ÉJE U CIUCCE E NZ’A VÓLE SCURDÀ!…

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Quanne quèlle, Gnése, lassàj’o spóse, ca ére tròppe geluse, quille desperate penzàje: “Mò’ ‘a stute!”. Po’’ facìje móde e mmanìre p’a scanzà, pecché se vuléve pròbbete cunzulà.

Ndande mò’, che ssuccedìje? Quanne isse s’arreterav’o pajése, ‘a sére, straccque e strutte de fatighe, quille, u ciucce, l’éva jjì a ttremènde; e, u saje, qquanne pigghj’e, allassacrése, cagnave strate e sse ne jév’a vije d’a case de Gnése.

Accussì, quanne ‘na sére vedìje ca u ciucce s’abbijave n’ata vóte a qquella vije, quille se mbrestecalìje bbrutte e: “Ma cume cacchje ‘a pòzze scanzà – lucculàje – cume me pòzze cunzulà, si éje u ciucce e nz’a póte scurdà!…”.

 

NEPPURE L’ASINO LA VUOLE DIMENTICARE!….

Quando Agnese lasciò il fidanzato, che era troppo geloso, questo in preda alla disperazione pensò: “Ora l’ammazzo!”. Poi fece di tutto per evitarla, perché voleva proprio consolarsi.

Intanto, che cosa accadde? Quando lui, la sera, tornava stanco morto per la fatica, quello, l’asino, doveva andare a vederla; e, come puoi immaginare, ecco che, all’improvviso, cambiava strada e si dirigeva verso la casa di Agnese.

Così, quando una sera vide che l’asino si avviava per un’altra volta da quella parte, lui si arrabbiò di brutto e: “ Ma come caspita la posso evitare – disse gridando – come mi posso consolare, se è l’asino e non può dimenticarla!…”.