FILASTROCCHE

In letteratura la filastrocca è un tipo di componimento breve con ripetizione di sillabe ed utilizzo di parole di estrazione popolare. Il ritmo della filastrocca è rapido e cadenzato con rime, assonanze e allitterazioni ricorrenti (Wikipedia)

Queste hanno una grande forza comunicativa è da sempre fanno parte della cultura di tutti popoli.

La filastrocca è un modo tramite il quale sia gli adulti che i bambini possono giocare con le parole, raccontando storie senza avere il timore di non rispettare determinate regole narrative. 

Le filastrocche rispecchiano la gioia e la felicità di chi le racconta e di chi le ascolta, fanno sorridere rendendo gioioso l’ambiente circostante. 
  • ‘A facce mina mine e u cule quand’e ‘na tine

(Col volto piccolo/smunto e il sedere quanto un tino)

  • ‘A ggènda peparule, Sandandoneje l’appicce lu cule

(Alla gente stupida Sant’Antonio gli brucia il sedere)

  • ‘A moneca bissa bissa, a ogni pendone trove ‘a isse

(La monaca bissa bissa ad ogni angolo di strada incontra lui)

  • ’A trippe nténe crijanze, jame d’a panettére e ffacime credènze

(La pancia non capisce buone maniere, perciò andiamo dalla panettiera e facciamo debito)

  • ‘A pizze Fajite se nn’é àjeme, é acite

(La pizza di Faeto se non è bassa (azima), è acida)

  • ‘A rédene mustazzètte: vuna corte e l’àveta strétte

(Le redini di “mustazzetto”: l’una è corta e l’altra è tirata (indica una coppia di quadrupedi al tiro, lenta e inefficiente)

  • ’A reggina Taitù, Meneliccbje nn’a vole cchjù

Menelik non vuole più la regina Taitù (l’ha ripudiata)

  • ‘A vacche se chiame Carulíne, se nn’a vutte nen camine

(La mucca si chiama Carolina, se non la spingi non si muove)

  • A Sandestèfene nen ze file e nen ze tèsse, nen ze mètte u file a l’ache, nen ze mètte u péttene ngape

(A Santo Stefano non si fila e non si tesse, non si mette il filo nell’ago, non si mette il pettine in testa)

  • Alla guèrre, alla guèrre e sparame i trè ccannúle: cicciapù!

(Alla guerra, alla guerra, spariamo coi tre cannoni: cicciappù!)

  • A massarije de don Rocche a matine locche-locche, ‘a sére tocche-tocche

(Alla masseria di don Rocco la mattina si andava a lavorare piano piano, la sera si andava via lesti lesti)

  • A mmarze vune e dduje, abbrile trè e qquatte, magge cìnghe e sséje, giugne nne mme cugghje.

(A marzo ne trovi uno o due, in aprile tre o quattro, a maggio cinque o sei, a giugno più niente (di asparagi nei boschi));

  • A mmagnà trullallà, a /fategà uffà!.

(A mangiare evviva (che piacere!), a lavorare uffa! (che fatiga!))

  • Annanz’a casa míja stace u mbússe, passe ‘na cumbagna míja e se rombe u músse. Vèsta de séte, cotóne de vellúte, deccille a quèlla llà che se facèsse i fatta súje

(Davanti a casa mia c’è il bagnato; vi passa un’amica mia e si rompe il muso. Vesta di seta, cotone di velluto, di’ a quella là che si facesse i fatti suoi)

  • Àreve de ceprèsse àvete, lunghe e fèsse

(Albero di cipresso alto, lungo e fesso)

  • Arrubbe e ppurte a mmè, che quanne te mbénnene te vénghe a vvedè.

