena di tagliolini.

Domenico, arrabbiato aprì la porta e disse a Rosina: “Torno solo se trovo tre donne più sceme di te!”

Dopo che aveva camminato tutto il giorno, Domenico giunse in un paese lontano.

In piazza, vide un corteo con gli sposi davanti ad una chiesa dove la sposa gridava disperata perché lei che era più alta della porta non riusciva ad entrare.

Domenico le disse di abbassare la testa e così la sposa entrò in chiesa e si potè sposare.

Il giovanotto vide una mamma che piangeva perché la figlia aveva una mano incastrata dentro ad un’anfora, stava aspettando il dottore per farle tagliare la mano.

Domenico, allora, si abbassò, prese uns pietra e ruppe l’anfora e così la bambina si trovò un’altra volta con la mano libera.

Domenico riprese a camminare e incontrò unaa vedova che disse:

Bel giovane, da dove vieni?”. Il giovane rispose: “Vengo dall’altro mondo!”.

Pensando che fosse un fantasma, la vedova gli diede un prosciutto da portare alla buon’anima del marito dopo che gli disse il nome ed il cognome del defunto.

Domenico, siccome aveva incontrato tre donne più stupide della moglie, tornò a casa sua con il prosciutto che mangiarono mentre Rosina imparava le regole per cucinare.