ÈJA MUNNE!

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Dòppe trè mmise ‘a mugghjére fegliàje e ttutte quande u pegghjàvene ‘a farze. Maste Frangische, abbuttàje abbuttàje, e a l’ùteme che ‘na sóla paróle decìje: “Èja munne!”.

Po’’ se vutàje maste Frangische mbacci’a qquille chè u ggnuravene cchjù ssàje de tutte quande l’àvete e ne nzapéve c’a mugghjére stéve anzìme c’u prèvete e ggià ére nginde de séje mise – mò’ ce vóle u fatte! – e cce decìje: “Tu sì cchernute, pecché mugghjèrete s’a mandéne u prèvete!”.

Ndande, sapènne u fatte, quiste vace sùbbete d’a sògre: “Nèh, cum’éje u fatte chè i crijature a qqua nàsscene de trè mmise?!”, ci’addummannàje.

Respunnìje ‘a sògre: Stu bbabbe fèsse, a ndò éje?!… so nnóve mmise …. Nu mése, trè dèchede e ssò ttrè, duje mise séje dèchede e ssò sséje, trè mmise nóve dèchede e ssò nnóve. Éja munne”!”.

 

È MONDO!

Dopo tre mesi la moglie partorì e tutti lo prendevano in giro. Mastro Francesco, sopportò e sopportò, e alla fine con una sola parola concluse: “È mondo!”.

Poi mastro Francesco si rivolse a quello che lo ingiuriava molto di più di tutti quanti gli altri e non sapeva che sua moglie stava insieme co il prete ed era già incinta di sei mesi – mo’ ci vuole il fatto! – e gli disse: “Tu sei cornuto, perché tua moglie se la mantiene il prete!”.

Intanto, saputa la cosa, questo va immediatamente dalla suocera. “Di’ un po’, come si spiega il fatto che qui i bambini nascono di tre mesi?!”, le chiese. Rispose la suocera: “Stupido scemo che non sei altro, quando mai?!… sono nove mesi… Un mese ha tre decadi e sono tre, due mesi ha sei decadi e sono sei, tre mesi ha nove decadi e sono nove. È mondo!”.