FACÌTE BBÉNE A MARTINE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Martine, ch’ére n’óme ricche assàje, chè ffacìje nu bbèlle jurne? Penzàje: “Ije mò’ quande pòzze angóre cambà? Pót’èsse ca me rèste da cambà n’ata decine d’anne…. U saje ch’agghja fà mò’? Sti sòlde ca me sònne rumaste, mò’ m’i llissce tutte quande, sennò po’’ m’attòcche a llassarecille ‘e fèsse….”. E ccussì facìje.

Mò’, che ssuccedìje? Passàrene i jurne, passàrene l’anne, e ppassàrene pure i dice anne, ca isse penzave ca éva angóre cambà; ‘a mòrte, pèrò, nz’appresendàje e Martine rumanìje frecàte. Avìja cundunuà a ccambà.

E, seccóme i denare se l’ére tutte allessciàte c’u juche, i fèmmene, i viagge, u lusse, i devertemènde, stéve desperate. “E mmò’ cum’agghja fà? E mmò cum’agghja fa?…. Pòve’a mmè! Me sònghe arruvenate ch’i mane mije stèsse…”, chiagnéve casa-case.

Po’’, finalmènde, s’accujataje e ppenzàje: “Mò’ me ne vache a ccercà a lemòsene e ccussì fenèssce ‘a stòreje; cchjù scurde d’a mèzzanòtte ne mbóte èsse….”. E accussì facìje.

E, tramènde p’a strate cercave ‘a lemòsene, pe mmètte ‘a gènde a ccumbassióne, llungav’a mane e: “Facìte bbène a Martine, pecché la mòrte l’à ttradìte….”, decève tremulianne e vvavianne.

 

FATE DEL BENE A MARTINO

Martino, che era un uomo molto ricco, che fece un bel giorno? Pensò:  “Io ora quanto posso vivere ancora? Forse mi resta da vivere una decina d’anni…. Sai che cosa farò adesso? Questi soldi, che mi sono rimasti, ora me li consumo tutti; altrimenti, poi, mi toccherà lasciarli ai fessi…”. E così fece.

Ora, che accadde? Passarono i giorni, passarono gli anni, e passarono anche i dieci anni, che lui pensava di dover ancora vivere, ma la morte non si presentò e Martino rimase buggerato. Dovette continuare a vivere

E, poiché i soldi li aveva dissipati con il gioco, le donne, i viaggi, il lusso e i divertimenti, era disperato. “E ora come devo fare’ E ora come devo fare?…. Povero me! Mi sono rovinato con le mie stesse mani….”, andava piangendo per tutta la casa.

Poi, finalmente, si calmò e pensò: “Ora me ne vado a fare il mendicante e così si risolve la faccenda; più buio della mezzanotte non può essere….”. E così fece.

E, mentre per la strada chiedeva l’elemosina, per suscitare la compassione nella gente, tendeva la mano e: “Fate del bene a Martino, perché la morte l’ha tradito….”, diceva tremando e sbavando.