(Chi intende evidenziare la stupidità di una persona che, per procurargli vantaggi, è pronta a mettersi nei guai)

  • Assà fà a Ddije, assà fà a Ddije, e ‘a pizze se gardije

(Lascia fare a Dio, lascia fare a Dio, intanto la pizza si bruciò)

  • Asse de coppe è pparènde a trè ddenare, e tutt’i scarpare fann’amóre ch’i lavannare

(Asso di coppe è parente a tre di denari, e tutti i calzolai fanno l’amore con le lavandaie) Filastrocca cantata scherzosamente sull’aria della “Carmen” di Bizet

  • Bbattiste p’a fame à ppèrze ‘a viste,

(Battista per la fame ha perso la vista)

  • Bbonanotte e lu lupe arrét’a porte,

(Buona notte e il lupo è dietro la porta (il malvagio si nasconde nel buio)

  • Bbongiorne e bbonasére, ggnune ggnune e case lore,

(Buongiorno e buonasera, ognuno a casa propria (ammonimento a conservare quella certa riservatezza, che poi fa bene ai rapporti)

  • Cacche, pissce e mbùmbe.

(Cacca, piscia e bevi (esclamava la mamma, quando il figlioletto, mentre si apprestava a mangiare, diceva di voler fare un bisogno corporale)

  • Carnuuale sicche sicche s’è mmagnate ‘a savezicchje, Carnuuale ciutte ciutte s’è mmagnate ‘a carne de purche.

(Carnevale magro magro ha mangiato la salsiccia, Carnevale grasso grasso ha mangiato la carne di maiale)

  • Catarina Paduuane, quanda votte è misse a mmane?.

(Caterina Padovano, a quante botti hai messo mano?)

  • Cavezètte de l’àneme i murte, / addefrisscke a tutt’i murte/a chi t’è murte

(La calza dell’anima dei morti, / pace a tutti i morti / a chi ti è morto)

  • C’è, c’è, c’è, ngúle a mmammete che c’è? Ce stace ‘na fenestrèlle èssce e ttrase Pulecenèlle.

(C’è, c’è, c’è, nel culo di tua madre che c’è? C’è una finestrella, dalla quale esce ed entra Pulcinella)

  • Cecerenèlle tenéve, tenéve – e nen sapève che tenéve. – Tenéve ‘na rame appése – che nen valève nu turnése.

(Cicirinella teneva, teneva – e non sapeva cosa teneva. – Teneva il rame (un tegame di rame) appeso – che non valeva un tornese)

  • Cecìlija, Ceclleje, fèste o nen feste, fatighe e fatta vèste.

(Cecilia, Cecilia, o è festa o non è festa, lavora e preparati la veste)

  • Che nu palme de stoffette vole fà mutande e cavezunètte.

(Con un palmo di stoffa vuole fare mutande e mutandoni)

  • Che ‘na scarpe e nu chianille e mmaste Pèppe cu rafanìlle

(Mastro Pèppe era un ciabattino che calzava una scarpa a un piede e una pantofola all’altro e mangiava ravanelli imbevuti nell’olio-sale e beveva vino)

  • Chi me nticche e chi me ntacche, nne mme ntacche manghe ‘na pacche.

(Chi mi critica e chi mi ferisce, non mi taglia nemmeno una natica (colui che, con le parole, cerca di danneggiarmi, non mi procura nessun male)

  • Chi rire sènza nu chè o é ffèsse o ce l’ave che mme.

(Chi ride senza un perché o è scemo o ce l’ha con me)

  • Chi vole u pane Petrille, adda magnà nda nu cannille,

(Chi vuole guadagnarsi il pane dai Petrilli (lavorando per essi), deve fare l’impossibile (mangiare in una cannula))!

  • Chjove, chjove a la marine e lu pèssce a nu carline

(Piove e piove alla marina e il pesce a un carlino)

  • Chjove e cchjove e ppapà è jjute fore, è jjute sènza mbrèlle, è jjute a ccogghje i pemmedore.

(Piove e piove, e papà è andato in campagna, è andato senza ombrello, è andato a raccogliere i pomodori)

  • Cina, Ggiappone, carta cartone, vènge la Cine e ppèrde u Ggiappone,

(Cina, Giappone, carta cartone, vince la Cina e perde il Giappone).

