E SSÈMBE MENGERULLE SÒNGHE…..

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Tand’e ttanda timbe fà stéve nu crestijane chè tenéve nu bbrutte vizzeje, quille de menà ammizz’a strate qualsìese cóse: munnèzze, avanze d’ogni ccose, sènza retègne de ninde; quanne po’ quase nessciune u vedéve, se permettéve pure de fàrece sópe ‘na pessciate.

Nu jurne e dduje e ttrè…… U guardeje “pessciazze”, che isse chiamave, nu bbèlle jurne se mettìje o’ mbuste e u facìje nu bbèlle rembróve; ma isse ninde, cundunuuàje cum’e pprime…. E ccussì u guardeje i facìje parìcchje vóte ‘a condravvenzìóne.

Quille pagave sèmbe e ssèmbe cundunuuave a ffà u sólete fatte sop’a munnèzze ca jettave ammizz’a strate. A l’ùteme u guardeje nz’a fedàje cchiù e i facìje n’ata bbèlla condravvenzióne, angóre cchjù ssalate de prime.

Isse, pèrò, nze ne frecàje próbbete, anze, se vutàje e decìje: “Tu pirde timbe, è nùtele che faje…. Ghije so ssèmbe Mengerulle e ssèmbe mbacce t’agghja pesscià!…..”.

 

E SONO SEMPRE “MENGERULLE”……

Tanto tempo fa c’era un tale che aveva un brutto difetto, quello di buttare in mezzo alla strada qualunque cosa: immondizia, avanzi di ogni cosa, senza nessuna vergogna; quando poi quasi nessuno lo vedeva, si permetteva anche di farvi una pisciata sopra.

Un giorno, due, tre….. Il vigile “pissciazza”, come lui lo chiamava, si mise in agguato e gli fece un solenne rimprovero, ma lui niente, continuò come prima…. E così il vigile gli fece la multa varie volte.

Lui pagava sempre e sempre continuava a fare le solite cose sull’immondizia che buttava nella strada. Alla fine il vigile non ne potè più e gli affibbiò un’altra multa salata, ancora più pesante delle precedenti. Lui, però, non se ne preoccupò più di tanto, anzi si rivolse al vigile e gli disse: “Sprechi il tuo tempo, è inutile che ti dai tanto da fare…… Io sono Mengerulle e sempre in faccia ti devo pisciare!”.