  • Conde e straconde e u diavele se pigghja a jonde.

(Conto e riconto e il diavolo ruba un pezzo)

  • Corna a tte, cumbitte a mme,

(Le corna a te e i confetti a me (detto all’invidioso che non si dà pace dell’altrui fortuna)

  • Cuméta cuméte, a pparte de jì nnanze, jame arréte

(Cometa cometa, invece di andare avanti, andiamo indietro)

  • Ddije, prime de crijà u cafone, crijaje la zappe e lu zappone.

(Dio, prima di creare il cafone, creò la zappa e lo zappone (senza di questi arnesi non si ha il vero cafone))

  • Deciassètte: ‘a desgrazzeje Marija Sabbètte,

(Diciassette: la disgrazia di Maria Elisabetta)

  • Ditte pe dditte, checozza fritte.

(Detto per detto, si riduce a una zucca fritta (dopo aver tanto discusso, si conclude con un’inezia)

  • Doppe fatte i mije facènne, ténghe ngule a tutte la ggènde,

(Dopo aver fatto i miei comodi, me ne frego di tutta la gente (non mi interesso di nessuno);

  • Doppe sta fategate ngi’a facime ‘na magnate?

(Dopo questo lavoraccio non ci facciamo una mangiata?)

  • Dunghe e pparadunghe, chiandame li fafe e èsscene li vunghele

(Dunque e dunque, piantiamo le fave ed escono i baccelli) (scioglilingua)

  • È mmúrte cosse stúrte e se lu chiagne ‘a cummare (‘a mandenúte), se la rire lu cumbare

(È morto quello che aveva le gambe curve, lo piange l’amante, ma ride il compare (il cornuto))

  • E va bbúne, decíje mast’Andréje, dìnde i guaje s’addecréje

(E va bene, disse mastro Andrea, che nei guai si trovava a suo agio)

  • Fiche sfatte e ppére mature, ‘a bbanne de Troje pe ssope i Mure.

(Fichi sfatti e pere mature, la banda di Troia nel rione delle Mura (detto ironico popolare: come i frutti guasti non si mangiano, così la banda di Troia che passava nel popolare rione delle Mura era ritenuta scadente)

  • Fila, fila Rite, / s’aggranghene li dite, / tanne filerò, / quanne state vinerò

(Fila, fila Rita / mi si intirizziscono le dita, / allora filerò / quando l’estate verrà)

  • Fila, fila Rite, / se sudene li dite, / tanne filerò, / quanne virne vinerò

(Fila, fila Rita / sudano le dia / allora filerò / quando l’inverno verrà)

  • Fuggiane magna patane, accide peducchje e ssona cambane,

(I Foggiani, mangiatori di patate, uccidono i pidocchi e suonano le campane)

  • Ggiacinde, la mane a la cinde, la cape a lu core, Ggiacìnde se more.

(Giacinto, con la mano alla cinta, la testa reclinata sul petto, Giacinto muore)

  • Ggiglje nge vole stà e Mmenzegnore nn’u vole tenè

(Giglio non ci vuole stare ed il Vescovo non lo vuole tenere)

  • Gratta Marianne, cchjù gratte e cchjù guadagne.

(Gratta Marianna, più gratti e più guadagni)

  • I Fèmmene de Vutrine pisscene ndèrre e fanne palline.

(Le donne di Volturino pisciano a terra e fanno palline)

  • Ije sònghe bbèlle / e ttu sì bbrutte / ‘a fàccia mijè / piàce a ttutte / piàce a mmamme / ca m’a ffatte / e nnon a ttè / facce de gatte

(Io sono bella / e tu sei brutta / la mia faccia / piace a tutti / piace alla mia mamma / che mi ha partorito / e non a te / faccia di gatto)

  • Ije sò na povera zengarelle… sò venúte da lundane, … sò venúte da l’Egìtte che te vogghje nduvenà! ….Vide, vide …’ndo stepóne se ce sta ‘na cósa bbòne….. Tíne ‘na fèlle d’casecavalle o ‘na brasciole de cavalle? Tíne ‘na bbèlla muzzarelle pe sta pòvera zengarelle?

(Io sono una povera zingarella … sono venuta da lontano …. Sono venuta dall’Egitto perché ti voglio prevedere il destino! …. Guarda guarda nella credenza se c’è una cosa buona ….. Hai una fetta di caciocavallo o un involtino di cavallo? Hai una bella scamorza per questa povera zingarella)

  • Lamba, lamba Sande Necóle, chi acciaffe cova

(Se menave u tucche e quille che asscéve arapeve ‘a mane e tenéve u palme ggerate abbassce. L’ati crijatúre avvecenavane nu díte o palme d’a mane. Appéne quille che stéve c’a mane apérte, fenève de dì ‘a filastrocche, chiudéve ‘a mane e si ngappave quacche díte, u crijatúre jéve sòtte).

  • Lucére è u paése d’u scunforte: o chjóve o ména vínde o sone a mmúrte

(Lucera è il paese dello sconforto: o piove, o tira vento o suona la campana a morto)

  • Luna a ppunènde luna cresscènde, luna a llevande luna calande,

(Quarto di luna rivolto a ponente è luna crescente, quarto di luna rivolto a levante è luna calante

  • Lunedì à mmannate a martedì da merculedì, pe ssapè da ggiúvedì se venerdì avéve ditte a ssabbete che duméneche éra féste

(Lunedì mandò martedì da mercoledì, per sapere da giovedì se venerdì aveva detto a sabato che domenica era festa)

  • Male mastre songhe, male fìrre tènghe e nnissciùne me chiame

(Sono un maestro poco esperto, ho cattivi arnesi e nessuno mi chiama)

  • Mamme face i pupe e tate i vace a vvènne: tre solde i puparèlle, duje solde i puparille.

(Mamma fa le bambole e papà gira per venderle: tre soldi le bamboline, due soldi i bambolotti)

  • Marze marzicchjie / a l’ajene mije / so ggjià spundate li curnicchjie; / se vote marze / ue bbruzzese / vide che si marze se grogne / a l’ajene tujie ce face zumbà / corne pile e ogne

(Marzo, marzolino / alle mie pecore / sono spuntate le corna; / risponde Marzo / ei abbruzzese / stai attento che se Marzo si arrabbia / alle tue pecore gli fa saltare / corna, peli e unghie).

  • Marze marzicchjie / a l’ajene mije / so ggjià spundate li curnicchjie / bbrilo mijio cortese / damme cinghe jiurne del tuo mese / quande mette a pposte a stu bbruzzese. / Facjie na nevecate / sope a tutte u chjiane / e u bbruzzese rumanijie / senza ajene pecure e cane

(Marzo, marzolino / alle mie pecore / sono spuntate le corna; / Aprile mio cortese / dammi cinque giorni del tuo mese / il tempo di mettere a posto questo abbruzzese / Fece una nevicata / sopra il pianoro / e l’abbruzzese rimase / senza agnelli, pecore e cane).

  • Marze pazzèrèlle, èssce u sole e ppigghje u mbrèlle

(Marzo pazzerello, esce il sole e prendi l’ombrello)

  • Maste Necole, picche me daje e picche t’ammole,

(Mastro Nicola (disse): pochi soldi mi dai e per poco molo (pochi soldi mi dai e breve molarura ti concedo, detto dell’arrotino Nicola Lembo))

  • Me fazz’a croce c’a mana manghe, agghja truuà nu fèsse che me cambe; me fazz’a croce c’a mana dritte, agghja truuà nu fèsse che m’assiste

(Se mi faccio la croce con la mano sinistra, forse trovo qualcuno che mi darà da vivere; se mi faccio la croce con la mano destra, forse trovo qualcuno che mi assisterà)

  • Meruccia, meruccia, / lu case che s’ammucce, / s’ammucce ‘na bbèlla cóse, / e ppruuamele si è bbone, / si è bbone ce la magname / e se nno a jettame, / a facìme menuzze menuzze, / a jettame abbasce u pùzze.

(Miruccia, miruccia, / il cacio che si nasconde, / si nasconde una bella cosa, / e proviamola se è buona; / se è buona la mangiamo / e se no la gettiamo; / la facciamo a pezzettini /e la gettiamo nel pozzo). Veniva detta al bambino. Il bambino era tenuto sulle gambe della mamma o di un parente; si metteva una mano dietro la nuca e mentre si diceva questa filastrocca piano piano lo si faceva andare all’indietro e poi lo si tirava su e così via.

  • Mmaculata Cungètte, Natale deciassètte,

(dall’Immacolata Concezione al Natale passano 17 giorni)

  • Mmòcche a me, / mmocche a te, / mmòcche a figghje de lu re, / e si po’ nne vòle cchjù / magnatìlle tùtte tu.

(In bocca a me / in bocca a te, / in bocca al figlio del re, / e se poi non ne vuole più / mangiale tutte tu).

  • Mò sone mezzejùrne / a tavele pronda pronda / u pane a ffèlle a fèlle / u vìne nd’a fiaschèlle

(Ora suona mezzogiorno / la tavola è già pronta / col pane a fetta a fetta / col vino dentro il fiasco)

  • Mo’ che te si’ ggiustate, asscinne che si’ rrevate

(Ora che ti sei ben sistemato, scendi, perché sei già arrivato

  • Nne mme léve u mijo cappotte, se nn’arrive ggiugne a l’otte

(Non mi tolgo il cappotto, se non arriva l’otto di giugno).

  • Nen zò bbèlle, nen zò bbrutte, il mio viso piace a ttutte, piace a mamme che m’ à fatte e nno a tè facce de gatte,

(Non sono bella, non sono brutta, il mio viso piace a tutti, piace alla mia mamma, che mi ha fatto, ma non piace a te, faccia di gatto (con questa strofetta pungente si vendicava la ragazza lasciata dal fidanzato, perché non gli piaceva più)

  • Ndéne che ffà e ppigghje i cane a ppettenà,

(Non ha cosa fare e pettina i cani. Lo sfaccendato si impegna in cose inutili)

  • Ndìnghe, ndìnghe, la cambanèlle / mò se ne véne Marja bbèlle, / porte rose e seggiulèlle / pe fà assettà li vergenèlle. / Li vergenèlle andunucchjate / pe fà assettà l’Annunciate. / L’Annunciate faccia tonne / pe fà assettà la Madonne. / La Madonne col suo mande / acchemmogghje a tutte quande.

(Din, din, suona la campanella / sta arrivando Maria bella, / porta rose e sedioline / per fare sedere le verginelle. / Le verginelle inginocchiate / per far sedere l’Annunziata. / L’Annunziate faccia tonda / per far sedere la Madonna. / La Madonna col suo manto / ci ricopre tutti quanti).

  • Ninna nanna, ninna nonne. / U crijature míjje se vole addorme. / Súnne, súnne, che da lundane vìne / vìne a cavalle e nge venènne a ppide / vìne a cavalle a nu cavalle janghe / e nen venènne a ppide, che te stanghe
  • Nn’adda èsse mo’ u chiand’amare, ma quanne ce truuame ammizz’o mare.

Non è adesso il momento di piangere, ma quando saremo in mezzo al mare

  • Nn’è de Vènere, nn’è de Marte, nen ze spose, nen ze parte, nen ze dà prengipeje a l’arte

(Né di venerdi, né di martedi, è opportuno sposarsi o partire o incominciare un’opera d’arte)

  • Nn’è ccose a spusà a Rrose,

(Non è opportuno / È difìcile sposare Rosa)

  • Ogge éje fèste, ‘a pùpe a la fenèstre, ‘u sorece abballàve, ‘a gatte cucenàve, cucenàve ‘i maccarùne e zia moneche ‘a cannarùte

(Oggi è festa, la bambola alla finestra, il topo ballava, la gatta cucinava, cucinava i maccheroni e zia monaca golosa)

  • Ogge è ffèste e la monecbe che se vèste, se vèste de vellute, viva ‘a moneca cannarute,

(Oggi è festa e la monaca si veste, si veste di velluto, evviva la monaca golosa)

  • Ognune s’alze prèste a la matine – pe ppeghja lu poste nd’u trajine – e quanne stu lavore è terminate – ‘a vennégne da don Cicce è ngumenzate.

(Ognuno si alza presto il mattino – per accaparrarsi il posto sul carretto – ma quando questo lavoro è finito – la vendemmia da don Ciccio (Curato) è incominciata)

  • Marche pigghj’a tturche o turche pigghj’a Mmarche.

(O Marco piglia/cattura il turco, o il turco piglia/cattura Marco (discorsi o azioni fra due inconcludenti; anche: o la va o la spacca)

  • Parénde a vvunnèlle, vole cum’e ‘na rennenèlle; parénde a ccavezone, vaje adage cum’e nu scarafone.

(I parenti con la gonna (le donne) volano come le rondini (sono incostanti); coi parenti che portano i pantaloni (gli uomini), vai adagio come uno scarafaggio (sii prudente))

  • Passate ‘a cenguandine, / nu guaje ogne matine! / Arrevate ‘a sessandine, / lasse ‘a fémmene e pigghie u vine! / Arrevate a i settànde, / mbàrete ‘a vìje d’u Cambesande!

(Passata la cinquantina, un guaio ogni mattina! / Arrivata la sessantina, lascia la donna e prendi il vino! / Arrivato alla settantina / impara la strada del cimitero)

  • Pax Domine, pax Domine, pax Domine / Che bbèlle litte ca tène sta donne / si sapèsse ca u marite nge stèsse / me culecasse ‘na notte ch’èsse.

(Pax Domine, pax Domine, pax Domine / che bel letto ha questa donna / se sapessi che il marito non c’è / dormirei una notte con lei) 

  • Pasquale à spaccate a mme e ije mbozze arrevà a spaccà a Ppasquale.

(Pasquale ha spaccato me e io non riesco a spaccare Pasquale)

  • Pecacche p’i mbicce de l’àvete avìje i bbotte: mmèce de quatte n’avìje otte

(Picacco (soprannome di un popolano), poiché s’impicciò deli affari altrui, si prese le botte: invece di quattro buscò otto bastonate).

  • Pite, pite pezzènde, chi à ffatte quèsta loffe, l’à ffatte u cule fetènde, à mbezzenute a ttutte la ggènde, la ggènda peparule, Sandandoneje l’appice lu cule.

(Peto, peto pezzente, chi ha emesso questa loffa, l’ha emessa il culo puzzolente, ha appestato tutta la gente, alla gente peperone (da niente), Sant’Antonio accende il culo)

  • Pund’e bbaste e ccìcere c’a paste.

(Punto e basta e ceci con la pasta (detto scherzoso che ricorreva per tacitare i bambini))

  • Russce male pile, purte l’acque a li galline, i galline vanne cacanne e u russce va lleccanne.

(Rosso malpelo, porta l’acqua alle galline, le galline vanno defecando e il rosso va leccando)

  • Sanghe de Bbacche, ntènghe tabbacche, tènghe ‘a pippe e mbozze fumà.

(Sangue di Bacco, non ho tabacco, ho la pipa, ma non posso fumare. Ho tutte le potenzialità ma non riesco ad emeregere).

  • Sambasquale Bbajelonne, prutettore de li donne, dacciacille nu marite, bbèllefatte e sènza prudite,

(San Pasquale Bailonne, protettore delle donne, procurale un marito, di bell’aspetto e senza fisime)

oppure

  • Sambasquale Bbajelonne, prutettore de li donne, famme truvà nu marite, janghe, russce e cculurite, cum’e vvuje tale qquale, bbeneditte Sambasquale,

(San Pasquale Bailonne, protettore delle donne, fammi trovare un marito, bianco, rosso e in buona salute, come voi tale quale, benedetto San Pasquale)

  • Scarciofela mija pelose – t’agghje amate cum’e ‘na rose; – mò che è fatte i pile – statte bone scarciofela mija.

(Carciofo mio peloso – ti ho amato come una rosa; – adesso che hai fatto i peli – ti saluto carciofo mio)

  • S’è ppecciate ‘a luce èlèttre e i Fuggiane c’a vocc’apèrte

(Si è accesa la luce elettrica e i Foggiani stanno con la bocca aperta per la meraviglia)

  • Se chiame Rocche: se véde e nen ze tocche,

(Si chiama Rocco, si vede e non si tocca)

  • Sellúzze vattinne a ppúzze, vattinne a mmare, va’ d’a cummare, vide che te dice; se te dice de bbùne puzza turnà, se te dice de male puzza sckatta.
  • Se nnarrive ggiugne a l’otto, nne mme tolghe il mije cappotte.

(Se non arriva l’otto di giugno, non mi tolgo il cappotto)

  • Séte e setazze, cume faje accussì te fazze,

(Seta e setaccio, come fai così ti faccio)

  • Sètte, quattòrdece, vindùn’e vindòtte. ‘A maijèste m’ha ddate ‘i bbotte. Me l’a ddate forte forte sètte, quattòrdece, vindùn’e vindòtte.
  • Si’ jjute a’ poste, è pèrze u poste,

(Sei andato alla posta ed hai perso il posto)

  • Sòttacque e sòtta vvinde, sòtt’a noce Bbenevinde.

(Con l’acqua e con il vento sotto il noce di Benevento (formula attribuita alle streghe di Benevento))

  • Stucche mije dilètte, toglje tutti i mije difette,

(Stucco mio diletto, nascondi ogni mio difetto)

  • Sule pe ttrè è ffatte ‘a Pugghja chjane: capevuttere, curatele e ggualane,

(Solo per tre è fatta (è adatta) la Puglia piana: capo buttero, curatolo e gualano)

  • Sule songhe e ffranghe me chiame.

(Sono solo e sono libero)

  • T’è misse ‘a vesta rossce e quanne camine te faje canossce.

(Hai messo la veste rossa, per farti riconoscere quando cammini (detto a ragazza o donna libertina))

  • Te ngiareme e t’assecure: d’i sérpe morte nnavè paure.

(Ti incanto e ti assicuro: delle serpi morte non aver paura (era la formula scherzosa che si pronunciava, con segno di croce sulla fronte, all’ingaggio del giovane muratore))

  • Teretuppe e tteretappe e i fesse vanne pe acque.

(Tiritera e tiritera e i fessi vanno per acqua (le discussioni, le chiacchiere servono sempre ad abbindolare gli ingenui))

  • Te vogghje bbéne, – te tènghe nd’u core, – ‘na piccula manganze – e te cacce fore,

(Ti voglio bene, – ti porto nel cuore, – una piccola mancanza – e ti metto alla porta)

  • Titte, titte, titte, t’è lu sturte e damme lu ritte.

(Tetto, tetto, tetto, prenditi il dente storto/cariato e dammi quello diritto/sano)

  • Trè, séje, nóve, fazze i cunde e nnemme trove, me trove a ‘na fundane, che ‘na bbèlla rosa mmane. Nnammurata lanza lanze, pigghje e fuje.

(Tre, sei, nove, faccio i conti e non mi trovo, mi trovo ad una fontana con una bella rosa in mano. Innammorata svelta svelta, prendila e scappa).

  • Turlì, turli, turli, ‘a notte de Natale: u Padre, u Figghje e u Spirete Sande.

(Turlì, turlì, rurlì, la notte di Natale: il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo (i suoni e i canti della notte di Natale glorificano la SS.ma Trinità)).

  • Tu si’ bbrutte c’u tì, c’u nì, c’u ndringhendrà: tìne i cosse tarlate, féghete petrúse e fíte pure de canbesande

(Tu sei brutta col ti, col ni, col ndringhendrà: hai le gambe tarlate, il fegato pietroso (con i calcoli) e puzzi pure di morte). Alcune parole sono intraducibili, era una filastrocca che le ragazze dicevano quando litigavano

  • Tutt’i feste jèssere, venèssere, Pascul’a Bbefanije maje venèsse,

(Tutte le feste possono passare e tornare, ma Pasqua l’Epifania non dovrebbe mai venire (perché, secondo la credenza popolare, i morti che dal due novembre girano liberamenre, dopo l’Epifania devono rientrare nei loro loculi; ma anche perché con l’Epifania termina il periodo festivo del Natale)

  • Uagljò, uagljò Peppine, / ‘a llorge nen camíne, / ngamíne da vìndiquattróre; / ce ne jame fóre pe fóre / e truuame ‘na vecchjarèlle / pe lu cúle a pagnuttèlle, / segnore delegate / mettamille carcerate

(Ragazzo, ragazzo Peppino, / la sveglia non cammina, / non cammina da ventiquattro ore; / ce ne andiamo fuori / e troviamo una vecchina, / col sedere a pagnottella / signore Delegato ettila in prigione)

  • U juche d’i papocchje: o me mbapucchje o te mbapoccbje.

(Il gioco dell’inganno: o m’inganni o t’inganno (gioco delle tre carte che si faceva nelle fiere per spillare soldi alla gente in buona fede))

  • U moneche a Piètà magne e vvéve e nen pò cacà,

(Il monaco (del convento) della Pietà, mangia e beve e non può cacare)

  • U munne è llunghe, ‘a cochele e ttonne,

(Il mondo è lungo, la bacca è tonda)

  • Ureja mia bbèlle, vestute da Vergenelle, ajuta a sta puurèlle,

(Spirito mio bello, vestito da vergine, aiuta questa poveretta)

  • U suldate a cundèsse: è jjute dritte, è tturnate fesse.

(Il soldato della contessa: è andato (in guerra) che era astuto, è tornato stupido))

  • Vecìnze, s’i ffèsse e nen ce pinze.

(Vincenzo, sei fesso e non ci pensi (sfottò))

  • Vune, duje ettrè, zombe cavalle e rrè.

(Uno due e tre, salta ilcavallo col re)

  • Zì moneche nd’a pagghjére stà facènne u zicchetezzi; (tu dice) “Zì mo’, issce fore” e quille se sponde u cavezone

(Zio monaco nel pagliaio sta facendo ………; (tu dici) “Zio monaco, esci fuori” e quello si sbottona il pantalone)

  • Zì Necó, zì Necó, stace ‘na fèmmene ca te vo’, ‘na sunate e ‘na bballate e zì Necó nd’a pegnate

(Zio Nicola, zio Nicola, c’è una donna che ti vuole, una suonata ed una ballata e zio Nicola nella pignatta)

  • Zumbe, zumbitte, ndò zomba ‘a crape, zombe u crapitte

(Salto, saltello, dove salta la capra, salta anche il capretto) (i figli imitano i genitori)

  • Zuppitte nganna múnne e ffaveza pedate

(Zoppetto che inganna il mondo col falso camminare (si dice di chi si finge zoppo)

  • Zùppe de pane e llatte pe sbranarte cúm’e ‘na gatte, zùppe de pane e vvíne pe sbranarte cúm’e ‘na galline

(Zuppa di pane e latte per sbranarti come una gatta, zuppa di pane e vino per sbranarti come una gallina)